Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Finance & Administration

Gli eventi dell’area Finance & Administration (AFC) sono rivolti ad una community di oltre 40.000 manager che operano nella divisione AFC di multinazionali, grandi aziende e PMI italiane che hanno l’opportunità di aggiornarsi professionalmente e confrontarsi in expo internazionali, annual conferences, corsi di formazione ed eventi ad hoc.

Gli eventi flagship dell’area sono 3 tra i più importanti appuntamenti in Italia in ambito AFC: CFO summit, Finance Award e Re-Inventing Finance.

TAG: Amministrazione, Audit, Bilancio, Budget, Cash Flow, CFO, Contabilità, Controllo di Gestione, Corporate Governance, Fatturazione Elettronica, Finanza, Fiscale, IAS-IFRS, Recupero Crediti, Reporting, Tesoreria.


Sales Team 06.80.91.18
eventi futuri
Global Risk Forum 2021 Live Streaming, 18 giugno 2021
CFO Summit 2021 Live Streaming, 16 giugno 2021
Opening Conference Business Leaders Summit Live Streaming, 14 giugno 2021
Roundtable: CFO and HR in the Age of Innovation Live Streaming, 18 marzo 2021
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 ... 22
eventi realizzati
Il controllo di gestione nelle aziende su commessa-progetto Live Streaming, 4 luglio 2022 -3 giorni all'evento iscriviti
BILANCIO IFRS: Novità e aspetti operativi Live Streaming, 7 luglio 2022 -6 giorni all'evento iscriviti
Bilancio OIC 2021 Live Streaming, 14 luglio 2022 -13 giorni all'evento iscriviti
The Art of Negotiation Milano, dal 22 settembre 2022 al 30 settembre 2022 -83 giorni all'evento save the date
1 | 2

News & Media

Al Business Leaders Summit, premiati i migliori c-level dell’impresa italiana in ambito Finance e Procurement
Più di 1000 manager in presenza, oltre 200 mila utenti coinvolti online, 18 C-level premiati in ambito Procurement e Finance, 5 giorni di eventi e networking non stop con 120 relatori di fama nazionale e internazionale provenienti dal mondo dell’impresa e dell’università. L’edizione primaverile del Business Leaders Summit, la settimana di eventi, tenutasi dal 13 al 17 giugno 2022 presso il Museo Diocesano di Milano, organizzata da Business InternationalFiera Milano e dedicata a CPO, HR Director, CFO e CRO, si conferma ancora una volta come una kermesse di grande successo, in grado di riunire al tavolo i principali decision maker dell’industria moderna per offrire una visione di futuro che guardi alla crescita e alla sostenibilità.

QUALITA’ E VALORI GUIDANO IL FUTURO DEL BUSINESS
Una serie di sessioni di confronto che in oltre 60 ore di keynote speech e tavole rotonde non stop hanno saputo unire esperti, come Colin Mayer, Emeritus Professor of Management Studies, Saïd Business School University of Oxford, Maurizio Dallocchio, Professore Ordinario di Finanza Aziendale all’Università Bocconi di Milano, Stefano Faccioli, Head of Organizational Development, Training & Change Management della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli ed Adjuct Professor di Human Resources & Competency Management presso La Sapienza Università di Roma, Romeo Orlandi, Economista e Professore di Globalizzazione, nuovi mercati ed Economie asiatiche e Vice Presidente della Italy-Asean Associaton, Massimo Temporelli, Presidente e co-founder di The FabLab, e Marco Crespi, già allenatore della nazionale italiana e svedese di basket femminile.

Tutti intervenuti per raccontare la propria esperienza e confrontarsi su tematiche quali la necessità di rendere sostenibili i bilanci, l’importanza di promuovere una nuova cultura della trasparenza e della coerenza tra l’interno e l’esterno dell’organizzazione, il valore sempre crescente di nuove modalità di lavoro flessibile e la capacità essenziale di prendersi cura ed educare la propria community, composta tanto dai dipendenti quanto dai partner della filiera e dai clienti.

In un contesto in continua evoluzione, infatti, dove i rischi climatici, geopolitici e sanitari o cibernetici la fanno da padroni, la capacità di collaborare per la creazione di un valore condiviso e di analizzare, interpretare e anticipare i nuovi trend del mercato diventano elementi cruciali, come anche le nuove competenze digitali, per poter dare vita a un nuovo sviluppo del business. Un set di skill su cui, in questa settimana di incontri e networking, la knowledge unit di Fiera Milano ha voluto porre grande attenzione.


A tal punto da decidere di valorizzare le migliori aziende e i migliori manager dell’area Procurement e Finance con due premi: il Circular Procurement Award e il Business International Finance Award.

Così, per l’area Acquisti, il riconoscimento ha visto protagonisti:

Alda Paola Baldi, Head of Procurement Italy di Enel Group, e Carmen Carulli, Italy Purchasing Director di L'Oréal Italia, nella categoria “Generating greater value for society”, Anna Spinelli, Chief Procurement Officer di Deutsche Post DHL Group, Giacinto Carullo, Chief Procurement & Supply Chain Officer di Leonardo, e Guido Amendola, Senior Vice President Corporate & Group Supply Chain di Snam, nella categoria “Protecting the environment”, Luigi Cozzolino, Global Industrial Procurement Director di Angelini Pharma, Adriano Meloni, Global Procurement, Country Lead Italy di Bristol Myers Squibb, Anna Campi, Head of Procurement di ERG SpA, e Fabrizio Guerra, Group Procurement Manager di Gruppo Sapio, nella categoria “Ensuring Business Governance”.







Mentre nell’area Amministrazione Finanza e Controllo hanno ricevuto il premio:

Flavio Caruso, CFO di Novartis Italia, nella categoria “Digital Finance Transformation: innovazione e trasformazione dei processi e sistemi dell’area AFC”, Manuel Liotta, Head of ESG & Integrated Reporting di Leonardo, Carmine Scoglio, Responsabile Bilancio Amministrazione e Fiscale del Gruppo Terna SpA, Cosimo Guarini, Responsabile Bilancio e reporting del Gruppo Terna SpA, e Nabila Castellani, Marketing & Communication Manager di Fedabo, nella categoria “Non Financial Indicator, ESG e Bilancio Sostenibilità”, Bruno Stella e Anna Tarlo, rispettivamente, Head of AFC Digital Hub e Head of Adoption AFC Digital Hub dI Enel Group, e Gianluigi De Bernardi, General Manager e Executive Coach di Feralco Italia, nella categoria “Controllo di Gestione, Pianificazione e Reporting“, e Anna Tanganelli, CFO del Gruppo Iren, nella categoria “Finanza corporate”.



Grazie anche alla bellezza e alla calma del Museo Diocesano di Milano – commenta Carlo Antonelli, Direttore di Business International – Fiera Milano, non possiamo che essere estremamente soddisfatti della qualità a 360 gradi del Business Leaders Summit, confermata peraltro anche dal feedback dei partecipanti. Il summit prende così definitivamente la forma di un sistema di 5 giorni dedicato alle relazioni tra il mondo del lavoro e la complessità della condizione generale che ci circonda. Le abbiamo affrontate con alta competenza e con particolare attenzione all’umanità, assolutamente necessaria per la sostenibilità dell’ambiente delle organizzazioni”.
... continua
Come implementare un Mentoring Inclusivo? L’esempio di Fitch Group
Non c’è dubbio che il mentoring sia diventato uno strumento essenziale per le aziende, specialmente per quelle che continuano a crescere su scala globale, insieme all’innovazione e sviluppo progettuale di lungo periodo. Questi obiettivi presentano diverse sfide, tra cui anche quella della gestione della Diversità e non soltanto per quanto concerne gli ambienti in cui le aziende operano, ma anche per quanto riguarda la Community aziendale in sé. Sotto questi punti di vista, il requisito per una strategia di Mentoring di successo necessita l’incorporazione di una prospettiva Inclusiva.

Ma, come si può costruire un programma di Mentoring Inclusivo efficace? Quali strategie sono più adeguate per garantire ambienti di Mentoring che siano vantaggiosi sia per l’organizzazione, sia per le persone che ci lavorano? Quali step possono essere approcciati da un'azienda che sta iniziando a intraprendere questo percorso?

Come spesso avviene, le risposte a queste e altre domande possono essere trovate nelle best practice delle aziende che prospettano lo sviluppo di questo tipo di iniziativa. Un caso di successo è quello del Fitch Ratings Women's Network Mentoring Program promosso da Fitch Group; il “WN Mentoring Program” è focalizzato sulle dipendenti donne ed ha come target quello di costruire una Community con l’obiettivo di sviluppare talenti femminili all’interno del framework del cosidetto Gender & Diversity balance.

Gabriela Mazzino, Market Research Associate nel Business & Relationship Management dell’ufficio di Fitch Ratings di Milano e testimone del programma, ci ha raccontato: "Una volta al mese e durante un anno, la mia Mentor – che ha base a Johannesburg – mi incoraggiava a rafforzare la mia identità, dandomi dei consigli e condividendo con me alcune strategie derivanti dalla sua esperienza".

Questa attività di Mentoring ha aiutato Gabriela a essere promossa in una nuova posizione all’interno dell’azienda, sviluppando così la sua carriera professionale e diventando a sua volta una Mentor.

"L’esperienza è stata davvero soddisfacente e positiva, professionalmente e personalmente. La mia Mentor mi ha aiutata a capire meglio come avrei potuto crescere e fare progressi nella mia carriera e superare le barriere che avrei dovuto affrontare” ha proseguito Gabriela.

Per quale motivo Fitch Group ha deciso di creare un programma di mentoring focalizzato sulle donne? Gabriela spiega che la ragione è motivata dalla bassa presenza di donne nel mondo della finanza che si registrava in passato. Oggi, data la presenza di un numero cospicuo di donne nell’ambito della finanza, l’azienda vede il bisogno di creare spazi nei quali il lavoro collaborativo tra loro migliori. "Avere diversi punti di vista in ambito lavorativo all’interno di un team è un elemento positivo e credo che Fitch Group voglia incoraggiare in questo senso l’arricchimento" sottolinea Gabriela.

Quindi, aggiunge, Fitch "ha attivato un programma di Mentoring focalizzato in primo luogo sulla riduzione di questo gap. In secondo luogo, poi, ha voluto incoraggiare le donne a crescere; e in terza istanza, ha creato una Community e una sorellanza tra donne provenienti da diverse parti del mondo e da diverse identità culturali".

Il programma non conosce confini : la sua strategia, che consiste in un percorso di Mentorship di almeno un anno, permette alle donne di scegliere un Mentor (uomo o donna) che lavori in ogni altra filiale del Fitch Group nel mondo. Gabriela ha spiegato che, dopo aver stabilito il contatto, la modalità e gli obiettivi del percorso sono stati concordati rispetto alle proprie esigenze con la Mentor.

I risultati hanno ampiamente superato le aspettative: solo nel 2021, il programma ha avuto ben 438 partecipanti (140 di EMEA, 158 di NA, 88 di APAC e 52 di LATAM). Il loro contributo è stato fondamentale per la talent retention in differenti aree dell’azienda.

Al di là di questi dati, però, il programma porta anche benefici diretti alle persone che vi aderiscono. Gabriela Mazzino evidenzia tra questi: la possibilità di sviluppare competenze essenziali per il mercato del lavoro moderno, come per esempio una migliore conoscenza dell’inglese finanziario, il problem solving, il miglioramento della propria perfomance, produttività e lavoro di squadra, ma soprattutto la creazione di spazi di intimità nei quali le persone, presenti in luoghi geograficamente distanti, possano connettersi "sotto un punto di vista più familiare". "Quando hai un Mentor con una Seniority superiore rispetto alla tua, la sua esperienza di crescita e di lavoro quotidiano è davvero un tesoro prezioso" ha aggiunto Gabriela.

Da questa esperienza, Gabriela ha voluto suggerire 5 spunti a quelle aziende che abbiano il desiderio di intrapendere un programma di Mentoring per la crescita professionale delle sue dipendenti:

  • 1) Incoraggiate voi stessi ad essere sia Mentor sia Mentee, perchè ognuno di noi ha molto da offrire e da cogliere, ma semplicemente non lo sappiamo;
  • 2) Fidatevi del processo, perchè qualche volta potreste pensare che la conversazione sia stata poco utile e quando meno ve lo aspettate, vi troverete ad usare il consiglio che vi è stato dato;
  • 3) Siate umili e aperti a ricevere: non siete né più, né meno delle altre persone, le differenze portano vantaggi a entrambe le parti;
  • 4) Mettete da parte i pregiudizi e ricordate che ognuno vive la propria vita come la sa interpretare secondo la propria educazione, cultura e paese dove lavora;
  • 5) Parlate col cuore in mano, senza avere paura di essere vulnerabili, siate autentici.


Inoltre, una strategia di Mentoring che aspiri a essere di successo deve essere aperta alle trasformazioni che rendono la sua evoluzione possibile e assicurano le connessioni personali, professionali e di amicizia che Gabriela ha enfatizzato in precedenza. Da questa idea, Fitch Group sta facendo passi da gigante e, nel 2022, il programma aprirà le sue porte a una modalità intercompany nel settore finanziario, che permetterà un Mentoring con altri colleghi che operano in altre aziende del mondo della finanza.
Infine, Gabriela incoraggia vivamente le donne Senior del mondo della finanza a fare un passo avanti nel creare questo tipo di iniziative e a tendere la mano alle donne che vogliono crescere professionalmente.

Non perdere l'occasione di scoprire la realtà di Fitch Ratings, che ha partecipato al CFO Summit, l'evento, tenutosi lo scorso 15 e 16 giugno 2022 e dedicato al mondo del Finance, che si è svolto presso il Museo Diocesano di Milano all'interno di Business Leaders, la settimana di eventi (dal 13 al 17 giugno 2022), ideata da Business International - Fiera MIlano e dedcata ai migliori C-level dell'impresa moderna.
... continua
L’outsourcing di F2A: il supporto strategico ai CFO
Nei servizi di outsourcing FAS – Amministrazione e Finanza, F2A è la prima società italiana, che abbina la consulenza professionale completa e integrata necessaria per supportare i processi contabili e amministrativi delle Aziende, fornendo risposte complete ad ogni esigenza, non solo in ambito amministrativo, contabile bilancistico e fiscale, ma anche rispetto ai temi della mobilità e della gestione ambientale.

L’offerta di F2A presenta un’ampia gamma, dai servizi contabili integrati per le PMI al back-office di singoli processi amministrativi per le medie e grandi aziende, e vanta soluzioni tecnologiche evolute (Rpa, machine learning ect) e web progettate per erogare servizi con maggiore efficienza, produttività e qualità.

L’architettura orientata al servizio consente, inoltre, la modularità delle soluzioni nonché la flessibilità nella definizione del perimetro di servizio e del livello di servizio personalizzandolo coerentemente alle esigenze dei Clienti. L’outsourcing dei servizi tramite la soluzione tecnologica del Cliente, sistemi contabili e gestionali, è altresì un’opzione facilmente percorribile.

Valore imprescindibile sono poi le risorse di F2A. Punto di forza nell’espressione della specializzazione verticale e di competenze trasversali sui processi di riferimento della sfera finanza e amministrazione, nel giusto rispetto delle tematiche di inclusion e diversity.

Questi sono stati alcuni degli spunti proposti da Giorgio Vergani, Direttore Finance & Administration Services di F2A, nel corso del suo intervento, tenutosi il 16 giugno alle 14:45 all'interno del CFO Summit, l'evento, tenutosi lo scorso 15 e 16 giugno 2022 e dedicato al mondo del Finance, che si è svolto presso il Museo Diocesano di Milano all'interno di Business Leaders, la settimana di eventi (dal 13 al 17 giugno 2022), ideata da Business International - Fiera MIlano e dedcata ai migliori C-level dell'impresa moderna.
... continua