Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Supply Chain & Procurement

Supply Chain & Procument è la unit che produce annual e corsi di formazione per 25.000 manager dell’area Acquisti, Supply Chain & Operations. Gli appuntamenti più attesi sono il CPO – Chief Procurement Officer – forum che riunisce il network dei Direttori Acquisti e il Connected Manufacturing, evento di riferimento per l’industria Manufacturing 4.0.

TAG: Acquisti, Certificati di Origine, Dogane, Import-Export, Incoterms, Logistica, Manufacturing, Operations, Process Excellence, Procurement, Produzione, Global Supply Chain


Sales Team 06.80.91.18
eventi realizzati
Supply Chain & Procurement Summit 2023 Roma, dal 27 novembre 2023 al 28 novembre 2023 Spazio Field, Via Merulana, 248 www.businessleaders.it -64 giorni all'evento save the date
Business Leaders Summit 2023 Roma, dal 27 novembre 2023 al 28 novembre 2023 Spazio Field, Via Merulana, 248 www.businessleaders.it -64 giorni all'evento save the date
1
eventi realizzati
Legal Procurement Live Streaming, 26 settembre 2023 -2 giorni all'evento iscriviti
Operazioni doganali di import ed export Live Streaming, 9 ottobre 2023 -15 giorni all'evento iscriviti
Gestire e misurare la performance di un team Live Streaming, 11 ottobre 2023 -17 giorni all'evento iscriviti
The Art of Negotiation Milano, dal 19 ottobre 2023 al 27 ottobre 2023 -25 giorni all'evento iscriviti
1 | 2

News & Media

CERTIFICAZIONI TECNOLOGICHE PER GLI MSP: PERCHE' SONO IMPORTANTI

Negli ultimi anni il ruolo dei managed service provider ha visto una profonda evoluzione originata dalla crescente complessità e rilevanza che le tecnologie hanno all’interno delle aziende. La velocità con cui la tecnologia evolve e il boom nel processo di trasformazione digitale, ulteriormente accelerato dalle esigenze di business continuity del periodo pandemico, hanno portato le aziende e i team dedicati a dover gestire infrastrutture IT sempre più estese ed estremamente frammentate. Questo ha creato delle difficoltà nel gestire internamente attività come la manutenzione, gli aggiornamenti, il monitoraggio e le verifiche di compatibilità, comportando inefficienze e rallentamenti, perché il personale IT interno resta limitato in quantità e skills mentre la complessità dell'infrastruttura aumenta rapidamente. È necessario, quindi, occuparsi del rinnovo delle infrastrutture IT (oppure verificare se le attuali siano già aggiornate e allineate con l’andamento del mercato) ed effettuare degli upgrade tecnologici. anche sotto il profilo del know-how di esperti di settore e l’assistenza di team di tecnici dedicati che assumono così un ruolo sempre più importante e sono sicuramente un punto di forza per il supporto alle aziende, oltre che un plus da non sottovalutare.

Da qui l’esigenza da parte di un numero sempre crescente di aziende di poter affidare la gestione delle proprie architetture a un partner esterno, al fine di non interrompere e favorire la crescita. Una tendenza, questa, che coinvolge tanto il mondo del procurement, sotto un profilo operativo di selezione dei fornitori, quanto la value chain, sotto un profilo di certificazioni necessarie da avere e ottenere ai fini di valutazioni di sostenibilità da parte delle aziende. Aspetti su cui diventa sempre più importante concentrarsi in questo contesto e che abbiamo voluto approfondire meglio attraverso l'opinione di Guido Gelli, Delivery Manager di HiSolution, per analizzare più da vicino questo trend di grande interesse,  anche in vista della prossima edizione del Supply Chain & Procurement Summit, previsto il 27 e 28 novembre 2023 allo Spazio Field, nella splendida cornice di Palazzo Brancaccio a Roma, all'interno del Business Leaders Summit, l'edizione autunnale della grande manifestazione che riunisce in un unico posto i migliori C-level dell'impresa contemporanea.

"Se da un lato questa tendenza offre un'opportunità preziosa di business per i fornitori di servizi gestiti - ha commentato Gelli -, dall’altro questo stesso fenomeno ha fatto sì che il numero di MSP crescesse in maniera esponenziale, non sempre affiancato dalle competenze e dai livelli di specializzazione necessari, ed è oggi quindi difficile per un’azienda scegliere un partner che sia affidabile e al contempo competente, in grado di collaborare a stretto contatto con il cliente per comprenderne appieno le specifiche esigenze garantendo servizi di elevata qualità".

COME PUO' UN MSP DIFFERENZIARSI RISPETTO ALLA CONCORRENZA?

L’erogazione di servizi a valore efficaci ed efficienti richiede risorse adeguate, competenze certificate, l'impiego di sistemi automatizzati per semplificare l'analisi e la risoluzione dei problemi, nonché la presenza costante di professionisti affidabili. "Dal nostro punto di vista - ha proseguito il manager -, forti di un’esperienza di oltre 25 anni nel settore, siamo fermamente convinti che la specializzazione e le certificazioni siano fondamentali, perché un servizio a valore richiede competenze specifiche. Questo deve rappresentare il primo pilastro per un MSP. Inoltre, riteniamo essenziale poter usufruire di strumenti di misurazione e audit periodici per fornire al cliente una visione completa e analizzare la qualità del servizio offerto. In aggiunta, l'MSP deve adottare piattaforme di ticketing e sfruttare risorse in cloud condivise, affiancando la propria offerta con un NOC (Network Operations Center)". Fin dal 2005, infatti, HiSolution si è imposto a pieno titolo tra i Managed Service Provider di soluzioni UCC, Networking, Security e IT per rivolgersi alle medium, large e top enterprise con servizi progettuali tecnologici grazie alla collaborazione di specialisti IT e tecnici certificati. "Abbiamo creduto fortemente in questo mix e lavorato per offrire servizi in grado di offrire tutte queste competenze. Il fiore all’occhiello è infatti il NOC interno, operativo 24 ore su 24, 7 giorni su 7, 365 giorni all'anno, (già integrato con servizi Help Desk e di progettazione in infrastrutture Telco e IT), dove lavorano tecnici con elevate specializzazioni che vengono regolarmente certificati sulle soluzioni e tecnologie ritenute migliori e più performanti per quella specifica tipologia di cliente". Un processo, questo, che consente alle aziende di avere al proprio fianco un tecnico che segua l’intero progetto dedicato e propone un valore aggiunto, in quanto si pone come unico interlocutore e risponde in maniera proattiva e dedicata in caso di problemi e/o guasti sulla specifica tecnologia. "Questo processo - sottolinea Gelli - significa risolvere problemi al cliente in tempi brevi e con costi minori. Il nostro obiettivo, infatti, è prendersi cura dei clienti supportandoli nelle loro scelte strategiche nel settore della tecnologia ed essere il miglior partner nell’ottimizzazione di tempi e costi".

A COSA SERVONO LE CERTIFICAZIONI TECNOLOGICHE

"Le certificazioni sono un indicatore importante per le organizzazioni che cercano un provider di servizi gestiti con competenze specializzate e un alto livello di qualità e affidabilità - ha aggiunto, poi, l'esperto -. In primis sono la prova tangibile che l’MSP ha acquisito competenze e capacità specifiche in determinate tecnologie o soluzioni. Poi, ne convalidano l’impegno e l’investimento in formazione adeguata per i propri tecnici per abilitarli nell’erogazione di servizi di alta qualità. Inoltre aprono la strada a partnership con i più importanti vendor di tecnologie e soluzioni, attraverso cui l’MSP ottiene l’accesso a risorse dedicate, formazione avanzata e supporto prioritario". Ottenere certificazioni richiede, però, un impegno costante nell'aggiornamento delle conoscenze e delle competenze del personale tecnico dedicato. "Questo - consiglia l'esperto - promuove una cultura di apprendimento continuo e assicura che l'MSP rimanga al passo con le ultime tendenze e gli ultimi sviluppi tecnologici".

CERTIFICAZIONE COME STRATEGIA A VALORE PER GLI MSP

La scelta strategica di certificare a più livelli i propri professionisti risponde alle crescenti esigenze di specializzazione oggi richieste dai clienti che, sempre più, impongono di saper usare nel quotidiano i nuovi strumenti informatici, a prescindere dalla funzione aziendale ricoperta. "Da sempre - precisa Gelli - crediamo che l’expertise debba essere costantemente alimentata con aggiornamenti sulle più avanzate tecnologie e soluzioni e continueremo a operare in questa direzione per accompagnare le imprese nella gestione del cambiamento. Sicuramente uno dei nostri punti di forza è la competenza sia tecnica e altamente consulenziale sia commerciale. Il vero valore sta nel saper ascoltare le esigenze del cliente e operare come solo un MSP sa fare: servizi cuciti su misura, supporto in reperibilità Help Desk e certificazioni che ci posizionano sul mercato come esperti del settore ICT. L'obiettivo finale, quindi, è offrire ai clienti la tranquillità di poter riconoscere il proprio partner come una realtà competente e affidabile cui poter chiedere aiuto nelle scelte strategiche e nell’erogazione di servizi a valore in ambito IT".

... continua
COME CONTENERE L'80% DEI COSTI DI PROCESSO ATTRAVERSO LA DIGITALIZZAZIONE NEL PROCUREMENT

Le aziende che controllano, ottimizzano e rendono standard i propri processi di acquisto possono risparmiare tra il 10 e il 25% dei costi su prodotti e servizi, e quelle che includono nella propria strategia di procurement anche la tail spend possono ottenere importanti vantaggi competitivi, riporta un recente studio di McKinsey.

Allora perché ancora oggi viene poco considerata la spesa per i materiali indiretti? Una domanda questa a cui, come Unite, abbiamo cercato di rispondere in questo articolo, anche in vista  della prossima edizione del CPO Summit, l’evento dedicato al mondo del Procurement, previsto il 14 e 15 giugno 2023 presso l’Allianz MiCo – Milano Convention Centre, all’interno del Business Leaders Summit – la grande manifestazione dedicata ai migliori C-Level dell’impresa contemporanea e organizzata da Business International  Fiera Milano

 

Unite | Mercateo part of Unite, piattaforma di e-procurement con un marketplace integrato dedicato al B2B, infatti, vuole arrivare al cuore della questione durante il CPO Summit 2023, promuovendo la cultura della digitalizzazione nel procurement come soluzione per fronteggiare l’attuale contesto VUCA e contenere i costi di processo che si nascondono nella tail spend.

Infatti, benché la spesa indiretta rappresenti solo il 20% della spesa totale aziendale, secondo il principio di Pareto incide allo stesso tempo per l’80% sui costi legati alle procedure di ordine, anche grazie alla frammentazione e al conseguente numero di fornitori molto elevato. 

L’acquisto frammentato di questi materiali è spesso legato al fenomeno del maverick buying e questo comporta una mancanza di dati strutturati che compromette la trasparenza dell’intero processo e limita la capacità di analizzare l’acquistato e individuare opportunità di risparmio. 

Allo stesso modo, anche i costi di gestione aumentano. Gli uffici contabili e amministrativi si trovano infatti ad avere a che fare con la necessità di aprire rapidamente nuove anagrafiche fornitori e a gestire fatture non standardizzate, il che comporta un carico di lavoro manuale particolarmente oneroso in termini di tempo e denaro. Il livello di complessità è inoltre destinato ad aumentare in base alla modalità con cui viene effettuato il pagamento, al livello di standardizzazione delle procedure e a molti altri costi di gestione nascosti in base alla tipologia e al settore aziendale.

Per tutti questi motivi, i vantaggi dati dalle nuove tecnologie sono tantissimi: primo fra tutti la conseguente ottimizzazione dei processi aiuta gli uffici acquisti a risparmiare sui costi. Inoltre, una gestione trasparente della spesa indiretta consente di identificare meglio le opportunità e perfezionare la strategia di spesa, avere flussi di lavoro semplificati, e una maggiore coerenza e compatibilità dei prodotti acquistati. Infine, una supply chain più vicina e affidabile permette di ottimizzare e automatizzare i processi migliorando l’efficienza generale della funzione acquisti e riducendo il tempo dedicato a compiti strettamente operativi. 

... continua
LA GESTIONE SOSTENIBILE ED IN SICUREZZA DEI FORNITORI, I CONSIGLI DI F2A

Nel “mercato” degli appalti, il monitoraggio dei profili di gestione dei rapporti di lavoro riveste un ruolo strategico soprattutto in considerazione della complessità del panorama legislativo.

Il datore di lavoro, infatti, in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture all'impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all'interno della propria azienda è tenuto a:

  • Controllare la correttezza dei trattamenti retributivi, contributivi ed assicurativi eseguiti dai propri Fornitori verso i dipendenti degli stessi che operano nelle commesse del committente;
  • Verificare l'idoneità̀ tecnico-professionale delle imprese appaltatrici così come richiesto dall’art. 26 comma 1 del D.Lgs 81/08;
  • Fornire dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell'ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate.

Ecco perché oggi per le imprese è fondamentale essere sempre aggiornate sui rischi a cui potrebbero essere esposte.

Con un’esperienza riconosciuta in tutti i settori F2A assiste le aziende committenti con il servizio Controllo Compliance Fornitori.  Il Servizio, basato su una piattaforma tecnologica Compliance Tool, solleva il committente dall’onere della raccolta e controllo della documentazione necessaria.

L’appaltatore caricherà in autonomia i documenti necessari, F2A effettuerà i controlli e l’appaltante potrà visionare le situazioni critiche complete di esposizioni economiche.

Il risultato di questa esternalizzazione ed automatizzazione è quindi una diminuzione del tempo per le risorse impegnate su attività “non core” mantenendo elevati standard di sicurezza informatica, continuità di servizio e conformità al GDPR.

Non perdere l’intervento di Paolo Brossa Territory Sales Director di F2A e Alessandro Amicabile, Esperto in tematiche di sicurezza del lavoro 2A Group, in programma il 15 giugno alle 12:20 nel corso della prossima edizione del CPO Summit, l’evento dedicato al mondo del Procurement, previsto il 14 e 15 giugno 2023 presso l’Allianz MiCo – Milano Convention Centre, all’interno del Business Leaders Summit – la grande manifestazione dedicata ai migliori C-Level dell’impresa contemporanea e organizzata da Business International  Fiera Milano

... continua