Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

L’AUMENTO DELLA DOMANDA INTERNA E LA CRESCITA DELL'EXPORT GUIDANO LA CRESCITA DEL SETTORE MANIFATTURIERO ITALIANO

di Matteo Catelnuovo | 16/01/2024

I produttori italiani mostrano un approccio ibrido all'innovazione, che combina la creazione di nuovi prodotti e servizi con strategie di riduzione dei costi: il 68% degli intervistati in Italia adotta entrambe le strategie per innovare, sottolineando l'adattabilità e l'agilità del settore nell'affrontare sfide complesse.

 

Sono questi alcuni dei dati del nuovo report di Protolabs che abbiamo voluto analizzare meglio, anche in vista della prossima edizione del Business Leaders Summit - l'evento organizzato da Business International, la knowledge unit di Fiera Milano, e previsto l'11 e il 12 giugno all'Allianz MiCo di Milano -, al fine di capire come l'industria tricolore si stia muovendo per rispondere a quell'esigenza di transizione digitale e sostenibile che ormai tutti i mercati globali richiedono.
 

L'ANALISI

Secondo i dati dell'analisi, quasi la metà (49%) degli intervistati individua nella stretta collaborazione con i clienti il proprio punto di forza principale, la risposta più alta tra i paesi europei intervistati. Questa collaborazione si riflette anche nella convinzione che una visione e obiettivi condivisi (48%) siano parte integrante di un'innovazione di successo, in netto contrasto con Francia (27%), Germania (28%) e Svezia (27%). Un chiaro segno questo di come la filiera e il rapporto tra azienda e fornitore, risulti essere un'arma vincente per guardare al futuro. Un fattore che sottolinea anche come la condivisione di valori sostenibili, per esempio, stia sempre di più influenzando le logiche e le dinamiche delle supply chain del nostro Paese in un'ottica propositiva.

A differenza di molte altre aziende europee, i produttori italiani non considerano la carenza di competenze come il principale ostacolo all'innovazione: solo il 34% la cita come ostacolo principale, contro il 44% e il 43% rispettivamente di Germania e Francia. Il 42% degli interpellati nella nostra penisola, però, considera invece i vincoli di budget e di risorse come la principale preoccupazione. In contrasto con la prospettiva britannica di istituire una settimana lavorativa di quattro giorni in loco, l'Italia si allinea alla Germania (62%) con il 60% degli intervistati che ritiene che una settimana lavorativa di cinque giorni sia ottimale per la generazione di idee e la risoluzione dei problemi; nonostante il 60% degli intervistati pensi che un maggior grado di flessibilità lavorativa sia positivo per la capacità di innovazione della propria azienda. Se da una parte, quindi, la riduzione dell'orario lavorativo, intesa come proposta moderna, non trova grande accordo, la flessibilità continua a guidare le esigenze lavorative tricolori.

CREATIVITA' UMANA E ADOZIONE DELLA TECNOLOGIA 

Il settore manifatturiero italiano dà molta importanza alla creatività umana, con il 57% che vede la necessità di creatività come un elemento che talvolta viene messo in ombra dall'entusiasmo per le nuove tecnologie come per esempio l'IA - la risposta più alta tra i paesi europei intervistati. L'apprezzamento per le capacità umane si riflette ulteriormente nell'adozione limitata dei cobot, con il 40% degli intervistati che non lavora con i cobot e il 48% che ritiene che i cobot abbiano una velocità di lavoro inferiore a quella umana. Risposte, queste, che se da un lato sembrano alimentare l'importanza e il valore dell'essere umano, riposizionandolo al centro delle attività, al netto degli entusiasmi hi-tech, dall'altra parte, probabilmente sottolineano anche un approccio ancora poco consapevole nei confronti delle reali opportunità proposte dall'innovazione alle imprese. Un gap, questo, sostenuto anche probabilmente dalla maturità digitale del nostro Paese che ha bisogno ancora di compiere alcuni passi in avanti.

Il report prosegue analizzando gli impatti della pandemia sull'industria manifatturiera. Più della metà (52%) degli intervistati ritiene che la pandemia abbia sostenuto l'innovazione e stimolato il cambiamento. Un dato particolarmente interessante in questo senso emerge per quanto riguarda la supply-chain: 55% dei produttori italiani dà la priorità al friend-shoring per la ristrutturazione della catena di approvvigionamento.

“I trend di innovazione del settore manifatturiero italiano emersi dalla nostra indagine - ha commentato Matteo Carola, Country Manager per l’Italia di Protolabs - dimostrano la capacità di combinare tradizione e modernizzazione. Sebbene i vincoli di budget e la cautela nello sperimentare possano rappresentare un ostacolo, l'enfasi posta dall'Italia sulla creatività umana e sulla flessibilità del lavoro rappresentano dei punti di forza unici di buon auspicio per la continua presenza dell'Italia nel panorama manifatturiero mondiale”. Un punto questo su cui, proprio anche in questi giorni, si sta dibattendo molto, soprattutto a causa dell'attuale situazione finaziaria che vede nuovamente coinvolta l'ex Ilva di Taranto e che pone l'Italia in una situazione estremamente difficile, anche in considerazione del fatto che perdere il posizionamento sulla produzione di acciaio in Europa si ripercuoterebbe in maniera decisamente negativa su tutto il comparto manifatturiero del nostro Paese. Un primato siderurgico a cui l'Italia, e il governo italiano in modo particolare, al momento decisamente non possono rinunciare, tanto più dopo la recente decisione del CdA di TIM di vendere per 20 miliardi di dollari a KKR la propria infrastruttura di rete telefonica fissa gestita da Netco.