Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Marketing & Innovation

Gli eventi dell’area Marketing & Innovation sono rivolti ad una community di oltre 25.000 marketing & sales manager che hanno l’opportunità di aggiornarsi professionalmente e confrontarsi in expo internazionali, annual conferences, corsi di formazione e eventi ad hoc. Gli eventi flagship dell’area sono 4 tra i più importanti appuntamenti di marketing a livello mondiale: SMXL Milan, Social Media Week, Marketing Evolution Experience e InTAIL.

TAG: Online Marketing, Customer Experience, Mobile Marketing, Search Marketing & Seo, Social Media, Sales Performance Strategies, E-Commerce, Direct Marketing.


Sales Team 06.80.91.18
eventi futuri
AIXA Summit 2022 Milano, dal 15 novembre 2022 al 16 novembre 2022 Allianz MiCo, Ingresso GATE 2B - Viale Eginardo
SMXL Milan 2022 Milano, dal 15 novembre 2022 al 16 novembre 2022 Allianz MiCo, Ingresso GATE 2B - Viale Eginardo
Head of Sales 2022 Milano, 24 giugno 2022
Business Leaders Summit Milan 2022 Milano, dal 13 giugno 2022 al 17 giugno 2022 Museo Diocesano, Chiostri di Sant’Eustorgio, C.so di Porta Ticinese 95 www.businessleaders.it
1 | 2 | 3 | 4 | 5 ... 25
eventi realizzati
Public Speaking for Business Milano, 14 giugno 2023 Allianz MiCo, Via Gattamelata, 5 - Gate 14 e 15 -84 giorni all'evento save the date
Cyber Security nella piccola e media impresa Live Streaming, 7 luglio 2023 -107 giorni all'evento save the date
Gestire e misurare la performance di un team Live Streaming, 11 ottobre 2023 -203 giorni all'evento save the date
Premi e Concorsi 2023 Live Streaming, 13 dicembre 2023 -266 giorni all'evento save the date
1

News & Media

COME AUMENTARE IL BUSINESS VALUE CON UNA COMUNICAZIONE DAVVERO EFFICACE

Riuscire a comunicare in maniera efficace sul luogo di lavoro è fondamentale, ma non sempre si è in grado di farlo e nell’era dello smart working è una sfida ancora più grande. Lo stile comunicativo è l’ostacolo che condiziona maggiormente le conversazioni e risente delle differenze culturali, generazionali e di ruolo degli interlocutori, sintetizzabili nel concetto di knowledge gap, un divario di conoscenze che acuisce le distanze. Istruzioni poco chiare, riunioni superflue e, più in generale, ogni tipo di barriera comunicativa hanno ripercussioni significative sulle aziende e possono tradursi in progetti incompleti, demoralizzazione dei collaboratori, mancato raggiungimento degli obiettivi, vendite sfumate e perdite economiche. Al contrario, chi riesce a comunicare in modo efficace è un valore aggiunto e fornisce un apporto positivo alla cultura aziendale. Aumentando la partecipazione e il senso di coinvolgimento delle persone, una buona comunicazione contribuisce, infatti, alla coesione e al rafforzamento della fiducia all’interno dei team, rendendo i dipendenti più efficienti, produttivi, leali, il che nell’insieme ne aumenta anche il tasso di retention.

Un tema di grande importanza questo, soprattutto quando bisogna affrontare periodi difficili in scenari d’incertezza e con la necessità di guardare a una direzione e a una governance che siano salde e affidabili. Un’esigenza che oggi la leadership del business non può sottovalutare e su cui abbiamo voluto ragionare attraverso l'analisi di un recente white paper realizzato da CoachHub. Un documento, dedicato a sette consigli per migliorare la comunicazione sul lavoro, che abbiamo voluto riproporvi di seguito in vista della prossima edizione del corso di alta formazione dal titoloPublic Speaking, tenuto da Riccardo Montanari, trainer internazionale in programmazione neuro linguistica ed executive coach, e previsto il 14 giugno 2023 dalle ore 9.00 alle ore 17.00 presso l’Allianz MiCo – Milano Convention Centre, all’interno del Business Leaders Summit – la grande manifestazione dedicata ai migliori C-Level dell’impresa contemporanea e organizzata da Business InternationalFiera Milano.

 

I SETTE CONSIGLI PER IL PUBLIC SPEAKING

Secondo gli esperti di CoachHub, infatti, le abilità comunicative sono determinanti per avere successo in un mondo del lavoro in continua trasformazione e possono essere migliorate seguendo alcuni semplici suggerimenti.

In primis ascoltare attentamente. Sembra incredibile, infatti, ma saper ascoltare con attenzione i nostri interlocutori è fondamentale per poter impostare una conversazione efficace ed efficiente. L’ascolto è imprescindibile per le interazioni all’interno dell'azienda, poiché aiuta a fissare nella mente le informazioni e interpretarle, mostrando empatia e rispetto verso chi parla. Al contempo questa abilità risulta cruciale anche nell’ambito di una presentazione o di un primo incontro con un cliente o con un fornitore, con un prospect o con un partner.

In secondo luogo, poi, è fondamentale saper in che scenario ci si sta per muovere e come affrontarlo. La preparazione approfondita nel dettaglio delle possibili sfaccettature che si possono intravedere in una situazione o in una realtà diventa un asset essenziale per puntare al successo. Capire il contesto in cui si sta operando è il primo passo per anticipare ogni mossa e impostare la strategia d’azione migliore. Che si stia parlando o ascoltando, occorre interpretare le situazioni comunicative e imparare a cogliere i segnali non verbali. In questo modo, si potrà adattare il proprio messaggio per gestire qualunque circostanza.

Una volta interpretata la situazione, il terzo obiettivo da raggiungere è quello di essere empatici. Un approccio aperto, infatti, elimina le barriere che impediscono una cultura inclusiva e una comunicazione efficace sul posto di lavoro. Non tutti sono inclini all’empatia, ma è un'abilità che può essere allenata, ad esempio, attraverso percorsi di coaching personalizzati o semplicemente imparando a porre la giusta attenzione sul nostro interlocutore per anticiparne esigenze, domande o sfumature. Accortezze che, per esempio, possono fare la differenza tra una buona vendita e un’occasione mancata o possono rappresentare il motivo del rinnovo di una collaborazione proficua. Saper governare le emozioni proprie e altrui, inoltre, offre notevoli opportunità non solo nell’ambito del public speaking, ma anche nella gestione dei team e nella proiezione della propria carriera, laddove le relazioni e la cura di quest’ultime diventano uno degli asset più importanti che esistono.

Dopo aver imparato a comprendere le emozioni e le sensazioni prodotte dall’interazione con terze parti, bisogna quindi saper fare un passo indietro. Già, perché al netto della comprensione degli altri, per saper dialogare concretamente con le persone, una delle skill più importanti da fare propria è quella di avere una mente aperta. L'apertura mentale è fondamentale, infatti, per sviluppare un clima di confronto e di scambio reciproco tra i membri di un team o anche nella relazione con clienti e fornitori. I leader di larghe vedute accolgono il dibattito, le nuove prospettive e i contributi individuali, incoraggiando tutte le opinioni, anche quando non sono d’accordo. In questo senso, il confronto continuativo produce nuove opportunità, genera nuovi spunti e progetti e produce idee di valore, che si trasformano presto in attività di successo. Sotto questo profilo, per esempio, la valorizzazione della Diversity & Inclusion è uno di quei fattori dominanti dell’open-mindset che sicuramente guideranno il business nei prossimi anni, con la consapevolezza che la diversità non sia più un qualcosa da evitare, ma anzi sia un tesoro da custodire e proteggere.

In un mondo che cambia a ritmi sempre più rapidi e frenetici, anche la comunicazione, nei suoi modelli e modalità, oltre che nelle sue dinamiche si evolve e modifica. In questo senso, saper partecipare proattivamente alle comunicazioni da remoto diventa sempre più importante per poter portare il proprio contributo nelle situazioni che coinvolgono colleghi e clienti. È importante migliorare incontri e riunioni online con l'ascolto attivo e la presenza in video, ma anche interagire attraverso e-mail, chat o app di messaggistica. In un periodo in cui lo smart working sta assumendo il ruolo di driver dell’evoluzione del mondo del lavoro, offrire una continuità nel contatto multicanale è un elemento di grande qualità, professionalità e competenza. Se, poi, questo touch-point viene anche utilizzato con consapevolezza e cognizione di causa, il risultato sarà ancora più apprezzato, migliorando in questo modo la reputation del professionista e arrivando a porlo in una posizione naturale di leadership, in grado di diventare all’occorrenza anche punto di riferimento su attività e gestione delle situazioni.

In un contesto come quello post-pandemico, infatti, solo i chi sa comunicare nella maniera giusta, all’interno delle varie piattaforme, ha la possibilità poi di poter essere preso come esempio da seguire. Un obiettivo che un team leader, o aspirante tale, deve sempre porsi per raggiungere il successo. Essere d’ispirazione, infatti, è uno di quei risultati che molti s’impegnano a raggiungere, ma che pochi ottengono. I leader che sanno comunicare chiaramente ed efficacemente la propria visione sono anche in grado di ispirare i propri collaboratori, stimolandoli a condividere i loro progetti con convinzione ed entusiasmo. Grazie al loro modo di parlare, ai concetti espressi e ai valori trasferiti questi capitani del business hanno la capacità di generare appartenenza al progetto, al team o all’azienda e consentire quindi una crescita omogenea e solida in grado di superare le difficoltà, creando così un clima di collaborazione e cooperazione che oggi risulta essere sempre più necessario per far fronte alla volatilità dei mercati e alla crisi che permea ogni settore.

In fine, quindi, è chiaro come saper comunicare non generi solo un vantaggio per chi si impegna in questa abilità, ma diventi a sua volta un enabler del cambiamento. Un fattore di trasformazione che trova il suo apice nel momento in cui questa capacità viene messa a disposizione degli altri per aiutarli a crescere, infondendo loro fiducia, offrendo supporto, spronandoli a dare il meglio o mostrandogli altre prospettive di successo in cui credere per guardare al futuro. Adottare una mentalità da coach nell’esprimersi e nel parlare in pubblico può davvero fare la differenza nel momento in cui si guida un team o un’azienda, soprattutto in una fase di grande trasformazione come quella che stiamo vivendo. Sotto questo profilo, essere in grado di aumentare il coinvolgimento degli altri e creare maggiori connessioni tra professionisti, team e partner può produrre notevoli benefici per il business.

 

Una comunicazione aperta e costruttiva è alla base di una dinamica di lavoro sana. Quando i membri di un team sanno di essere ascoltati e di essere presi seriamente in considerazione, le informazioni circolano liberamente. Il risultato? Migliori capacità di problem-solving, maggiore creatività e processi decisionali più efficaci.

 

... continua
INTELLIGENZA ARTIFICIALE: UN MERCATO GLOBALE DA $300 MILIARDI IN CRESCITA, MA AUMENTANO LE PAURE SU SICUREZZA E FUTURO DEL LAVORO

L’intelligenza artificiale impressiona, affascina e spaventa, non soltanto per le (quasi) infinite applicazioni e i vasti scenari che apre davanti a sé, ma anche per i risvolti sul tessuto economico e sociale di tutto il mondo. Secondo l’ultimo studio dell’Unicusano – studio per altro condotto in parte grazie proprio all’AI di Chat GPT – il mercato globale tocca oggi i 62,4 miliardi di dollari per arrivare, entro il 2026, a superare i 300 miliardi secondo le stime degli analisti. Di questi, solo i Chatbot – come appunto il più famoso Chat GPT – nel 2016 valevano 190,8 milioni di dollari facendo registrare negli anni una crescita del +555% che entro il 2025 raggiungerà l’ 1,25 miliardi di dollari.

 

In questo scenario di forte crescita, come abbiamo visto anche recentemente, l’Italia è fanalino di coda insieme al Giappone per quanto riguarda i Paesi a forte indice di sviluppo. Anche se il mercato post-pandemico delle AI è raddoppiato nel nostro Paese, registrando un +27% e assestandosi su un valore di circa 500 milioni di euro, come sottolineano i dati dell'Osservatorio del Politecnico di Milano, presentati lo scorso mese, l’Unicusano nel suo studio evidenzia infatti come campi di applicazione e investimenti delle aziende siano nel Belpaese molto circoscritti. Soltanto 6 aziende su 10, infatti, hanno avviato almeno una progettualità di AI nei settori dei servizi finanziari, dei trasporti, del retail e dei servizi pubblici.

 

Dati questi che fanno capire quanta strada anche ci sia da fare per l'Italia in questo senso e che abbiamo voluto approfondire meglio attraverso l'analisi di questa indagine universitaria che vi proponiamo di seguito, anche in vista della prossima edizione di AIXA - Artificial intelligence Expo of Applications - il grande evento sul mondo dell'intelligenza artificiale e delle sue applicazioni per il business, organizzato da Business International - Fiera Milano presso l'Allianz MiCo - Milano Convention Centre e previsto il 7 e 8 novembre 2023 all'interno della grande fiera dedicata alla Digital Transformation, che al suo interno vedrà la presenza degli eventi colocalizzati di On|Metaverse Summit e Biz Bang

 

DALLA CRESCITA DEL MERCATO AI TIMORI DEI LAVORATORI

Sfogliando il report di Unicusano, nonostante le difficoltà che il mercato tricolore sta affrontando, emerge anche il fatto che entro il 2024 per l’Italia sia prevista una crescita del 41,4% solo in ambito imprenditoriale. Le aziende che hanno saputo cogliere le potenzialità dell’AI, oggi affidano a questa tecnologia diversi “compiti”: dal risparmio di tempo nell’espletamento delle attività alla drastica riduzione dei margini di errore; dall’aumento delle performance a quello delle entrate, dall’individuazione tempestiva di eventuali problematiche all’elaborazione e analisi di un’enorme quantità di dati, dal miglioramento dell’esperienza con il cliente al risparmio di denaro.

Per gli italiani, però, esiste anche un lato oscuro legato allo sviluppo dell’intelligenza artificiale. Il 40% degli intervistati, infatti, dichiara di fidarsi poco di questa innovazione e il timore più grande tocca la sfera della professione lavorativa. Il 71% degli italiani, per esempio, secondo una ricerca condotta da Ipsoa e ripresa puntualmente da Unicusano, teme un impatto negativo sull’occupazione. Ad avere maggiore timore che l'AI possa sostituirsi ai lavoratori sono copywriter, insegnanti, traduttori, ma anche programmatori, marketer e ricercatori, tutti provenienti da ambiti già toccati dalle più recenti applicazioni di intelligenza artificiale.

 

I POSSIBILI IMPATTI DELL'AI SUL FUTURO DEL LAVORO

In questo scenario di preoccupazione globale, i timori dei lavoratori sembrano trovare fondamento nell’indagine dell’Unicusano: per l’ateneo telematico, infatti, fra poco meno di sette anni l'automazione del lavoro sarà responsabile della perdita di circa 73 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti e di 15 milioni in Europa. Nonostante le perplessità a livello etico-comportamentale e sociale, il sentiment nei confronti delle AI è comunque positivo, tanto che il 60% delle persone sostiene che l’intelligenza artificiale migliorerà la vita in alcuni ambiti come l’istruzione, l’intrattenimento, l’apprendimento, lo shopping, i trasporti, l’ambiente. A sorprendere è invece l’automotive, da sempre molto attenta allo sviluppo tecnologico, alla ricerca di nuove soluzioni e alla “naturale” inclinazione a esplorare nuove possibilità. In questo caso non ha ancora sfruttato le potenzialità AI soprattutto perché la legge non consente la sperimentazione di veicoli a guida automatica con automazione maggiore della classificazione SAE 2 (veicoli a “guida cooperativa”, con sistemi di ausilio alla guida). Eppure i campi di applicazione sono davvero tanti: monitoraggio delle condizioni stradali, nessun intervento umano, abilità predittive, possibilità di conversare con sistemi di IOT incorporati per esempio nei semafori o nella carreggiata, riduzione degli incidenti stradali (il 94% sono oggi dovuti a errori umani). Opportunità queste che bisognerebbe cogliere nell'immediato per poter rimanere al passo con i tempi, ma che ovviamente richiedono anche risorse e infrastrutture di rete sufficientemente capillari da coprire in maniera uniforme tutto il territorio nazionale. Un impegno che il governo italiano si è preso con il focus dedicato alla digital transformation, che sfrutta ovviamente gli investimenti del PNRR, ma che dovrà essere portato a compimento nei tempi richiesti dall'Europa per poter raggiungere gli obiettivi desiderati, arrivando a trasformare completamente la nostra penisola sia sotto un profilo tecnologico, sia sotto un profilo culturale, sociale e formativo. Uno dei più grandi ostacoli a questa roadmap, infatti, oggi in Italia sono le competenze: sempre più ricercate e sempre meno trovate. Un gap da ridurre questo, su cui aziende e università dovranno impegnarsi a collaborare concretamente per produrre soluzioni efficaci che consentano ai talenti di rimanere in Italia e non essere più costretti a espatriare per migliorare le proprie condizioni lavorative e opportunità di crescita professionale.

... continua
CRESCONO I TOP MANAGER SUI SOCIAL: LINKEDIN IL PIU' USATO (54%), MA IL 28% DEI PROFILI SONO INATTIVI

I social sono sempre più centrali nella comunicazione dei top manager. È quanto emerge dall’aggiornamento di gennaio 2023 dell’Osservatorio Social Top Manager di Reputation Manager, che monitora oltre 150 profili di executive attivi in Italia. 

 

Un'evidenza che abbiamo voluto comprendere meglio, attraverso un'analisi più approfondita della survey presentata negli scorsi giorni, anche in vista della prossima edizione di Business Leaders Summit, il grande evento dedicato ai migliori C-Level dell'impresa contemporanea, organizzato da Business International - Fiera Milano e previsto il prossimo 14 e 15 giugno 2023 presso l'Allianz MiCo - Milano Convention Centre. Se infatti il ruolo del manager si sta evolvendo e la sua dimensione trascende ormai il tradizionale posizionamento super partes che fin qui ha avuto, è fondamentale oggi capire le ragioni e le dinamiche di questo cambiamento per poter interpretare il nuovo valore di una leadership che, nell'era post-covid, non rappresenta più semplicemente la guida di un'impresa, ma si trasforma in un vero e proprio esempio da seguire e a cui ispirarsi anche nell'espressione di fattori sempre più importanti per la nostra società, come la sostenibilità, l'innovazione e la diversity and inclusion.

 

I RISULTATI PRINCIPALI

Tra i principali risultati dell’analisi, infatti, emerge subito come, nel corso dell’ultimo anno, il numero di top manager presenti sui social sia aumentato, ma allo stesso tempo sia anche cresciuto quello dei profili inattivi da più di 12 mesi (28%, + 2 punti percentuali rispetto al 2021). Una nota positiva è rappresentata, però, dalla diminuzione degli executive che si limitano a reagire ai contenuti altrui (il 22% dei manager attivi contro il 32% registrato a gennaio 2022). LinkedIn è il social più utilizzato (54%), seguito da Twitter (28%). Instagram ancora non ha ‘preso il volo’ tra i top manager (18%). Sotto questo profilo, inoltre, LinkedIn continua a crescere. La Top20 dei manager più seguiti sul social per professionisti, infatti, è cresciuta a un tasso medio del 21,6% nell’ultimo quadrimestre (settembre 2022-gennaio 2023) e tra i profili più seguiti troviamo: Stephan Wilkelmann di Lamborghini, Luca de Meo di Renault e Nerio Alessandri di Technogym. Tra i profili della Top20 che sono cresciuti di più, invece, possiamo notare: Remo Ruffini (+55%), Alessandro Benetton (+51%) e Andrea Orcel (+48%). Guardando poi a come la maggior parte dei manager in esame utilizza questa piattaforma scopriamo che il principale uso è per condividere contenuti legati alle rispettive aziende che guidano, mentre Twitter si attesta come lo spazio virtuale che permette talvolta di condividere opinioni personali su argomenti più variegati: ne è un esempio Lapo Elkann, tra i pochi manager in crescita sulla piattaforma (184 mila follower). Se poi si guarda a Instagram, si può comprendere come questo social invece sia spesso utilizzato con un approccio più personale, soprattutto dai protagonisti della moda: Remo Ruffini in crescita dell’11%. 

 

LA REPUTAZIONE DUALE: BRAND E TOP MANAGER

Anche nel nostro Paese, il ruolo dei top manager sta crescendo – spiega il fondatore e CEO di Reputation Manager, Andrea Barchiesi -. Nel 2022 la loro rilevanza mediatica è cresciuta. Basta un dato: nell’ultimo anno 2022, i principali 150 executive del nostro Paese sono stati menzionati in Rete 252 mila volte. Nel 2021, i contenuti online erano stati 152 mila, mentre l’anno precedente – quello caratterizzato dalla pandemia da Covid-19 – il totale si era fermato a 115 mila. Un ritmo di crescita importante: +32% tra il 2020 e il 2021 e +66% negli ultimi dodici mesi. Sintomo della rilevanza anche politica che i top manager hanno assunto nel nostro Paese. Agli executive moderni è richiesto un compito in prima persona, molto più attivo rispetto al passato e su più fronti, da quello aziendale a quello sociale. La comunicazione è un asset vero e proprio e la reputazione è duale. Vi sono due poli, il brand e il CEO che opera da ambassador. Al giorno d’oggi, la comunicazione di un’azienda, tramite un suo manager, governa la percezione pubblica dell’azienda stessa".

"I dati del 2022 mettono in luce questo nuovo ruolo sociale dei top manager – continua Barchiesi -. Quasi un contenuto su due (46%) è infatti riferito alla sfera della Leadership: in un contesto di crisi, il Paese ha guardato a loro in cerca di una guida. Segnale di come i leader d’azienda siano sempre più integrati nel dibattito pubblico, non solo in quello economico. Soprattutto in momenti di crisi in cui gli altri punti di riferimento vacillano". Sotto questo profilo, sempre dalle evidenze emerse dal report, è chiaro anche come il tema ESG si conferma uno degli asset portanti della comunicazione dei top manager. "Fare impresa - prosegue il CEO di Reputation Manager -, anche in Italia, significa così prestare attenzione sia al benessere interno che a quello esterno, cercando di avere un impatto positivo anche sulla società che ci circonda. Non a caso, sempre più top manager si fanno portavoce di valori e desideri di cura del Pianeta e delle persone, soprattutto su LinkedIn". Dall'Osservatorio, può si nota anche come valgano il 19% del totale le Performance aziendali. Una dimensione che oscilla a seconda del periodo dell’anno, incontrando i propri picchi di attenzione in prossimità della pubblicazione delle trimestrali. Residuale, invece, il racconto della storia personale degli executive (4%): un asset che pochi riescono a sfruttare generando effetti positivi.

 

LINKEDIN: FOCUS SU INNOVAZIONE E CRISI ECONOMICA

Degli oltre 150 manager inclusi nell’analisi, il 75% è presente sui social con almeno un profilo personale e il 45% ne ha più di uno. Ai manager presenti, infatti, sono riconducibili oltre 180 account distribuiti sulle tre piattaforme prese in esame: LinkedIn (54%), Twitter (28%) e Instagram (18%), per l'appunto. Partendo da questi dati, poi, nella sua indagine Reputation Manager ha aggiornato la propria analisi sulla comunicazione LinkedIn dei top manager a gennaio 2023. Nell’ultimo quadrimestre, al centro della comunicazione dei top manager sul social professionale rimangono i temi dell’innovazione e della sostenibilità, con un focus sulla transizione energetica. Dato il periodo di incertezza che stiamo vivendo, non mancano inoltre riflessioni sull’inflazione e sulla crisi economica. Apprezzati anche contenuti relativi a tematiche di più ampio respiro, come la leadership, e i successi aziendali nonostante le avversità che caratterizzano il momento storico che stiamo vivendo. Non sono molti, invece, i contenuti attinenti alla sfera personale e alla vita privata dei manager.

 

La Top20 degli executive più seguiti su LinkedIn è cresciuta, in termini di follower, a un tasso medio del 21,6% nell’ultimo quadrimestre (settembre 2022-gennaio 2023). La percentuale media di incremento continua dunque la sua espansione rispetto al 17,6% rilevato a settembre. Il podio è rimasto invariato, con l’Amministratore Delegato di Lamborghini, Stephan Winkelmann, al vertice della classifica. Il CEO conta oggi più di 164 mila follower (+29% in quattro mesi). Tra i contenuti dell’ultimo periodo che hanno generato il maggior numero di reazioni, quello riguardante il lancio della nuova Huracán Sterrato, una riflessione sull’anno appena terminato e sul futuro di Lamborghini e l’ottenimento della certificazione IDEM per le policy aziendali orientate alla garanzia della parità di genere. Il settore Automotive continua a occupare anche il secondo gradino del podio. A confermare il proprio argento è infatti Luca de Meo (119 mila follower), la cui platea è cresciuta ancora del 19%. L’Ad di Renault ha dedicato spazio a diversi eventi, come al Paris Motor Show e alla manifestazione organizzata da Renault, l’OnR Festival. Si mantiene saldo in terza posizione il fondatore e Ad di Technogym, Nerio Alessandri (92 mila, +23%), che dedica la maggior parte dei suoi post ai temi più generali del benessere e della salute. In un’occasione, inoltre, il manager ha sottolineato come, delle 32 squadre partecipanti ai Mondiali di calcio in Qatar, 28 si siano allenate con Technogym.

 

 

Continua la sua ascesa Cristina Scocchia di Illycaffè (69 mila follower), che nel periodo in esame passa dal sesto al quarto posto, vedendo crescere il proprio seguito del 45% (+21 mila). La top manager tratta di diversi temi, dalla leadership ai successi aziendali. Recentemente, ha inoltre generato interesse nel suo pubblico con un’intervista con lo youtuber Marco Montemagno e ha dedicato un post all’MBA honoris causa conferitole dalla CUOA Business School, presso la quale ha anche tenuto una lectio magistralis.

 

Giampaolo Grossi, Director e General Manager di Starbucks (59 mila), continua a guadagnare follower (+14%). Il manager ha proseguito con la pubblicazione di diverse frasi motivazionali e ha trattato di svariati temi, tra cui soprattutto quello della leadership. Di recente, ha inoltre pubblicato un post in ricordo di Gianluca Vialli, un contenuto che ha generato notevole interesse.

 

Scende in sesta posizione, rispetto alla quarta di settembre, Luca Dal Fabbro, presidente di Iren, che raggiunge i 54 mila follower (+3%). Il manager si focalizza sul tema energia, reagendo e rilanciando diversi contenuti relativi all’azienda da lui guidata. Svariati post riguardano accordi firmati, tra gli altri, con il Politecnico di Torino, eventi organizzati dalla società – come l’ESG Challenge 2023 – e novità relative al settore energetico e sulla transizione verso le rinnovabili.

 

Nonostante un’attività di esclusiva condivisione di post altrui, Andrea Pontremoli (49 mila follower) sale di tre posizioni e guadagna la settima posizione, dopo essere entrato in Top10 nella rilevazione di settembre. L’Ad di Dallara continua il suo impegno in ambito accademico e condivide post relativi a diverse tematiche legate all’innovazione, all’istruzione e al mercato. Tra gli ultimi contenuti condivisi, anche un articolo sui sei anni di attività dell’associazione da lui co-fondata, “Parma, io ci sto!”.

 

47,3 mila follower per Francesco Starace, che si conferma ottavo tra i top manager con il seguito più consistente su LinkedIn. Il tema energetico è sicuramente prevalente sul profilo del CEO di Enel, che condivide contenuti informativi sul mercato e sulla transizione verso le rinnovabili. Di recente, il top manager ha inoltre condiviso con i propri follower la quarta edizione del rapporto “100 Italian E-mobility Stories”, elaborato da Fondazione Symbola ed Enel.

 

Nono Corrado Passera, che perde due posizioni, ma che conta 47,2 mila follower (+3%). L’Ad di Illimity ha continuato, anche nel periodo in esame, a condividere le proprie interviste. Temi ricorrenti sul suo profilo sono il mondo degli investimenti e le startup, cui ha dedicato un articolo in occasione del decimo anniversario dello Startup Act. Un’altra ricorrenza alla quale il CEO ha dedicato spazio è stata la presentazione della trimestrale di Illimity e il suo ingresso nel quinto anno di attività, ottenendo solidi risultati e confermando i suoi obiettivi.

 

Claudio Descalzi, con 45 mila follower, chiude la Top10. Il CEO di Eni dedica gran parte dei suoi contenuti a iniziative volte alla decarbonizzazione. Risale a pochi mesi fa, per esempio, l’annuncio di una partnership attivata tra Eni e Snam per lo sfruttamento delle tecnologie CCS (carbon capture and storage), utili nel contenimento delle emissioni di CO2.

 

Nel periodo in esame, si segnalano inoltre le performance positive di Remo Ruffini (Moncler), Alessandro Benetton (Edizione) e Andrea Orcel (Unicredit), che hanno visto i propri follower crescere rispettivamente del 55, 51 e 48%.

 

MANAGER E SOCIAL UNA RELAZIONE A PIU' LIVELLI

A gennaio 2023, i manager assenti dai social (Asocial) rappresentano il 25% degli oltre 150 manager presi in esame, in lieve calo rispetto a un anno fa. Aumentano, però, gli Inactive, ossia gli executive che, pur essendo formalmente presenti sui social con almeno un profilo personale, non risultano attivi da più di un anno. È inattivo, in particolare, il 28% dei profili social (rispetto al 26% di gennaio 2022). Il 64% dei manager analizzati risulta attivo su almeno una piattaforma social e, mentre a settembre lo stile comunicativo più comune risultava essere quello del Brand Ambassador, ossia uno stile che predilige una comunicazione orientata ai successi e allo sviluppo dell’azienda per cui il manager lavora, oggi questo definisce il 22% dei top manager attivi sui social (una riduzione di 8 punti percentuali rispetto a un anno fa), superato dagli Interactive, che rappresentano invece il 30%. Una categoria, quest’ultima, costituita da manager capaci di suscitare interesse e reazioni consistenti e che ha subìto una grande espansione nell’ultimo anno (+19 punti). Al di sopra dei Brand Ambassador, nella classificazione elaborata da Reputation Manager, ci sono i Market Ambassador, ossia executive la cui influenza valica i confini aziendali, in quanto rilevanti anche all’interno del loro mercato di appartenenza. Oggi, questa categoria rappresenta l’11% dei manager attivi sui social. Il 3% degli executive attivi in Italia rientra nella categoria dei Country ambassador, rappresentando l’Italia nel mondo in diversi contesti internazionali, mentre il ‘titolo’ di World leader (1%) può essere attribuito esclusivamente a soggetti che rappresentano un punto di riferimento per la società nel suo complesso. Gli Editor (11%) sono la prima categoria nell’ordine evolutivo espresso nella piramide che include utenti attivi nella pubblicazione di contenuti originali. Al di sotto di questo step, dunque, si posizionano quei manager che, seppur attivi, si limitano a reagire ai contenuti altrui. In particolare, i Reactive (13%) sono coloro che mettono like e commentano i post pubblicati da altri utenti, mentre gli Sharer (9%) aggiungono a questa attività quella di condivisione. Le due categorie rappresentano oggi il 22% del totale, rispetto al 32% registrato a gennaio 2022.

... continua