Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

GIGANTINO (VMWARE): DALLA GEN Z AI BABY BOOMER, NELL'ERA POST-COVID L'IMPORTANTE SONO LE CONNESSIONI

di Matteo Castelnuovo | 29/07/2022

Quando si parla del modo in cui lavoriamo nella nuova era del lavoro ibrido, si deve necessariamente considerare non solo la tecnologia che lo consente, ma anche la cultura che lo definisce. Oltre a investire nelle più recenti tecnologie di esperienza digitale per supportare i dipendenti ovunque scelgano di lavorare, le organizzazioni devono infatti oggi anche ripensare la cultura di una forza lavoro che non è più confinata in un ufficio.

Un tema, questo, molto delicato e di grande attualità che abbiamo voluto approfondire attraverso le parole e l'esperienza di Raffaele Gigantino, Country Manager VMware Italia, anche in vista della prossima edizione di HR Business Summit, l'evento dedicato al mondo delle risorse umane che si terrà il prossimo 29 e 30 novembre 2022 all'interno di Business Leaders Summit, la grande manifestazione dedicata ai C-Level del futuro, organizzata da Business international - Fiera Milano e prevista, nella sua edizione autunnale, dal 21 novembre all'1 dicembre 2022 a Roma, presso gli spazi di Palazzo Rospigliosi. "Se la decisione tra il lavoro ibrido permanente e il ritorno in ufficio non fosse già abbastanza difficile- spiega il manager -, i datori di lavoro devono anche considerare i punti di vista diversi e spesso opposti dei dipendenti e devono farlo bilanciando una serie di questioni culturali, aziendali ed economiche come la produttività, la destinazione di uffici vuoti e costosi e il modo per aumentare la collaborazione o ridurre il senso di isolamento".

Non sempre, però, c'è accordo all’interno dei gruppi di età differenti su dove e come le persone vorrebbero o dovrebbero lavorare, e questo porta a grandi differenze nell'esperienza e nelle prestazioni. "Secondo una nostra recente ricerca dal titolo “The Virtual Floorplan: New Rules for a New Era of Work”- prosegue Gigantino -, dall'inizio della pandemia, il 62% dei giovani tra i 18 e i 25 anni ha ottenuto una promozione, contro appena il 13% delle persone con più di 56 anni. Le aziende devono rispondere a queste differenze nel contesto di obiettivi più ampi e di aspirazioni volte a rendere l'ambiente di lavoro più inclusivo e, anche, flessibile". Dare vita a un processo come questo, però, non sembra essere così semplice. "Il modo in cui le organizzazioni scelgono di affrontare questo ostacolo generazionale e la differenza di visione - sottolinea il manager - sarà uno dei principali fattori che decideranno chi avrà successo e chi no nella nuova era del lavoro ibrido".

L'IMPORTANZA DELLE CONNESSIONI

Quali sono, quindi, queste differenze e qual è l'impatto sulle aziende che stanno già lottando per accedere alle competenze critiche in seguito alle "Grandi Dimissioni" e alle "Grey Resignation", di cui si parla meno ma che non hanno meno impatto? "Il divario più netto tra le opinioni generazionali - indica Gigantino - si riscontra nel modo in cui i gruppi di età considerano lo sviluppo delle connessioni personali. Dalla nostra ricerca è emerso che il 70% della Generazione Z (18-25 anni) ritiene che il cambiamento delle circostanze lavorative abbia migliorato i legami personali con i colleghi, mentre solo il 30% dei Baby Boomers (56+ anni) può dire lo stesso". Forse si tratta semplicemente di ciò a cui sono abituati: i Baby Boomer hanno lavorato in ufficio per tutta la loro carriera lavorativa, ma il mantenimento e la creazione di legami per promuovere team collaborativi devono essere al centro dell'attenzione dei datori di lavoro. "Le connessioni non solo sono positive dal punto di vista dell'apprendimento e della socialità - conferma il manager -, ma contribuiscono anche ad aumentare il rendimento del lavoro e i livelli di performance del team e di coinvolgimento dei dipendenti. Ecco perché, secondo il VMware Forrester Digital Employee Experience Report 2022, il 60% delle aziende a livello globale sta dando priorità a un investimento medio di 500.000 dollari in una piattaforma digitale completa per l'esperienza dei dipendenti nei prossimi 24 mesi, e l'80% cita la produttività dei dipendenti come uno dei principali fattori alla base dell'investimento. I lavoratori intervistati per la BCG COVID-19 Employee Sentiment Survey che si sono sentiti meno connessi socialmente con i colleghi durante la pandemia sono stati meno produttivi nelle attività di collaborazione rispetto a prima della pandemia e solo il 30% dei Baby Boomers ritiene che la produttività dei dipendenti sia aumentata con l'introduzione del lavoro a distanza". Risulta chiaro, quindi, come, indipendentemente dal fatto che siano in ufficio o che lavorino altrove, i datori di lavoro devono considerare come offrire maggiori opportunità di connessione sociale tra le generazioni. "Esempi di questo nuovo approccio, in realtà, già esistono - commenta Gigantino -. Basti pensare, ad esempio, che il fondatore della banca britannica Monzo, Tom Bloomfeld, ha recentemente annunciato di aver investito in un'applicazione per il benessere per superare la solitudine del lavoro ibrido e aiutare a creare connessioni tra colleghi basate su interessi extra-lavorativi".

ACCORDO GENERAZIONALE SUL VALORE DELLE PRESTAZIONI

Sebbene i gruppi generazionali possano essere divisi sulle loro esperienze di lavoro a distanza, però, tutti sembrano essere d'accordo su due cose importanti: in primo luogo, il fatto che lavorare in un ambiente remoto o distribuito abbia portato i dipendenti a essere valutati più in base alle prestazioni e meno in base a parametri tradizionali come il tempo trascorso in ufficio. Il secondo punto riguarda le capacità di leadership necessarie per creare team ad alte prestazioni in un ambiente remoto o distribuito. "Tutti - aggiunge il manager - riconoscono l’importanza delle capacità di comunicazione, seguite dalla capacità di fidarsi dei dipendenti, dalla fluidità digitale su una serie di piattaforme e dall'adattabilità a nuove modalità di misurazione delle prestazioni dei dipendenti". La vera sfida, così, diventa saper abbracciare la flessibilità per supportare tutti i dipendenti. "Uno dei tratti distintivi del lavoro ibrido - prosegue il manager - è la flessibilità. Per questo motivo, anche se possono esserci dei divari di esperienza tra le diverse generazioni di dipendenti, i datori di lavoro devono cogliere l'opportunità di colmare questi divari durante la transizione verso il nuovo modello di lavoro ibrido, per assicurarsi di costruire una forza lavoro realmente inclusiva e diversificata. Le imprese oggi operano in un mercato del lavoro difficile. Riuscire a trovare un equilibrio tra le esigenze di diversi tipi ed età di lavoratori sarà fondamentale per trattenere e attrarre nuovi talenti - giovani e meno giovani - in azienda. Sebbene trovare questo equilibrio possa sembrare difficile da raggiungere, la ricerca mostra che c'è una correlazione molto importante che, se risolta, avrà un effetto positivo a catena. Si tratta della correlazione tra l'aumento dei legami personali e il conseguente aumento della produttività e delle prestazioni del team".

LA VALORIZZAZIONE DELLA PERSONA ATTRAVERSO LA TECNOLOGIA

Sebbene ciò sia particolarmente vero per le generazioni meno giovani, le connessioni di tutte le età sono ciò che aiuta le persone (e l'azienda) a prosperare. "Nella nuova era digitale e ibrida - sottolinea Gigantino - i dipendenti vogliono sentirsi apprezzati, connessi, sostenuti e incoraggiati, indipendentemente da dove e come lavorano. Per i datori di lavoro, questa è un'opportunità per evolvere la cultura della propria forza lavoro in modo da prendere in considerazione le esigenze di ogni generazione e diventare più forti, più competitivi e un posto di lavoro migliore per tutti. E sfruttare le tecnologie per l'esperienza digitale che possono trasformare la "forza lavoro ovunque" in una realtà ricca di contenuti".

...continua

Last News

Marketing & Innovation

GIOVANNI DI STEFANO (SAPG LEGAL TECH): GLI AVVOCATI SONO I VERI ABILITATORI DEL BUSINESS DATA INTENSIVE

In questa nuova puntata di AIXA Rewind, lo spazio virtuale in cui ripercorriamo i principali spunti emersi nell’ultima edizione di AIXA 2021 (9-12 novembre 2021), parliamo insieme a Giovanni Di Stefano, Lead focus team di SAPG Legal Tech, di data economy e di come il nuovo oro dell’impresa moderna, grazie all’adozione di tecnologie come l’Intelligenza Artificiale, possa essere raccolto, valorizzato e patrimonializzato per offrire nuove opportunità di sviluppo per il business, a patto che il tutto sia compliant e conforme alle regolamentazioni in continua evoluzione che stanno caratterizzando le discussioni e il disegno delle linee guida e delle roadmap di crescita economica a livello nazionale e internazionale.

Di Stefano, partiamo subito con il capire un elemento basilare: che ruolo hanno gli avvocati nella data economy?
la professione di avvocato ha visto un importante cambiamento a seguito della rivoluzione portata dai dati. viviamo, infatti, in un’epoca data intensive e tecnologie, come l’ai, grazie all’incremento dei big data e all’aumento della capacità computazionale, hanno spinto il mondo verso la digital transformation, portando anche gli avvocati che hanno sviluppato specifiche competenze digitali ad essere supporto imprescindibile per le imprese in questo in questo cambiamento. Un ruolo imprescindibile principalmente per due motivi: il primo legato a un fattore di rischio compliance rispetto a regole e sanzioni e il secondo connesso invece alla grande opportunità da cogliere. nel primo caso, gli avvocati, con specifico riferimento alla data economy, assistono e supportano le imprese nella gestione day by day dei propri dati avendo il Gdpr (e tutte le altre norme ad esso connesse) come pietra miliare su cui focalizzarsi; in questo ambito, le complessità aumentano in tutti i casi in cui bisogna coordinarsi con le discipline di altre nazioni europee, ovvero con regole e norme extra europee (usa e Cina tra tutte). Si tratta, insomma, di una disciplina legale ‘viva’ in continuo cambiamento e strettamente connessa non solo con le regole, ma anche con le best practice di settore che sovente anticipano gli interventi degli enti regolatori europei ed extra europei. Con riferimento al secondo aspetto riguardante l’opportunità’ da cogliere, invece, analizzando il mercato un po’ più da vicino, bisogna riferirsi al dato come asset aziendale che, se gestito correttamente nel perimetro della compliance di cui abbiamo parlato prima, diventa appunto un bene da commercializzare ed un valore da poter iscrivere a bilancio. In questo senso, il ruolo dei legali è quello di costruire processi aziendali - basandosi sull’esperienza relativa alla specifica industry e avendo una solida competenza nella contrattualistica d’impresa - al fine di rendere questo dato un valore patrimonializzabile tale da poter generare reddito per l’azienda. chiaramente, per fare questo gli avvocati devono “evolversi”. E’ necessario, quindi, avere una rigorosa conoscenza e competenza della normativa, ma va conosciuto anche l’universo in cui ci si muove, con competenze che consentano di sapere dove andare ad agganciare la normativa e dove inserire la legge e come sincronizzare la regolamentazione in continua evoluzione con le esigenze dell’impresa e dello specifico mercato in cui essa opera”.

Secondo il World Economic Forum, entro il 2023 ci sarà una produzione di 130 Zetabyte a livello globale. Un valore enorme, anche difficile da immaginare, che ovviamente evidenzia una POTENZIALE criticità nella gestione di QUESTA mole di volumi. In questo senso, cosa significa per voi supportare le aziende a sviluppare un business data intensive?
Partiamo da una considerazione generale: il dato in Europa è soprattutto un diritto, negli Stati Uniti è un bene giuridico ed economico, in Cina è un bene dello Stato. Nel nostro continente, quindi, ci muoviamo in un territorio in cui il dato è diritto della persona, ma oltre a questo, ovviamente, è anche un valore e le aziende che operano in un mercato data intensive devono avere la possibilità di valorizzarlo per l’appunto. Da questo punto di vista, naturalmente, il supporto del legale è quello di costruire un framework aziendale in cui questo dato possa essere valorizzato e questo sarà possibile nel momento in cui il dato sarà raccolto, conservato e gestito in compliance. C’è dell’altro, però. Il dato, infatti, potrà essere realmente valorizzato solo quando si sarà riusciti a creare quei processi che consentano la sua monetizzazione, sia internamente, sia esternamente. Il supporto legale, quindi, non può essere che un lavoro a 360 gradi per la creazione di vero e proprio percorso all’interno della catena di produzione digitale dell’impresa”.

Un journey che deve quindi dare il massimo del beneficio all’azienda, quanto la massima tutela all’utente. quale sarà in questo senso, però, lo scenario futuro sia a livello tecnologico, sia regolatorio, per migliorare sempre di più le performance di questo framework?
Sicuramente, e ne abbiamo parlato anche nel corso del nostro intervento all’ultima edizione di AIXA 2021, stanno arrivando una serie di regolamenti, soprattutto europei, nell’ambito del dato che testimoniano come questo sia un settore dell’economia in grande crescita. Sotto questo profilo, all’Artificial Intelligence Expo of Applications dell’anno scorso, infatti, abbiamo parlato della proposta sulla regolamentazione dell’adozione di AI a livello europeo, su cui la Commissione Europea ha imposto numerosi emendamenti, su cui si sta discutendo e su cui si discuterà ancora molto nei prossimi mesi e di cui continueremo a sentire parlare. Poi, abbiamo parlato anche del Digital Market Act e del Digital Service Act e del Data Act. Una serie di regolamenti che mirano a gestire in maniera unica e onnicomprensiva il dato in Europa. Inoltre, come studio internazionale, ci siamo interessati anche a quanto succede in America con l’evoluzione della legge californiana sulla privacy e la proposta di una nuova legge statunitense sulla protezione del dato, l’American Data Protection Privacy Act, che mira a creare un framework regolatorio armonizzato per tutti gli Stati Uniti. Tutte proposto che evidenziano come, ovviamente, ci sia ancora tanto da fare e da poter fare, sottolineando, in questo senso, l’esigenza di rimanere sempre aggiornati e di prestare grande attenzione a questi temi”.
...continua
Marketing & Innovation

GOOGLE ANALYTICS E I NUOVI SCENARI DELLA VALORIZZAZIONE DEL DATO

Con il provvedimento del 23 giugno 2022, il garante della protezione dei dati in Italia, ha aperto anche nel nostro Paese una via alla concreta discussione sulla gestione del trasferimento dei dati a terze parti residenti nel continente americano. Una situazione complessa e delicata che, chiaramente, non ha impatti solo sul mondo degli Analytics, del digital Advertising, e del digital marketing più in generale, ma che con l’iper-digitalizzazione, che proprio in questi due anni ha conosciuto una grande accelerazione, può avere conseguenze anche su molteplici altri settori del business. Oltre che proprio sulla vita quotidiana e la privacy personale di ognuno di noi. Temi scottanti questi, a metà strada tra il GDPR e la Cybersecurity, che, a pochi giorni dal possibile attacco hacker che avrebbe coinvolto numerosi account italiani presenti sulla piattaforma dell’agenzia delle entrate e con il recente auspicio da parte delle istituzioni italiane della prossima firma di un accordo reale tra USA ed Europa sulla gestione della privacy dei dati, che potrebbe arrivare entro fine estate, cambiando nuovamente tutto lo spettro delle “regole del gioco”, sono ovviamente diventati di grande attualità. Motivo per cui abbiamo voluto comprendere meglio la situazione attraverso questa intervista all’avvocato Giovanni Di Stefano, Lead Focus Team di SAPG Legal Tech, e a Filippo Trocca, CIDO di Datrix Group, anche in vista della prossima edizione di AIXA – Artificial Intelligence Expo of Applications, la grande maratona dedicata all’applicazione dell’AI nel business, organizzata da Business InternationalFiera Milano e prevista a Milano, presso gli spazi dell’Allianz MiCo – Milano Convention Centre, il 15 e 16 novembre 2022.

Di Stefano, partiamo dal capire precisamente cosa è successo. Cosa ha portato il garante della protezione dei dati in Italia ha dare un input per il cambiamento delle regole del gioco in questo senso, se così possiamo dire?
E’ passato circa un mese dal 23 giugno, quando è stato emesso un provvedimento che ha dichiarato l’illegittimità, non tanto di Google Analytics, quanto della configurazione di Google Analytics adottata da parte di Caffeina sulla base del fatto che dal 2020, con la “Sentenza Schrems II”, non sono più possibili i trasferimenti di dati negli Stati Uniti. Questo perché il framework normativo, attualmente presente negli Stati Uniti, e in particolare la sezione 702 del Foreign Information Security Act, consente al governo americano di avere accesso libero ai dati che risiedono sui server dei cosiddetti internet service provider, come Google, Facebook, Microsoft 360. Sulla base di questa sentenza proposta da Maximilian Schrems, attivista molto noto nell’ambito della privacy, Noyb, che è una ONG attiva nel settore a livello europea per la difesa dei diritti sulla privacy, ha attivato una serie di richieste ai vari garanti europei e, quindi, questo provvedimento si innesta in una serie di altri provvedimenti emessi dal garante della protezione dei dati francese e austriaco. Il punto qual è? L’invio dei dati atti a riconoscere persone negli Stati Uniti, e in particolare l’indirizzo IP e altri dati simili, non è al momento possibile perché in America non vengono garantiti gli stessi diritti che vengono garantiti in Europa. Questo ha aperto una tematica per tutte quelle società che hanno attivato una digital transformation importante e che, magari, proprio per questo si trovano a utilizzare un tool come Google Analytics impostato con un tipo di configurazione non a norma. Motivo per cui si stanno cercando soluzioni per superare questo tipo di problema. Soluzioni individuate anche grazie all’intervento di tecnici come quelli di Datrix Goup che consentono di superare questo problema”.

Trocca, in questo senso, cercando anche di capire cosa implica questo cambio di approccio, cosa cambia per le aziende dopo questa decisione quindi?
Questa decisione del garante ha sicuramente tolto un velo su una situazione nell’ambito digital, e del digital advertising nello specifico, un po’ particolare, ovvero, il fatto che i principali operatori del settore siano americani. Avendo stabilito che quel mondo ha la capacità di riconoscere gli utenti anche attraverso altri segnali, il garante ha spostato quindi l’attenzione sul dato e su come viene gestito il dato in maniera molto importante. Google Analytics, in realtà, è solo la punta dell’iceberg. Il garante, infatti, ha parlato di Google Analytics perché Noyb ha fatto 101 segnalazioni in tutta Europa parlando di Google Analytics e quindi il garante ha iniziato a rispondere su quello, ma ci sono altrettante segnalazioni che riguardano per esempio Facebook Connect, e altre simili, su cui si attende risposta anche da altri garanti. Però, diciamo che l’aspetto di esportazione dei dati è quello che ci interessa di più. Su Google Analytics in realtà è una situazione che può essere risolta perché per esempio, con GA4, Google stessa non salva più l’informazione personale sotto inchiesta, vale a dire l’IP, ma puntualmente possiamo aggiungere livelli di controllo, come soluzioni server side, e io stesso possiamo andare a decidere cosa condividere con Google da Google Analytics. In particolare il garante francese ha posto anche delle linee guida su cosa andare ad eliminare. Quindi, lato Google Analytics, seguendo cosa dice il garante francese e quello che insieme a SAPG Legal Tech, per esempio, abbiamo creato all’interno del Gruppo Datrix come descrizione, abbiamo notato che, utilizzando Google Tag Manager Server Side – che, per spiegare cos’è anche ai non addetti ai lavori, possiamo definire come una macchina che prende le informazioni raccogliendole mentre l’utente naviga sul nostro sito, le gestisce e determina di non mandare l’IP a Google Analytics e poi, può decidere se mandare o meno altre informazioni, come lo user agent, la risoluzione dello schermo, o il riconoscimento del single click dell’utente sul sito – abbiamo la possibilità concreta di non esportare più i dati verso gli Stati Uniti. Il fatto è che, mentre con Google Analytics posso farlo, ed è la punta dell’iceberg come dicevamo prima, ci sono tante altre piattaforme del mondo advertising con cui questo non può essere fatto, ma che continuano ad esportare dati verso gli Stati Uniti. Se non viene trovata una soluzione politica a questa situazione, noi possiamo cercare di gestire questi aspetti con risoluzioni tecniche palliative, ma il problema reale non verrà risolto e ciò che va fatto in questo senso è sensibilizzare le aziende a capire che hanno questi dati e che devono lavorarli, raccoglierli e gestirli nella maniera giusta. Una soluzione completamente compliant non esiste e quindi bisogna lavorare su come l’azienda gestisce il dato e prepararsi alle varie soluzioni, ma è necessario anche parlare con il mondo politico, affinché una vera e unica soluzione venga presa. Come sappiamo, in ogni caso, la presidentessa della Commissione Europea e il Presidente degli Stati Uniti hanno detto che stanno lavorando a un accordo, ma sui tempi ancora non si hanno garanzie”.

Guardando al futuro – anche in relazione agli accordi che si stanno cercando di creare tra Stati Uniti ed Europa – Trocca, quali sono gli scenari e magari anche le tecnologie, come l’AI, che potranno aiutare alla creazione di nuovi e migliori sviluppi in questo senso?
In questo momento, ovviamente, lato tech, la privacy è diventata un tema sempre più importante. Abbiamo il mondo dell’AdV che sta dicendo: “come abbiamo lavorato finora non va bene, va cambiato e non possiamo più seguire l’utente in questo modo”. Quindi, abbiamo Google con la sua privacy sandbox e altri player con le loro soluzioni che stanno lavorando su come raccogliere un dato personale ed elaborarlo attraverso l’aiuto di nuove tecnologie che, non usando dati personali, permettono di migliorare buona parte dei business case che vengono oggi gestiti utilizzando i dati delle persone. Un primo passo concreto in questa direzione sarà la scadenza data da Google e posta al 2023, con lo spegnimento dei third party cookie, che è una tecnologia non privacy oriented. Il fatto è che queste nuove tecnologie e strumenti, che si stanno sviluppando, sono ancora in fase di test e non si può confermare che funzioneranno al 100%, ma quello che possiamo dire è che si stanno portando avanti soluzioni tecnologiche su base di intelligenza artificiale che potrebbero avere degli impatti fortissimi sul mercato e che avranno anche ricadute in altri ambiti, in particolare allenando algoritmi di machine learning al rispetto della privacy degli utenti”.

Di Stefano, invece, da un punto di vista regolatorio globale, quali potrebbero essere gli scenari futuri?
Il tema fondamentale è l’accordo tra Europa e Stati Uniti. Il fervore sul trasferimento dei dati, ovviamente, è dato dal fatto che internet stesso si basa su questo. Se non ci fosse un accordo politico, quello che si potrà fare, come diceva Filippo, sarà lavorare sulle singole aziende. Questo significa che, ad esempio, tramite sistemi di AI si proverà a mantenere il dato clean sulla parte dell’utente e del cliente in Italia e in Europa, evitando di esportare il dato negli Stati Uniti, anche se, come dicevamo prima, non sempre è possibile fare questo. Nel settore dell’AdV, ad esempio, il protocollo real time meeting funziona su tutto il mondo ed è impensabile in questa fase non trasferire le informazioni come l’IP anche in USA, ma su altre situazioni, come quella identificata precedentemente con Google Analytics, la proxyfication, ovvero utilizzare strumenti che si frappongano tra Europa e Stati Uniti, modificando i dati e cambiandoli per pseudonimizzarli, non consentendo a Google o ad altri soggetti che si trovino negli Stati Uniti di individuare un singolo utente e quindi ottenere accesso a quella che è la sua navigazione e sapere i suoi interessi (con una conseguente e importante violazione della privacy), diventano elementi essenziali. In futuro pertanto le aziende dovranno lavorare soprattutto in ottica di compliance sull’accountability, quindi, sull’essere in grado di rendicontare che queste misure siano state adottate e funzionino. Motivo per cui, sono due gli approcci da considerare: uno politico, sperando a un accordo, e l’altro pragmatico, adeguandosi in tempi ragionevolmente stretti alla situazione, affinché questi dati rimangano nell’UE dove ci sono leggi che consentono la tutela dei diritti degli interessati. Ove questo non fosse possibile, sarà sempre più necessario, quindi, ragionare su altre soluzioni per cercare di continuare a valorizzare i dati”.

...continua
Supply Chain & Procurement

Avvicinare la supply chain al consumatore è la chiave per il commercio del futuro

Maggiore flessibilità, forza lavoro più vasta e riduzione delle spese operative. Queste sono solo tre delle ragioni più comuni che hanno spinto decine di migliaia di organizzazioni ad attuare l’offshoring in Paesi come ad esempio Cina, India e Malesia, che secondo una ricerca di Statista, dal 2000, sono i tre mercati più popolari per l'offshoring. Sebbene questo fenomeno abbia raggiunto grande popolarità nel XXI secolo, nell'ultimo decennio ha persino accelerato, proprio nel momento in cui i prezzi sono diventati fattori di differenziazione per molti brand. Tuttavia, le sfide che hanno accompagnato la pandemia globale hanno messo in luce alcuni degli aspetti meno positivi associati all'offshoring. Di conseguenza, molte aziende stanno valutando i vantaggi di spostare le proprie sezioni di produzione e supply chain più vicino ai consumatori, nel tentativo di difendersi dall'inevitabile instabilità del commercio futuro.

Un tema di grande attualità nell’era post-covid, questo, che, in vista della prossima edizione del Supply Chain & Procurement Summit, organizzato da Business International - Fiera Milano e previsto a Roma, presso Palazzo Rospigliosi, il prossimo 21 e 22 novembre 2022 all’interno del Business Leaders Summit (21.11 – 01.12), abbiamo voluto approfondire meglio attraverso l’analisi di un recente whitepaper sull’argomento, realizzato da Manhattan Associates

Secondo gli analisti della multinazionale americana, infatti, le supply chain globali che si sono affermate a partire dall'inizio del millennio hanno ottenuto una maggiore efficienza dei costi, ma hanno introdotto anche un livello di fragilità che, fino agli eventi degli ultimi due anni, non era del tutto evidente. Quando la pandemia globale e la guerra in Ucraina hanno messo sotto pressione anche le supply chain più grosse, le crepe nei processi e nelle strategie legate all’offshoring sono diventate evidenti. Di conseguenza, si è diffusa l'idea che forse l'era della delocalizzazione stava per finire, sostituita da un nuovo approccio ideologico e pratico in cui le reti, i processi e, in ultima analisi, i beni dovrebbero essere localizzati più vicino al consumatore finale. Se un tempo il prezzo era il fattore determinante per i brand, la disruption degli ultimi 24 mesi ha reso più importanti la resilienza, l’affidabilità e l’agilità, e altri imperativi come la sostenibilità. Dopotutto, non importa quanto basso sia il costo di produzione di un prodotto se non può arrivare al cliente in modo efficace e sostenibile. Avvicinando le supply chain ai consumatori, i brand possono raggiungere questi nuovi obiettivi. Prendiamo ad esempio lo stock e la distribuzione: l'utilizzo degli store come mini hub di fulfilment, l'impiego di dark store e la creazione di centri di microfulfilment iper-locali sono tutti approcci o che potrebbero ridurre le crepe nelle supply chain più grosse.

Secondo gli esperti di Manhattan Associates, infatti, spostando la delivery dei prodotti – e anche i potenziali resi – più vicino al consumatore, si garantisce un valore aggiunto alla visibilità delle scorte, ma anche all'impatto ambientale. Con una soluzione di transportation management efficiente per più hub di distribuzione locali, è possibile pianificare percorsi più brevi e sostenibili per le delivery e incorporare anche le raccolte dei resi in questi stessi percorsi. Con la crescente popolarità dell'e-commerce e il numero di resi sempre più alto, i vantaggi economici e ambientali di spostare merci e supply chain più vicino ai consumatori sono tangibili, a patto che si disponga della tecnologia giusta per farlo in modo efficace. Il semplice “onshoring” della produzione e lo spostamento dei processi della supply chain più vicino ai consumatori, tuttavia, non sono sufficienti da soli. Il “momento Eureka” per i brand può essere raggiunto solo attraverso un approccio tecnologico unificato. Grazie a soluzioni basate completamente sui microservizi, i brand possono ottenere un ambiente di pianificazione ed esecuzione continuo e collaborativo, che combina la gestione del magazzino e del lavoro, la pianificazione e l'esecuzione dei trasporti, nonché un'automazione più efficiente tra uomo e macchina, il tutto grazie a semplici piattaforme cloud-native unificate. Per superare le sfide imposte dalla pandemia, e non solo, Manhattan Associates, infine, pensa che avvicinarsi al consumatore possa armonizzare gli elementi chiave della stessa supply chain e ripristinare il flusso naturale dei processi in entrata e in uscita: il risultato è una supply chain più agile, efficiente, resiliente e sostenibile.

Mentre i brand cercano di prevenire il “prossimo” evento globale inaspettato, quindi, l'idea di spostare i processi di produzione, le merci e le reti di distribuzione più vicino alle case dei consumatori sta guadagnando terreno. La chiave del successo di questa nuova strategia, tuttavia, risiederà nella capacità dei brand di continuare ad innovare la supply chain, e di fornire reti e offerte non solo flessibili e affidabili, ma anche sufficientemente agili e reattive per affrontare aspettative dei consumatori in continuo cambiamento, anche in futuro.
...continua
Marketing & Innovation

INTELLIGENZA ARTIFICIALE, BIG DATA E CYBERSECURITY, LE PRIORITA' HEALTHCARE DEL FUTURO

Sebbene ancora impegnati a lasciarsi alle spalle la pandemia, in tutto il mondo i leader della sanità rivedono obiettivi e priorità per ripartire, puntando sul digitale: raccolta e interoperabilità dei dati, Intelligenza Artificiale e analisi predittiva, per poter sfruttare appieno la potenza dei dati al servizio dell’efficienza e dell’efficacia dell'assistenza sanitaria. Questo il quadro che emerge dal Future Health Index 2022, il più grande studio a livello mondiale, giunto alla settima edizione, condotto da Philips (NYSE: PHG, AEX: PHIA), leader globale nell’Health Technology, in 15 Paesi, che analizza prospettive e priorità, attuali e future, per i leader della sanità e che abbiamo voluto approfondire più da vicino in vista della prossima edizione di AIXA - Artificial Intelligence Expo of Applications, la grande maratone dedicata all'intelligenza artificiale e alle sue applicazioni per il mondo del business, prevista il prossimo 15 e 16 novembre 2022 presso l'Allianz MiCo - Milano Convention Centre e organizzata da Business International - Fiera Milano.

Secondo i dati della ricerca, i leader della sanità devono far fronte in primis a una significativa carenza di personale, quantificabile in 15 milioni di professionisti entro il 2030, che necessita anche di una maggior formazione sulle tecnologie sanitarie digitali, il problema della sicurezza dei dati e la tutela della privacy.

ITALIA: MASSIMA IMPORTANZA A CYBERSECURITY E PRIVACY DEI DATI

Il 41% dei leader della sanità indica come priorità assoluta la cybersecurity e la privacy dei dati. Un percentuale significativamente più alta di quella registrata in Europa (21%) e a livello mondiale (20%), probabilmente influenzata dai gravi episodi di data breach verificatisi in Italia durante l’ultimo anno.

IA, FASCICOLO SANITARIO ELETTRONICO E TELEMEDICINA LE PRIORITÀ DI INVESTIMENTO

Guardando invece agli investimenti, sebbene fascicolo sanitario elettronico (55%) e telemedicina (45%) rimangano tra le priorità, per il 67% dei leader italiani della sanità l’IA è già al primo posto, rispetto al 60% a livello globale e al 56% in Europa. Nel prossimo futuro, anche grazie al PNRR, che prevede uno stanziamento di circa 20 miliardi di euro per il rafforzamento delle infrastrutture tecnologiche, l’intelligenza artificiale si stima continuerà a crescere. L’85% dei leader della sanità in Italia afferma sarà la loro principale priorità di investimento nei prossimi tre anni, rispetto al 78% a livello globale e al 72% in Europa.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) costituisce per l'Italia una straordinaria opportunità per investire seriamente nella digitalizzazione del sistema sanitario, puntando su un approccio data-driven in cui la raccolta, l'archiviazione e la condivisione dei dati siano connesse e integrate con la medicina predittiva e l'Intelligenza Artificiale”, ha dichiarato Andrea Celli, General Manager Philips Italia, Israele e Grecia. “Il Future Health Index 2022 ci mostra tuttavia che la rivoluzione digitale della sanità rappresenta una sfida da cogliere su più livelli - tecnologico, infrastrutturale, culturale - che possiamo vincere solo con uno sforzo di sistema, dove aziende, strutture ospedaliere e istituzioni mettano a fattor comune competenze e know-how a beneficio del paziente e dell’intero sistema sanitario. Gli stessi leader della sanità riconoscono la necessità di dover rafforzare i propri investimenti con partnership forti e strategiche, programmi di formazione del personale e una buona governance, per massimizzare i profitti”.

L’attesa rivoluzione digitale della sanità non può che passare anche dalla standardizzazione e valorizzazione dei dati. I leader italiani della sanità dimostrano di averne piena coscienza, tanto che attualmente circa due terzi di coloro che lavorano in ambito clinico (68%) e operativo (65%) affermano di raccogliere e archiviare dati. I dati in ambito clinico vengono utilizzati per elaborare analisi descrittive (53%) e predittive (49%). In generale, la fiducia nell'utilizzo dei dati è alta. Due terzi (66%) ritengono che le proprie strutture dispongano della tecnologia necessaria per sfruttarne appieno il potenziale, e il 78% si sente sicuro dell'accuratezza dei dati a sua disposizione, un risultato nettamente superiore alla media europea (66%) e globale (69%).

BARRIERE PER UNA SANITA’ DATA-DRIVEN

Non mancano però gli ostacoli sul percorso della sanità data-driven. I principali timori sono legati alla sicurezza e alla privacy dei dati (32%), seguiti dalla difficoltà di gestire grandi volumi di dati (28%) e dalla mancanza di competenze del personale (27%). Per favorire un utilizzo efficace dei dati, secondo il 34% dei leader italiani della sanità bisognerebbe ripensare la ridistribuzione dei budget di investimento. Un dato nettamente superiore a quello dei colleghi europei (22%) della media globale (21%).

SANITÀ: CRESCE L’INTERESSE PER L’ANALISI PREDITTIVA

Dall’indagine emerge inoltre la fiducia dei leader italiani della sanità nelle potenzialità dell'analisi predittiva. Circa tre quarti (72%) degli intervistati ritiene che possa avere un impatto positivo sulle prestazioni sanitarie, mentre il 68% afferma che potrebbe avere un impatto positivo sulla value-based care e sui costi delle cure (63%), rendendo così l'assistenza sanitaria più sostenibili e accessibile. Riguardo allo stato dell’arte, il 65% degli intervistati italiani dichiara di aver già adottato o essere in procinto adottare l'analisi predittiva: un dato che pone il nostro Paese al quinto posto della classifica globale, ben sopra la media (56%) e a poca distanza da Stati Uniti (66%) e Brasile (66%), seppur nettamente distaccati dai leader in quest’ambito, rappresentati da Singapore (92%) e Cina (79%).

IL SISTEMA SANITARIO DEL FUTURO PASSA DALLE COLLABORAZIONI

Emerge infine dall’analisi l’importante ruolo che i leader italiani della sanità attribuiscono alle partnership, tanto con le altre strutture sanitarie quanto con le aziende attive nella Health Technology. Date le notevoli differenze regionali all'interno del sistema sanitario italiano, la collaborazione con altre strutture ospedaliere e sanitarie viene vista dagli intervistati come un’opportunità preziosa per imparare dalle esperienze altrui. Dalle collaborazioni con le aziende, i leader italiani della sanità si attendono vantaggi che vanno dall’accesso a modelli di pagamento flessibili e opzioni di finanziamento innovative (44%) alla formazione e la preparazione del personale (31%), dalla visione strategica per il futuro (27%) alla consulenza specializzata (26%).
...continua
Marketing & Innovation

@MIND: NUOVI SVILUPPI PER L’AREA TEMATICA LIFE SCIENCES & HEALTHCARE DEDICATA ALLE SCIENZE DELLA VITA E ALLA SANITA'

Presentata ufficialmente nel dicembre del 2021, l’area tematica Life Sciences & Healthcare si occupa di processi d’innovazione dedicati alle scienze della vita e alla sanità all’interno di Federated Innovation @MIND – il modello collaborativo pubblico-privato nato nel 2021 all’interno di MIND promosso da Lendlease con il contributo di Cariplo Factory. Dopo i primi sei mesi di lavoro, oggi l’area (inaugurata lo scorso 28 aprile 2022 anche attraverso una serie d'incontri, dal titolo "Open future Open Culture" realizzati da parte di Business International - Fiera Milano nel corso della grande manifestazione di PRIMAVERA MIND) delinea i tre principali progetti che proseguiranno nel corso dell’autunno 2022: il Progetto Prometeo, Green Experience Camp, e il Progetto FEMUR permetteranno alle 12 aziende che collaborano all’interno dell’area di raccogliere i primi risultati di un lavoro costruito intorno ai tre assi strategici dell’agenda d’innovazione dell’area: definire nuovi protocolli per migliorare il percorso sanitario dei cittadini e aumentare l’efficacia terapeutica (Value Based Medicine), accelerare la digitalizzazione del settore sanitario, costruire una roadmap per una sanità più green, sostenibile e circolare attraverso modelli, soluzioni e strumenti che migliorino le performance ambientali, sociali ed economiche del settore.

L’area Life Sciences & Healthcare è strategica non solo all’interno di MIND (in quanto si occupa di uno dei due grandi pillar tematici della Federated Innovation @MIND, ovvero Future of Health), ma anche all’interno dell’ecosistema dell’innovazione italiano, perché unisce l’impegno delle primarie aziende italiane e internazionali – Accenture, AstraZeneca, Beside You Group | Be Whiz, Bio4Dreams, Bracco, Life Science District, Nippon Gases, Novartis, SYNLAB, Stevanato Group, UCB Pharma, e Roche in qualità di Sponsor – nei settori delle scienze della vita e della sanità. Ricerche innovative nel campo della radioterapia e della telemedicina, cultura e collaborazioni internazionali per l’innovazione green e lo sviluppo sostenibile e circolare dell’ecosistema dell’Healthcare, studi per il miglioramento della gestione dei pazienti con frattura del femore sono nel concreto alcuni dei progetti che hanno preso vita nell’ambito di quest’area, che proseguiranno anche nel corso dell’autunno 2022 e che verranno affiancati da numerose altre iniziative che completeranno il programma annuale dell’area tematica.

PROGETTO PROMETEO

È l’iniziativa di Federated Innovation @MIND promossa da AstraZeneca con il supporto di Cariplo Factory, aperta all’ecosistema italiano della salute. L'obiettivo di Prometeo è mettere a disposizione di manager, professionisti e tecnici sanitari un percorso di co-progettazione che, partendo dai loro bisogni, possa sviluppare soluzioni innovative per una migliore gestione dei problemi di salute. A fine giugno sono stati selezionati 3 progetti fra quelli proposti dalle aziende dell’area tematica, che intraprenderanno un percorso di co-progettazione strutturato in 4 workshop e supportato da metodologie di Design Thinking:
    • 1. Radionet: una proposta di Fondazione I.R.C.C.S. Policlinico San Matteo di Pavia per l’integrazione digitale dei centri di radioterapia oncologica e radioterapia di precisione al fine di individualizzare la proposta diagnostico-terapeutica sulla base di analisi di dati ed immagini digitali;
      2. Digital Twin & Telemedicina: una proposta di CDI – Centro Diagnostico Italiano nell’ambito della telemedicina e della tutela domiciliare della salute per offrire un'assistenza sanitaria personalizzata e preventiva ai pazienti. Un progetto che combina le ultime tecnologie per il monitoraggio in remoto dei pazienti con la capacità degli algoritmi di intelligenza artificiale di analizzare questi dati.
      3. Parkinson Up: proposto da Need Institute, è un servizio di tele-riabilitazione motoria, cognitiva e logopedica con finalità di cura e assistenza, erogato da terapisti specializzati.


  • GREEN EXPERIENCE CAMP

    Promossa dall’azienda Beside You Group | Be Whiz e da Fondazione Triulza, l’iniziativa si pone come acceleratore internazionale sui temi dell’innovazione green e sostenibile per i settori Healthcare e Life Sciences. Il progetto mira alla condivisione di esperienze, strumenti e buone pratiche per stimolare l’ecosistema sanitario a superare l'attuale gap culturale e ad accelerare investimenti più sostenibili e circolari. Si tratta dell'episodio zero di un evento che avrà cadenza annuale, un’occasione per trovare soluzioni innovative a problematiche reali in ottica ESG in un confronto multistakeholder su tematiche centrali ivi incluse l’efficienza energetica, i rifiuti, i green building e la finanza sostenibile, coinvolgendo così, in modo trasversale, anche i settori dell’energia, delle costruzioni e delle tecnologie smart.
    Il camp si snoda in due giornate di interventi, workshop, visite esperienziali e networking e mira a tracciare una roadmap per accelerare lo sviluppo sostenibile e la transizione green dando voce e visibilità alle aziende che hanno sviluppato soluzioni, pratiche e tecnologie in questo senso. Il Green Experience Camp beneficia della relazione con altre iniziative autorevoli come il Festival dello Sviluppo Sostenibile di Asvis, di cui Fondazione Triulza è tra i soci fondatori, e i Network scandinavi con cui Beside You Group | Be Whiz ha instaurato rapporti di partnership come referente per l’Italia e il Mediterraneo.

    PROGETTO FEMUR

    È un progetto di Value Based Medicine che mira a studiare, definire e proporre nuovi protocolli e percorsi di cura per cittadini e pazienti, grazie alla collaborazione stipulata con l’I.R.C.C.S. Ospedale Galeazzi-Sant’Ambrogio. Utilizzando le tecnologie oggi disponibili e sperimentando trattamenti domiciliari integrati con la futura struttura territoriale della Sanità prevista nel PNRR (Case ed Ospedali di Comunità), il progetto punta all’offerta di una migliore copertura dei bisogni dei pazienti. Ad oggi è stato avviato uno studio prospettico osservazionale sui pazienti con frattura di femore, con l’intento di raccogliere dati concreti e real based sulla loro gestione in modo da contribuire a implementare e migliorare la presa in carico del paziente con fragilità ossea e la continuità delle cure.
    Il Progetto FEMUR coinvolge le aziende Stevanato Group e Nippon Gases, la prima nello studio di device digitali che permettano una migliore gestione della terapia del dolore da parte del paziente, e la seconda nella gestione dei pazienti a domicilio e attraverso servizi di telemedicina. Nel 2023, terminata la prima fase di osservazione, si progetteranno e testeranno i nuovi approcci da proporre ai pazienti.

    L’area tematica Life Sciences & Healthcare ha inoltre appena concluso il progetto MIND Education, che ha convolto oltre 1.200 studenti delle scuole primarie, universitari, neolaureati e dottorandi delle Università Italiane nella co-creazione della Città del Futuro. Ideata e promossa insieme ad Arexpo, Lendlease, Fondazione Triulza, Fondazione Human Technopole, I.R.C.C.S. Galeazzi-Sant’Ambrogio, Università Statale di Milano, a fine giugno l’iniziativa ha raccolto e premiato con una dotazione di 20mila euro in totale le 6 migliori proposte in due ambiti:
    • 1. Health Data Science: soluzioni che sfruttano le tecnologie digitali e i Big Data per migliorare la salute e il benessere dei cittadini attraverso l’adozione di comportamenti e stili di vita orientati alla prevenzione delle patologie, alla diagnosi precoce delle stesse e alla condivisione delle informazioni (dati) da parte della popolazione.
      2. Meanwhile Solutions: l’obiettivo è sfruttare il “tempo di attesa” – il periodo di tempo che intercorre tra l’approvazione del Masterplan del MIND Milano Innovation District e l’effettiva realizzazione dello stesso, come strumento capace di ricucire i tessuti sociali, come risorsa strategica per progettare un futuro più sostenibile e inclusivo che promuova la partecipazione e il benessere dei cittadini. I progetti premiati sono stati ideati da studenti provenienti dall’Università Statale di Milano, dalla LIUC di Castellanza, dal Politecnico di Milano, dall’Università del Piemonte Orientale, dall’Università di Padova, Università di Parma e dallo IEED di Torino.
  • Siamo entusiasti di aver finalmente avviato le attività dell’area tematica dopo molti mesi, necessari, di progettazione, organizzazione e programmazione – dichiara Marco Venturelli, Ambassador dell’area tematica Life Sciences & Healthcare di Federated Innovation @MIND. – “Crediamo fortemente nei progetti che stanno crescendo all’interno dell’area e che sono nati dalla cooperazione delle imprese secondo il modello “collaborate-to-compete”. Un modello che permette a ogni impresa di proporre iniziative sulla base dell’agenda strategica di innovazione, e di unire le forze per portare avanti progetti concreti, tangibili, con il fine di generare servizi e prodotti che possono essere immessi sul mercato per migliorare la vita delle persone.

    L’intero ecosistema Federated Innovation @MIND sta procedendo a passo spedito e ha avviato moltissimi progetti che nei prossimi anni daranno un contributo fondamentale al mondo dell’innovazione italiano ed europeo – aggiunge Tommaso Boralevi, Presidente di Federated Innovation @MIND. – L'area tematica Life Sciences & Healthcare è strategica all’interno dell’ecosistema perché è fortemente legata a uno dei due pillar di Federated Innovation: “the Future of Health”, che mira alla creazione di servizi volti al benessere dei cittadini e allo sviluppo di percorsi di cura innovativi, inclusivi e personalizzati. L’evoluzione di un sistema sanitario che, con l’aiuto delle nuove tecnologie, aiuti le persone a vivere una vita più lunga e più sana.”.
    ...continua
    Top Management

    IN ITALIA, 9 AZIENDE SU 10 SCELGONO DI INVESTIRE IN DIGITALIZZAZIONE GRAZIE AI FONDI DEL PNRR

    La domanda che tutti si pongono nel day after della caduta del governo Draghi è: come faremo a rispettare i tempi imposti dalla UE per continuare a ricevere i fondi del Piano di Ripresa e Resilienza? Un tema spinoso, a cui sicuramente ora è difficile dare risposta, ma che lascia appese a un filo migliaia se non milioni di aziende nel nostro Paese che basavano il proprio sviluppo post-pandemico su questi aiuti economici. Un argomento di grande attualità, dunque, che, in vista anche della prossima edizione del Milan Fintech Summit - l'evento, dedicato al mercato del finance technology italiano e organizzato da Business International - Fiera Milano e Fintech District che si terrà dal 5 al 7 ottobre 2022 -, abbiamo cercato di comprendere meglio attraverso i dati del nuovo Osservatorio realizzato da Qonto su un campione di oltre 1.000 PMI attive in tutto il territorio italiano e operanti in diversi settori. La survey, che ha visto coinvolte aziende appartenenti a diversi settori economici, ha indagato, tra le altre, il comportamento nei confronti degli incentivi previsti da PNRR, lo stato di digitalizzazione delle PMI, la formazione e le competenze maggiormente richieste.

    Qonto vuole essere un partner strategico per le PMI e gli imprenditori italiani e per questo ascoltiamo attentamente le loro esigenze, sviluppiamo soluzioni su misura e supportiamo il processo di digitalizzazione del business”, commenta Mariano Spalletti, Country Manager per l’Italia di Qonto. “In questo momento, abbiamo di fronte una grande opportunità per spingere verso la digitalizzazione del Paese, partendo proprio dal tessuto imprenditoriale. Il trend è positivo e i dati del nostro osservatorio lo confermano, ma è necessario continuare a lavorare per sensibilizzare sul tema e per stimolare la nascita e la diffusione di competenze digitali, ormai imprescindibili”.

    PIANO NAZIONALE DI RIPRESA E RESILIENZA

    Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), organizzato in 6 missioni, prevede per l’Italia 191 miliardi di fondi per innovazione e digitalizzazione, transizione ecologica e inclusione sociale. In particolare, Qonto ha indagato in che modo le PMI hanno investito o hanno intenzione di investire tali fondi, focalizzandosi in particolare su come le risorse messe a disposizione dal PNRR possano contribuire ad accelerare il processo di digitalizzazione del tessuto imprenditoriale del Paese.

    Oltre il 70% delle piccole e medie imprese intervistate ha dichiarato di avere già fatto ricorso o aver intenzione di far ricorso agli incentivi previsti dal PNRR (di queste, il 61% circa ne sta già facendo uso). Dall’indagine emerge in particolare che ad avere già aderito agli incentivi previsti sono maggiormente le PMI numericamente più grandi: tra le aziende da 50 a 250 dipendenti una su due (56%) ne ha già fatto ricorso, mentre tra le micro-imprese fino a 10 dipendenti solo una su quattro (26%) si è già attivata per utilizzare i fondi. Tra gli interventi coperti dalle agevolazioni, i più richiesti e scelti da oltre la metà delle PMI intervistate spiccano l’accesso al credito di imposta (52%) e la formazione (51%). Per quanto riguarda la prima, il credito di imposta interessa in particolare le aziende manifatturiere (62,5%) e le imprese dell’edilizia (60%), attirando oltre la metà (52%) delle micro-imprese fino a 10 dipendenti.

    La decisione di accedere ai finanziamenti è stata in buona parte influenzata dai recenti avvenimenti economici e geopolitici. Lo dichiara il 67% delle imprese che aderiranno al PNRR entro la fine del 2022. I dati mostrano inoltre che l’attuale scenario geopolitico ha favorito la scelta verso il PNRR in particolare delle aziende più giovani (il 75,5% tra le startup e il 72% delle aziende tra i 4 e 10 anni di attività) e le PMI del Sud Italia (il 70% contro il 64% delle PMI al Centro e al Nord). Inoltre, l'indagine sottolinea che i settori più attenti a ricevere i fondi in seguito alla guerra e all’attuale situazione politica italiana e macro-economica mondiale sono le aziende attive nei servizi per la ristorazione e l’ospitalità (76%), le imprese che si occupano di Media & Marketing (76%) e quelle della formazione (74,5%).

    Per il 67% circa delle imprese, gli interventi previsti grazie ai fondi PNRR avranno principalmente effetti nel lungo periodo. Questo dato raggiunge il 76% circa nel caso delle startup ed è addirittura al di sopra dell’80% nel settore manifatturiero.

    PMI E DIGITALIZZAZIONE

    Tra gli stanziamenti previsti, 9 su 10 (91%) tra le PMI italiane che stanno già sfruttando o approfitteranno dei fondi messi in campo dal PNRR, hanno deciso di investire nella digitalizzazione del proprio progetto di impresa. Sul totale delle aziende, la percentuale di quelle che scelgono di aderire al PNRR per innovarsi digitalmente sale dal 55% di dicembre 2021 al 64% di giugno 2022. Per il 68% circa delle PMI che stanno utilizzando o hanno intenzione di utilizzare le risorse del PNRR, il digitale (e più nello specifico l’implementazione di nuovi strumenti digitali o il loro aggiornamento) avrà un ruolo fondamentale o molto importante rispetto alla tipologia di intervento che si prevede di realizzare utilizzando gli incentivi del PNRR, mentre sono solo il 5% circa quelle per cui non avrà un ruolo importante.

    COMPETENZE DIGITALI: LA SPINTA PER COLMARE IL GAP
    Innovare non significa solo implementare sistemi e processi a elevato valore tecnologico, ma anche investire in formazione per colmare il gap di competenze digitali, che emerge in maniera evidente se si guarda ai risultati del DESI 2021, che vede l’Italia al 25° posto tra i Paesi dell’Ue in materia di e-skill. Nell’ultimo anno, anche il Ministro per la trasformazione digitale, Vittorio Colao, ha più volte lanciato un “allarme competenze”, che trova conferma nei dati della survey, che ha evidenziato come le competenze digitali, oggi più che mai necessarie per essere maggiormente competitivi sul mercato, siano ritenute da 1 azienda su 4 (26%) tra le più difficili da reperire. Non a caso, inoltre, per il 64% circa delle aziende che scelgono di investire in formazione utilizzando le risorse del PNRR, gli investimenti in quest’area si focalizzeranno sullo sviluppo di competenze digitali, che rappresenta uno degli elementi chiave del PNRR intorno al quale ruota il futuro delle aziende e delle PMI e in particolare di quelle che operano nel settore manifatturiero (76%) e di quelle in attività da almeno 20 anni (72,5%).

    FONDI PER L’INTERNAZIONALIZZAZIONE RICHIESTI DA 1 PMI SU 5, EUROPA PRIMA AREA STRATEGICA

    Il PNRR prevede circa un miliardo e mezzo di fondi destinati all’internazionalizzazione delle imprese italiane. Secondo quanto emerge dall’Osservatorio Qonto, ne ha fatto ricorso o ha intenzione di farlo entro la fine del 2022 1 su 5 delle PMI che utilizzano o utilizzeranno il PNRR e 1 su 10 tra le startup. L’Europa è la prima area geografica in cui si sceglie di concentrare l’espansione internazionale. In particolare, oltre la metà (52%) è interessata ai mercati dell’Europa Centrale. Seguono Stati Uniti (22%) e Sud America (12%). A favorire l'internazionalizzazione sono principalmente le medie imprese da 50 a 250 dipendenti: 1 su 4 ha già all’attivo o in programma piani di investimento nei paesi stranieri contro 1 su 10 tra le micro-imprese fino a 10 dipendenti.

    Cybersecurity e disaster recovery

    L’indagine svolta rivela che cybersecurity e disaster recovery sono temi sempre più attuali per le PMI italiane: per il 68% degli intervistati, sono previsti investimenti in questo campo nei prossimi 2 anni (percentuale che arriva a toccare il 78% per le medie imprese da 50 a 250 dipendenti). Più di un’azienda su tre tra quelle che hanno investito o investiranno in formazione utilizzando le risorse del PNRR, inoltre, si concentrerà sull’area della sicurezza informatica dei sistemi (34%).
    ...continua

    Video

    Il CFO del futuro

    Una figura di supporto alla strategia sostenibile dell'impresa

    Muro (ServiceNow Italia)

    Digitalizzazione significa portare efficienza nei processi

    Cannizzo

    La vera sfida dei CFO del futuro sarà l’armonizzazione dei dati

    CPO Summit 2020

    Mondo: in mercato Glocal serve supply chain digitale e attenta al rischio

    Transizione Industria 4.0

    Intervista a Gianluca Tedaldi (Politecnico di Milano)

    L'Italia e la Sostenibilità del Business

    Intervista a Toni Volpe, AD di Falck Renewables