Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Energy & Utilities

L’Area E&U presidia tutte le tematiche relative ai mercati dell’energia e dell’ambiente, sia sotto il profilo regolatorio e finanziario che tecnico e tecnologico. La qualità degli eventi è garantita da un monitoraggio costante dell’evoluzione normativa, da un’attenta analisi dei trend economici dell’industria di riferimento, dalla relazione continua con il mondo delle istituzioni, delle imprese e delle università. Key areas: Ambiente, Efficienza Energetica, Energy Management, Gas, Smart Grids, Utilities, Rinnovabili, Biomasse, Eolico, Solare, Servizio Idrico, Rifiuti, Spl


Sales Team 06.845411
eventi realizzati
nessun evento in programma
eventi realizzati
nessun evento in programma

News & Media

Exploit nel mondo per le energie rinnovabili, ma l’europa frena

Il 2014 si è caratterizzato anche per un boom globale di investimenti nel settore delle energie verdi (o rinnovabili). Secondo gli esperti di Bloomberg New Energy Finance (BNEF) infatti, l’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili è cresciuto nel mondo del 16% rispetto al 2013, raggiungendo un ammontare complessivo di spesa di 310 miliardi di dollari.

Gli “Authoritative annual data”, contenuti nell’ultimo rapporto della nota agenzia di informazione finanziaria Bloomberg (settore energetico), pubblicato lo scorso 9 gennaio a Londra e New York, confrontano questo dato con il risultato del 2013, di 268,1 miliardi di dollari, e anche con il dato del 2004, che fu di 60,2 miliardi di dollari.

Il record però si è raggiunto nel 2011: 317,5 miliardi di dollari spesi complessivamente nel mondo in energie rinnovabili. Il dato del 2014 è comunque decisamente degno di nota: testimonia la costante crescita della spesa in energia verde e premia le politiche dei governi a suo favore.

La crescita dello scorso anno però riguarda soprattutto paesi extra europei e con economie di peso, quali la Cina, che registra il dato di 89 miliardi di dollari spesi in energie rinnovabili (+ 32%), gli Stati Uniti con 51.8 miliardi (+ 8%), ed il Giappone, con 41.3 miliardi (+ 12%).

Per quanto riguarda invece l’Europa, il Vecchio Continente è stato l’unico grande mercato dell’energia pulita a restare sostanzialmente stabile, con un misero +1% che ha portato la quota degli investimenti a 66 miliardi di dollari. La piccola crescita si deve ai nuovi investimenti in progetti nell’eolico offshore.

A livello globale, il settore è stato dominato da progetti in energia solare, che grazie all’abbassamento dei costi delle tecnologie ha portato a una crescita del 25% negli investimenti, i quali valgono ora poco meno di 150 miliardi di dollari. Anche nel comparto eolico l’aumento è a doppia cifra: +11%, per un totale di 100 miliardi. Il quadro è meno incoraggiante per biocarburanti, biomasse e mini idro, con un calo dei livelli di investimento rispettivamente del 7%, 10% e 17%.

Michael Liebreich, Presidente del comitato di consultazione di Bloomberg, ha affermato che la performance del 2014 ha oltrepassato tutte le proiezioni fatte in precedenza ed inoltre che «Il settore dell’energia solare ha contribuito in massima parte, grazie agli enormi miglioramenti nella competitività degli ultimi cinque anni».

... continua
Le strategie del Governo per sbloccare gli investimenti in efficienza energetica

Un fondo nazionale in attesa del decreto attuativo, un modello di contratto di rendimento energetico allo studio, modifiche in vista al Conto termico: così il Governo spera di favorire le misure per la riqualificazione del patrimonio edilizio, puntando a ridurre i consumi di elettricità e calore. Intervista a Mauro Mallone del Ministero dello Sviluppo Economico.

L’efficienza energetica è un tema molto complesso da affrontare, come emerso recentemente anche nell'ambito di alcuni convegni a Solarexpo di Milano, soprattutto nel settore dell’edilizia: l’Italia finora ha proceduto troppo lentamente a riqualificare il suo patrimonio immobiliare, in buona parte perché gli interventi sono rimasti confinati ai singoli appartamenti (grazie alle detrazioni fiscali), interessando solo marginalmente le ristrutturazioni condominiali, per non parlare di quelle di interi quartieri o palazzi pubblici di vaste dimensioni.
Il problema? Essenzialmente finanziario, tra vincoli del Patto di stabilità e mancanza di risorse private e statali da investire. Sulle prossime mosse del Governo su questi fronti, Qualenergia.it ha sentito l’ingegner Mauro Mallone, dirigente della Divisione efficienza energetica presso il ministero dello Sviluppo economico.

Partiamo dal fondo nazionale per l’efficienza energetica: come funzionerà e quando sarà operativo?
Il decreto attuativo è in fase avanzata di elaborazione. A oggi la sua dotazione è di 70 milioni di euro l’anno fino al 2020. Una parte del fondo potrà essere utilizzata anche per finanziamenti a tasso agevolato, anche se l’obiettivo principale dello strumento è fornire delle garanzie sugli investimenti in efficienza energetica. Garanzie che potranno coprire fino all’80% dei prestiti erogati dalle banche, abbassando il rischio delle operazioni. Poi c’è da considerare l’effetto-leva: secondo le stime, il fondo smobiliterà almeno 400 milioni di euro l’anno di risorse private, destinate a interventi di efficienza in uno spettro molto ampio di settori, dalla pubblica amministrazione al residenziale, compresa l’edilizia popolare, passando per le reti di teleriscaldamento e l’illuminazione pubblica.

Quale sarà il criterio per selezionare le richieste di finanziamento?
Il criterio principale sarà il minor costo per kWh risparmiato, per favorire le misure che consentono di ottenere la più alta riduzione dei consumi elettrici e termici, a parità di spesa. I progetti dovranno essere corredati da una diagnosi energetica.

Avete pensato a nuove forme contrattuali per “certificare” il risparmio energetico finale?
Stiamo lavorando con Enea a un modello di contratto di prestazione energetica, Epc, cioè energy performance contract. A breve inizieremo con le prime sperimentazioni. Il contratto dovrà regolare adempimenti e responsabilità di tutti i soggetti coinvolti, stabilire l’entità del risparmio energetico finale e come ripartire i benefici economici tra la pubblica amministrazione e la società che ha realizzato i lavori. Sarà un modello utilizzabile anche in ambito residenziale, soprattutto per interventi che coinvolgono grandi condomini.

Con diversi strumenti a disposizione, c’è il rischio di non saperli sfruttare al meglio. Che ruolo avranno le società di servizi energetici?
Ad esempio, prendiamo una Esco che intende eseguire un programma di riqualificazione energetica per un milione di euro in un edificio pubblico. In tal caso, potrà utilizzare i contributi a fondo perduto del Conto termico fino al 40% delle spese ammissibili, mentre per il restante 60% dovrà cercare risorse sul mercato, che potrà ottenere più facilmente grazie alle garanzie messe a disposizione dal fondo. La pubblica amministrazione proprietaria dell’edificio, utilizzando il contratto Epc, potrà ripagare l’intervento con il risparmio ottenuto sulla bolletta energetica, superando così i vincoli imposti dal Patto di stabilità.

A proposito di Conto Termico: il suo avvio non è stato brillante. Perché?
È uno strumento innovativo, e come tale richiede un periodo di rodaggio. All’inizio è stato così anche per i Certificati Bianchi, che poi si sono affermati con buoni risultati. Con l’obiettivo di semplificare l’accesso agli incentivi per cittadini, imprese e pubblica amministrazione, è in corso la stesura finale del decreto di aggiornamento per il Conto Termico, che tiene conto anche delle osservazioni pervenute dagli operatori attraverso la consultazione pubblica chiusa a fine febbraio.

Quali altri cambiamenti ci sono all’orizzonte?
Come emerso dalla consultazione, le principali innovazioni saranno queste: erogare l’incentivo in una rata unica, anziché spalmarlo in più anni, almeno per i lavori fino a una certa soglia di spesa. Aumentare da 1 a 2 MW la potenza massima degli impianti incentivabili. Innalzare il contributo al 55% delle spese sostenute per gli interventi integrati edificio-impianto, portandolo al 65% per gli edifici a energia quasi zero.

Che cosa significa esattamente la definizione di ‘energia quasi zero’?
Si riferisce a edifici che devono rispettare dei criteri molto severi di trasmittanza termica, definiti con un decreto già approvato in sede di Conferenza unificata e di prossima emanazione. Oltre ad un maggiore isolamento termico dell’involucro, il 35% del fabbisogno energetico complessivo dovrà essere coperto da fonti rinnovabili. Il tetto salirà al 50% nei prossimi anni.

Nonostante tutti questi sforzi, l’Europa ha bocciato il recepimento italiano della sua direttiva sull’efficienza. Come lo spiega?
Una premessa: l’Italia è al secondo posto, dietro soltanto alla Germania, nella classifica mondiale sull’efficienza energetica, stilata da un organismo americano, l'American Council for an Energy Efficient Economy. Detto questo, le osservazioni della Commissione Ue sono perlopiù di carattere formale e non intaccano gli aspetti fondamentali della direttiva, che sono stati tutti accolti. Per esempio, Bruxelles ha rilevato che nel decreto 102 del 2014 manca la definizione di audit energetico: si trovava nel decreto 115 del 2008, che però non è stato riportato perché alcuni articoli nel frattempo erano stati abrogati. Il paradosso è che nel provvedimento di recepimento, c’è un allegato che spiega in dettaglio i criteri minimi che devono avere le diagnosi energetiche.

FONTE: www.qualenergia.it
 

... continua
BusinessInternational.DataContext.View_VideoBusinessUnit
Efficienza Energetica 2015 - Maria Deledda

UPDATE ME

Per Maggiori informazioni Compila il form per essere ricontatta via email

Consenso dell’interessato al trattamento dei suoi dati personali

In relazione all’informativa privacy qui riportata per la iscrizione alla newsletter tematica l’interessato dichiara di acconsentire al trattamento dei suoi dati personali da parte di Fiera Milano Media Spa – Business International per finalità di:


a) invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali tramite sistemi automatizzati di chiamata, fax, e-mail, sms, mms, sulle manifestazioni fieristiche di suo interesse e sui servizi e prodotti del medesimo Titolare, di altre società del Gruppo Fiera Milano e di terzi (organizzatori, espositori, operatori economici coinvolti nelle manifestazioni fieristiche a cui partecipa il medesimo Espositore od operanti anche in altri settori):


Sì, acconsento *
No, non acconsento

b) comunicazione e/o cessione dei dati personali o delle informazioni ad altre società del Gruppo Fiera Milano (indicate nell’informativa) ed altri soggetti (organizzatori, espositori, operatori economici coinvolti nelle manifestazioni fieristiche od operanti anche in altri settori evidenziati nell’informativa) per loro autonomi trattamenti a fini di invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali di loro prodotti e servizi attraverso le modalità automatizzate sopra indicate:

Sì, acconsento
No, non acconsento

Accettare l'informativa sulla privacy

Informativa sul trattamento dei dati personali - Art. 13 del Regolamento (UE) 679/2016

Nel rispetto della normativa sulla privacy (Regolamento (UE) 679/2016 – Regolamento Generale Protezione Dati Personali, in seguito “RGPD”), desideriamo informare l’interessato che l’indirizzo e-mail e gli altri dati personali (nome, cognome, società) forniti con la compilazione del presente form, contrassegnati come obbligatori, sono necessari per l’iscrizione alla newsletter tematica di Fiera Milano Media Spa – Business International ed in loro mancanza non potrà essere completata la procedura di iscrizione a tale newsletter. L’indirizzo e-mail e gli altri dati personali così acquisiti sono trattati da Fiera Milano Media Spa – Business International (Titolare del trattamento) con procedure informatizzate e modalità idonee ad assicurare la corretta gestione del servizio richiesto e dei connessi adempimenti normativi. I dati sono conservati presso Fiera Milano Media Spa – Business International per i tempi previsti dalla normativa vigente di riferimento e sono protetti con adeguate misure di sicurezza, nel rispetto degli standard richiesti in materia di riservatezza dei dati e segretezza delle comunicazioni. Il trattamento dei dati è affidato a dipendenti e collaboratori appositamente autorizzati da Fiera Milano Media Spa – Business International nell’ambito delle funzioni e degli uffici preposti. I dati potranno essere, inoltre, comunicati ad altre società del Gruppo Fiera Milano ovvero terze che, in qualità di responsabili, supportano il Titolare del trattamento nella fornitura dei servizi sopra indicati (l’elenco aggiornato di tali soggetti è richiedibile per e-mail all’indirizzo info@businessinternational.it L’indirizzo e-mail fornito per l’iscrizione alla newsletter potrà essere utilizzato dal Titolare per l’invio oltre che della medesima newsletter anche di comunicazioni relative a manifestazioni e servizi analoghi. L’interessato può opporsi, in ogni momento (subito o anche successivamente), all’invio di tali comunicazioni, inoltrando dalla Sua casella di posta elettronica un messaggio di opposizione alla casella privacy@businessinternational.it Previo consenso dell’interessato (da rilasciare tramite le apposite caselle da selezionare), l’indirizzo e-mail e gli altri dati personali od informazioni ove riferite a società, enti od associazioni possono essere inoltre trattati dal Titolare per finalità di: a) invio anche tramite sistemi automatizzati di chiamata, fax, e-mail, sms, mms, di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali sulle manifestazioni fieristiche di suo interesse e sui servizi e prodotti del medesimo Titolare, di altre società del Gruppo Fiera Milano e di terzi (organizzatori, espositori, operatori coinvolti nelle manifestazioni fieristiche od operanti anche in altri settori); b) comunicazione dei dati personali o delle informazioni ad altre società del Gruppo Fiera Milano, Fiera Milano Nolostand, Fiera Milano Congressi, Fiera Milano Media ed altri soggetti (organizzatori, espositori, operatori economici coinvolti nelle manifestazioni fieristiche od operanti anche in altri ambiti settoriali (Commercio, Consulenza, Manufatturiero, Infrastrutture, Marketing e Servizi di Pubblicità, Tecnologie delle Informazioni, delle Comunicazioni, Utilities, Multinazionali, etc.) per loro autonomi trattamenti a fini di invio di materiale pubblicitario, vendita diretta, compimento di ricerche di mercato o comunicazioni commerciali di loro prodotti e servizi attraverso le modalità automatizzate sopra indicate. Per le ulteriori finalità appena indicate, il rilascio dei dati è comunque facoltativo e non ha conseguenze sulla iscrizione alla newsletter tematica, ed i dati saranno comunque gestiti mediante procedure informatizzate a livello di Gruppo (con elaborazione dei dati secondo criteri relativi, ad esempio, ad attività imprenditoriale, lavorativa, professionale o di altro tipo, aree geografiche, tipologia manifestazioni/servizi fruiti, ecc.) e potranno essere conosciuti, all’interno delle strutture delle società del Gruppo Fiera Milano, da personale a ciò autorizzato e da società di fiducia che, quali responsabili del trattamento, svolgono per nostro conto alcune operazioni tecniche ed organizzative strettamente necessarie per lo svolgimento delle suddette attività (quali, ad es., società specializzate per attività di informazione e promozione commerciale, per ricerche di mercato e per indagini sulla qualità dei servizi e sulla soddisfazione: v. l’elenco aggiornato disponibile presso la ns. Società). In ogni momento l’interessato potrà accedere ai propri dati personali ed eventualmente chiederne la rettifica o integrazione se inesatti od incompleti, la cancellazione dei dati, la limitazione del trattamento o la portabilità dei dati ove ne ricorrano i presupposti, ovvero opporsi al loro uso per fini di marketing diretto, nonché revocare il consenso ove rilasciato (v. artt. 15-22 del RGPD), rivolgendosi Fiera Milano Media Spa – Business International con sede operativa in Via Rubicone 11 - 00198 Roma – privacy@businessinternational.it L’interessato può altresì presentare reclamo al Garante privacy, ove ritenga che siano stati violati i Suoi diritti in relazione al trattamento dei dati personali che lo riguardano.

CALL ME BACK

Inserisci i tuoi dati se vuoi essere contattato telefonicamente
Ho letto l'informativa sulla privacy e acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell'art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679 – Regolamento Generale Protezione Dati (RGPD)
Accettare l'informativa sulla privacy

INFORMATIVA PER IL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI DEGLI UTENTI


Nel rispetto del Regolamento (UE) 679/2016 – Regolamento Generale Protezione Dati (RGPD), i dati personali forniti dall’Utente saranno trattati, in qualità di titolare, da Fiera Milano Media S.p.A. (“Fiera Milano”), con sede legale in P.le Carlo Magno, 1, c.a.p. 20149 Milano. In particolare, il conferimento dei dati richiesti all’Utente è necessario al fine di permettere la registrazione on line e fruizione dei servizi di Fiera Milano Media (newsletter, iscrizioni corsi, accesso documentazione etc.)
Il rilascio dei dati è necessario per l’attivazione ed erogazione dei servizi richiesti che, in assenza dei dati, non potrebbero essere fruiti dall’Utente.
Il trattamento dei dati avverrà con l’ausilio di strumenti automatizzati e l’impiego di idonee misure di sicurezza e i dati degli Utenti saranno convervati ex legge privacy.
privacy policy

I dati comunicati dall’Utente potranno essere trattati dal personale autorizzato che si occupa del sito e dei connessi servizi, e comunicati ove necessario, a: soggetti cui la facoltà di accedere ai dati sia riconosciuta da disposizioni di legge o da ordini delle autorità; società appartenenti al medesimo gruppo societario di cui fa parte Fiera Milano Media S.p.A. e soggetti esterni che svolgano funzioni connesse e strumentali all’operatività del servizio, come, a puro titolo esemplificativo, la gestione del sistema informatico, l’assistenza e consulenza in materia contabile, amministrativa, legale, tributaria e finanziaria.
Fiera Milano Media S.p.A. potrà inoltre, se autorizzata, comunicare i dati ad aziende che ne facciano richiesta per scopi pubblicitari e di marketing.
Un elenco dettagliato dei predetti soggetti è disponibile presso Fiera Milano Media S.p.A. I soggetti destinatari dei dati che li trattano per conto di Fiera Milano sono designati quali responsabili del trattamento con apposito contratto. I dati non sono comunque oggetto di trasferimenti verso paesi terzi al di fuori della UE. I dati dell’Utente potranno essere inoltre trattati da Fiera Milano Media, previo suo consenso, per le seguenti, ulteriori finalità:
  • a) invio di newsletter ed altre comunicazioni per posta, telefono, sistemi automatizzati di chiamata, fax, e-mail, sms, mms, su servizi e prodotti di Fiera Milano Media, delle società del Gruppo Fiera Milano e di società terze;
  • b) comunicazione dei dati alle società del Gruppo Fiera Milano, nonché ad altre società, quali (Commercio, Consulenza, Manufatturiero, Infrastrutture, Marketing e Servizi di Pubblicità, Tecnologie delle Informazioni, delle Comunicazioni, Utilities, Multinazional, etc) per loro autonomi trattamenti, quali titolari, per le finalità e con le modalità di cui alla precedente lett. a).
Per le finalità sopra descritte, il conferimento dei dati è comunque facoltativo e non ha conseguenze sulla registrazione e fruizione dei servizi da parte dell’Utente, che ha comunque il diritto a revocare il/i consenso/i dallo stesso precedentemente rilasciato/i (senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca). In base agli artt. 15-22 del RGPD, l’Utente ha il diritto di chiedere a Fiera Milano Media S.p.A., ai recapiti sopra indicati info@businessinternational.it di accedere ai propri dati personali e di rettificarli se inesatti, di cancellarli o limitarne il trattamento se ne ricorrono i presupposti, di ottenere la portabilità dei dati forniti solo se oggetto di un trattamento automatizzato basato sul consenso o sul contratto, nonché di opporsi per motivi legati alla propria situazione particolare e comunque per marketing diretto. L’Utente ha inoltre il diritto di proporre reclamo al Garante per la protezione dei dati personali ove ritenga che siano stati violati i Suoi diritti in relazione al trattamento dei dati che lo riguardano.