Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Finance & Administration

Last News

Finance & Administration

LA CSRD: ABBATTERE I MURI TRA ESG E FINANZA

Nota dell'editore: la CSRD è stata approvata dal Parlamento europeo: le informazioni più recenti su ciò che questo significhi per le società sono disponibili in questo blog.

 

Ci sono molto cose a cui riflettere sulla proposta della Commissione europea per una direttiva sulla Rendicontazione della Sostenibilità Aziendale (CSRD), condivise per la prima volta il 21 aprile 2021. Di seguito esplorerò alcuni dei principali punti di discussione, ma prima comincerò con un cambiamento che ad alcuni potrebbe sembrare banale. Il nome della direttiva.

 

La CSRD migliora e rafforza le misure già in vigore a seguito della Direttiva sulla Rendicontazione non Finanziaria (NFRD) ed è, in parte, il risultato di una serie di consultazioni iniziate nel 2018. È chiaro che in quel periodo sono stati ricevuti e presi in considerazione molti feedback. Ma questo feedback è stato unificato da molti temi emergenti, tra cui il fatto che "molte parti interessate ritengono che il termine "non finanziario" sia impreciso, in particolare perché implica che le informazioni in questione non abbiano alcuna rilevanza finanziaria".

 

Tutti i dati ESG sono davvero "non finanziari"?

Molte organizzazioni sostengono da tempo che alcuni temi ESG hanno un chiaro impatto finanziario. È il caso di BlackRock, che nelle sue famose lettere annuali agli amministratori delegati fa spesso riferimento all'effetto finanziario delle questioni ESG. A Bloomberg, Michael Bloomberg presiede la Task Force on Climate-Related Financial Disclosures. E il merito finanziario delle iniziative ESG è stato oggetto di molti interventi nel corso degli anni presso la Fondazione IFRS. È significativo che la Fondazione IFRS abbia recentemente istituito un gruppo di lavoro per avviare la proposta di SSB, precisando che "il gruppo di lavoro sarà presieduto dalla Fondazione IFRS e includerà la partecipazione dello IASB, data la necessità di connettersi con l'informativa finanziaria".

 

Di conseguenza, la valutazione d'impatto della Commissione europea ha concluso che "molte organizzazioni, iniziative e operatori del settore fanno riferimento alle informazioni sulla 'sostenibilità'. È quindi preferibile utilizzare il termine "informazioni sulla sostenibilità" al posto di "informazioni non finanziarie". La direttiva 2013/34/UE dovrebbe quindi essere modificata per tenere conto di questo cambiamento terminologico". Il risultato? La CSRD.

 

Non è solo il nome a cambiare - i requisiti ESG si stanno evolvendo

L'aggiornamento della terminologia e del nome è stato fatto per portare allineamento e connettività tra le informazioni sulla sostenibilità e quelle finanziarie nella forma legale da tempo attesa. Ma non è l'unico cambiamento proposto. I punti salienti includono:

 

Posizione

La rendicontazione di sostenibilità è ora proposta come obbligatoria nei resoconti di gestione come parte della relazione finanziaria annuale. È stata eliminata la possibilità per gli Stati membri di esentare le aziende dall'includere la sostenibilità nei loro resoconti di gestione.

 

Digitalizzazione

L'ESEF ha introdotto il concetto di tagging digitale (utilizzando lo standard Inline XBRL®) per il reporting finanziario. Questa proposta include il requisito che le società quotate in borsa divulghino le informazioni sulla sostenibilità "in un formato digitale e leggibile a macchina" e indica l'ESEF come tale formato.

 

Audit

Una delle principali proposte introdotte (rispetto all'attuale NFRD) è quella di "richiedere a tutte le società che rientrano nell'ambito di applicazione di richiedere una garanzia limitata (limited assurance) per le informazioni sulla sostenibilità riportate, includendo l'opzione di passare a un requisito di garanzia ragionevole (reasonable assurance) in una fase successiva". Questo passaggio iniziale a una garanzia limitata porterà una maggiore affidabilità alle informazioni sulla sostenibilità allinenadosi a quella attualmente associata alle informazioni finanziarie. Vale anche la pena di evidenziare che la proposta lascia aperta l'opzione di passare alla garanzia completa (full assurance) e alla revisione contabile (audit).

 

Responsabilità

Si propone che la responsabilità di garantire che i commenti della direzione aziendale (management commentary) (nell'AFR) contenga informazioni conformi agli standard spetti alle "persone responsabili dell'informativa finanziaria". In questo modo, l’approccio per l’approvazione è in linea con quella dei bilanci.

 

Qual è l'impatto di queste proposte sulle aziende?

La Commissione Europea è tenuta a eseguire una valutazione d'impatto. Essa tiene a sottolineare che, sebbene ci sia inevitabilmente un costo per le aziende, "lo scopo è quello di raggiungere il miglior risultato in termini di obiettivi e costi associati".

 

Questo approccio "best value" si riflette nell'aspettativa che alcuni aggiornamenti, in particolare la creazione degli standard (che chiariscono le disclosures e i frameworks richiesti) e la possibilità di ridurre il numero di richieste di informazioni ad hoc da parte degli investitori, alleggeriscano in parte l'onere dei costi. Tuttavia, vale la pena ricordare che, anche in assenza di modifiche alla NFRD, questi oneri da parte degli investitori sono indubbiamente in aumento e continueranno ad aumentare con l'entrata in vigore del Regolamento sulla Divulgazione della Finanza Sostenibile (SFDR) e della Tassonomia Europea. Per soddisfare questa domanda, le imprese devono affrontare una pressione significativa per migliorare la qualità delle informazioni ESG che condividono con gli investitori e il mercato.

 

L'imperativo di allineare i processi ESG con quelli finanziari offre alle aziende l'opportunità di sfruttare il loro patrimonio di esperienza in ambito finanziario. Le tattiche utilizzate per creare connessioni più strette tra i team e i processi aiuteranno a portare avanti i dati e i controlli ESG. Le questioni di sostenibilità hanno una rilevanza finanziaria e, con una supervisione condivisa e una relazione finale, ha senso abbattere i muri tra finanza e sostenibilità. Il che è positivo, perché è esattamente ciò che la CSRD propone di fare.

...continua
Finance & Administration

IL CRESCENTE VALORE AGGIUNTO DEL DATA MATCHING PER IL FUTURO DEL CORPORATE FINANCE

Secondo una recente ricerca pubblicata da IMARC Group, la domanda di software per l’Account Reconciliation Management a livello globale ha raggiunto i 2,45 miliardi di dollari nel 2021. Gli analisti inoltre prevedono che il mercato si sviluppi con un tasso composito di crescita annuale pari al 14.80%, arrivando a superare i 5,8 miliardi di dollari entro il 2027.

 

Dati estremamente interessanti che dimostrano come l’innovazione tecnologica e la digital transformation innescatasi negli ultimi due anni in modo particolare a causa dell’avvento del Covid-19 stiano rivoluzionando completamente anche il modo in cui le imprese gestiscono operativamente i propri processi finanziari. Un tema che abbiamo voluto approfondire meglio insieme ad Piero Pogliani, BU Intelligent Data Matching Leader di Piteco.

Scopriamo il punto di vista del manager in questo nuovo episodio di One Question.

 

...continua
Finance & Administration

QUANDO LA DIGITAL TRANSFORMATION INCONTRA LA GESTIONE DELLA TESORERIA AZIENDALE

Secondo una recente ricerca pubblicata da Figures and Factors, la domanda di servizi e piattaforme informatizzate per la gestione della tesoreria aziendale a livello globale ha raggiunto i 46.20 milioni di dollari nel 2021.

 

Gli analisti inoltre prevedono che il mercato si sviluppi con un tasso composito di crescita annuale pari al 4.70%, arrivando a superare i 60.86 milioni di dollari entro il 2028.

 

Dati estremamente interessanti che dimostrano come l’innovazione tecnologica e la digital transformation innescatasi negli ultimi due anni in modo particolare a causa dell’avvento del Covid-19 stiano rivoluzionando completamente anche il modo in cui le imprese gestiscono operativamente i propri processi finanziari. Un tema che abbiamo voluto approfondire meglio insieme ad Andrea Guillermaz, Partner, Sales & Marketing Director di Piteco.

 

Scopriamo il punto di vista del manager in questo nuovo episodio di #OneQuestion.

...continua
Finance & Administration

LA GESTIONE DELLA TESORERIA, UN MERCATO IN EVOLUZIONE

Secondo una recente ricerca pubblicata da Insight Partners, il mercato del Treasury and Risk Management a livello globale – comprensiva di tutti i servizi e le soluzioni informatiche e non per il mondo della gestione finanziaria aziendale – ha raggiunto i 4,73 miliardi di dollari nel 2021. Gli analisti inoltre prevedono che il mercato si sviluppi con un tasso composito di crescita annuale pari al 6.1%, arrivando a superare i 7,15 miliardi di dollari entro il 2028. Dati estremamente interessanti che dimostrano come l’innovazione tecnologica e la digital transformation, innescatasi negli ultimi due anni, in modo particolare a causa dell’avvento del Covid-19, stiano rivoluzionando completamente anche il modo in cui le imprese gestiscono operativamente i propri processi finanziari.

Un tema che abbiamo voluto approfondire meglio insieme a Paolo Virenti, CEO di Piteco, che ci ha spiegato come sta cambiando il mercato e quali sono le sue prospettive future.

Scopriamo insieme il punto di vista del manager in questo nuovo episodio di #OneQuestion.



 


...continua
Finance & Administration

MILAN FINTECH SUMMIT: IN DUE ANNI MILANO HA ATTRATTO L’INTERESSE DI 73 NUOVE REALTÀ FINTECH INTERNAZIONALI TRA CUI 13 UNICORNI

Aiutare l’ecosistema fintech italiano a crescere, attrarre interesse e investimenti anche da parte di player internazionali e accendere i riflettori sul ruolo centrale di Milano quale capitale dell’innovazione a livello europeo. Sono questi gli obiettivi del Milan Fintech Summit, l’evento internazionale promosso e organizzato da Fintech District, Business International - Fiera Milano, insieme a FTS Group e con il supporto del Comune di Milano tramite Milano&Partners.

LA VIA DEL FINTECH

A pochi giorni dall’avvio della terza edizione – la prima totalmente in presenza – che si terrà presso l’Hotel Melià di Milano il 5, 6, 7 ottobre 2022, i dati mostrano come il Summit e le iniziative a esso collegate stiano portando risultati concreti nello sviluppo di una roadmap in grado di attrarre investimenti nel nostro Paese anche dall’estero: FDI Unit – Foreign & Direct Investments Unit di Milano&Partners mostra che negli ultimi due anni 152 Fintech internazionali hanno manifestato concreto interesse verso la città. Dal 2018 al 2021 le aziende Fintech in Italia sono cresciute anno su anno del 28%, passando da 299 a 564 con la città meneghina che guida questa crescita e attrae sempre più investimenti, ospitandone oltre il 45%. La FDI Unit di Milano&Partners in collaborazione con il Fintech District si è resa protagonista di questa crescita, attraverso l’implementazione di un Soft Landing Program - iniziativa a supporto di fintech estere non ancora operative in Italia che vengono accompagnate alla scoperta del mercato locale attraverso la creazione di relazioni e piani di azione strutturati - che ha visto coinvolti 73 nuovi player internazionali, di cui 13 unicorni. Di questi, 11 sono già diventati operativi in Italia e 5 lo saranno a breve. I finanziamenti alle startup Fintech italiane sono cresciuti di oltre il 60% dal 2018 al 2021 e nel 2021 le startup Fintech italiane hanno ricevuto 410 milioni di euro, stabilendo un nuovo record per il paese.

AL VIA LA TERZA EDIZIONE DEL MILAN FINTECH SUMMIT

Sono oltre 90 i relatori confermati per questa nuova edizione, tra questi i CEO di unicorni internazionali, i founder delle eccellenze Fintech nostrane, player finanziari tradizionali e rappresentanti delle Istituzioni. Esperti ed economisti nazionali e internazionali si confronteranno sui trend che stanno ri-disegnando i confini del settore finanziario, sulle prospettive future e sui next step necessari perché l’ecosistema fintech possa continuare a crescere ed esprimere a pieno il suo potenziale.

Clelia Tosi, Head of Fintech District, commenta: “L’ecosistema italiano è maturo e pronto per esprimere le sue potenzialità: le fintech sono oltre 400 con un numero sempre maggiore di scale up e la maggior parte di quelle che appartengono alla nostra community hanno un modello di business b2b o b2b2c, sono quindi aperte e cercano la collaborazione con gli incumbent. Segnali positivi arrivano anche sul fronte degli investimenti, dal momento che più del 50% degli stessi arrivano da fondi di venture capital internazionali. L’Italia rimane tuttavia ancora fanalino di coda rispetto agli altri paesi europei: per stare al passo con i competitor internazionali, è necessario migliorare nel fare sistema e agevolare il dialogo tra tutti gli stakeholder. Il Milan Fintech Summit punta proprio a questo”.

Creare una cultura dell’innovazione finanziaria non è solo una grande opportunità per l’Italia, ma è soprattutto una necessità a cui non possiamo sottrarci, in questo frangente storico. Formare nuove generazioni di talenti all’interno di un profilo generale tecnologico e circolare, infatti, è l’unico modo per trovare soluzioni concrete e flessibili alle ondulazioni continue della realtà quotidiana. In questo contesto, grazie ad eventi come questo, la città di Milano può trasformarsi in una vera e propria porta verso il presente avanzato, generazionalmente allineata alle aree del mondo che stanno disegnando col pensiero i nuovi modelli della produzione, immateriale e non” aggiunge Carlo Antonelli, Direttore di Business International – Fiera Milano.

Sotto la regia del conference chair Alessandro Hatami, si alterneranno sul palco gli unicorni stranieri operativi in Italia nelle persone di Erik Podzuweit Founder e Co-CEO di Scalable Capital, Alexandre Prot Co-Founder e CEO di Qonto, Lukas Enzersdorfer-Konrad Deputy CEO di Bitpanda. Riccardo Trubiani, Chief of Staff di ScalaPay - primo unicorno fintech italiano - sarà protagonista del networking cocktail – su inviti - del primo giorno. Sul palco anche il keynote speaker Sopnendu Mohanty, Chief Fintech Officer della Monetary Authority of Singapore, Matthias Kroener, Carlo Gualandri CEO di Soldo, Giuseppe Vegas Chairman di Arisk ed ex presidente di Consob, Paolo Zaccardi Co-founder e CEO di Fabrick, Clément Mauguet Co-Founder di Agicap, Sergio Zocchi CEO di October Italia e Presidente di Italia Fintech. Dagli Stati Uniti interverranno, invece, Omobola Johnson, ex Ministro delle tecnologie e della comunicazione in Nigeria e Senior Partner di TLcom Capital, e Brett King, autore di best seller e Host di Breaking Banks.

3 le importanti novità di quest’anno: la sessione “V for VC (or CVC)” in cui aziende selezionate faranno pitch con investitori italiani e internazionali in un contesto a loro riservato, la sessione “Everything You Always Wanted to Know from Authorities (But Were Afraid to Ask)” in cui rappresentanti di Consob e Milano Hub – Banca D’Italia risponderanno alle domande arrivate dal grande pubblico, e l’area espositiva fisica in cui le aziende partner presenteranno le proprie soluzioni e saranno a disposizione per incontri e dimostrazioni.
...continua
Finance & Administration

CYBERSECURITY: IN SEI MESI REGISTRATI PIÙ FENOMENI DI CYBERCRIME CHE NELL’INTERO 2021

Nuovo report dell’Osservatorio Cybersecurity di Exprivia sulle minacce informatiche che, nel primo semestre del 2022, registra in Italia un boom di fenomeni superiore all’intero anno 2021: 1.572 tra attacchi, incidenti e violazioni della privacy in soli sei mesi, a fronte dei 1.356 casi complessivi dello scorso anno. Un dato allarmante che sottolinea l'evoluzione di una criticità che negli ultimi due anni ha fatto un salto quantico sia in termini di volumi, sia in termini di efficaci degli attacchi. Un tema che risulta quindi essere sempre più centrale nelle questioni di business, soprattutto sotto un profilo di analisi, gestione e anticipazione del rischio, e che abbiamo voluto approfondire attraverso l'analisi di questo report, proprio anche in vista della prossima edizione dello Strategic Risk & Cyber Security Summit, l'evento che si terrà il 30 novembre e 1 dicembre a Roma presso gli spazi di Palazzo Rospigliosi nel corso del Business Leaders Summit, la grande manifestazione organizzata da Business International - Fiera MIlano e dedicata ai C-Level del futuro che, nella sua realizzazione autunnale, quest'anno, raddoppia e si estende su due settimane dal 21 novembre all'1 dicembre 2022.

LA RICERCA

Nonostante la curva di crescita dell’intero semestre, il rapporto stilato dal gruppo ICT pugliese - che prende in considerazioni 113 fonti aperte (siti di aziende colpite, siti pubblici di interesse nazionale, agenzie di stampa online, blog e social media) - segna tra aprile e giugno un lieve calo del 5% circa dei casi (766) rispetto al primo trimestre dell’anno (quando erano stati 806), ma con un considerevole picco nel mese di maggio. Tra aprile e giugno sono stati riscontrati 381 attacchi, 359 incidenti di sicurezza - ovvero attacchi andati a buon fine - e 26 violazioni della privacy, cresciute del 37% rispetto al trimestre precedente, con Pubblica Amministrazione, Banche e Finanza ed Healthcare tra i settori più colpiti dalle sanzioni emesse dal Garante per la protezione dei dati personali.
Se la leggera diminuzione delle minacce nel secondo trimestre dell’anno da un lato fa presumere una maggiore sicurezza informatica nei servizi digitali che si sono evoluti in questi anni, dall’altro complessivamente il fenomeno del cybercrime continua a mantenere un trend di crescita molto alto” - commenta Domenico Raguseo, direttore Cybersecurity di Exprivia. “Per la prima volta, inoltre, l’Osservatorio ha elaborato degli indici di calcolo che misurano l’impatto dei dispositivi IoT sulla sicurezza dell’intero ecosistema digitale, verificando se i risultati degli investimenti in cybersecurity bilanciano quelli per lo sviluppo del digitale stesso. Al momento l’analisi da cui partiamo fotografa un’Italia a due velocità, con dispositivi connessi molto più a rischio al Sud rispetto al Nord”.

L'IMPATTO IOT

I nuovi indici di calcolo elaborati da Exprivia evidenziano nel Mezzogiorno una carenza di consapevolezza sui danni che può provocare una inefficace gestione della cybersecurity anche negli ecosistemi individuali, che risultano quelli più a rischio (come telecamere di video sorveglianza, stampanti, fino agli stessi programmi antivirus). Al Nord, invece, dove si registra la maggiore diffusione dei dispositivi IoT, dovuta anche alla concentrazione delle industrie, i dispositivi sono più protetti ma i servizi digitali a disposizione dei cittadini sono più esposti a vulnerabilità e presi maggiormente d’assalto dagli hacker.

I SOCIAL DIVENTANO MENO INTERESSANTI PER IL CYBERCRIME

Tra aprile e giugno è salito vertiginosamente il numero degli attacchi DDoS, che interrompono i servizi erogati da istituzioni, aziende, pubblici esercizi, e dei malware, ossia vettori di attacco volti a sottrarre informazioni sensibili; malware che mantengono ancora il primato nella classifica delle tecniche più utilizzate dai criminali informatici in questo secondo trimestre del 2022 (316 casi). Scende per la prima volta, al secondo posto, il phishing/social engineering (-22%), modalità di adescamento tramite e-mail ingannevoli o social network, con 303 fenomeni rispetto ai 389 del trimestre precedente.

Il cybercrime si conferma, anche nel secondo trimestre dell’anno, la motivazione che ha spinto maggiormente gli attaccanti informatici a colpire sul territorio italiano. Al secondo posto il cyber warfare (guerra cibernetica) con 118 fenomeni, quintuplicati rispetto allo scorso trimestre (22) a causa del protrarsi del conflitto Russia-Ucraina, con conseguente incremento di attacchi a infrastrutture critiche. Al terzo posto si assesta il data breach, ossia il furto dei dati (27).

I SETTORI PIU' COLPITI DAL CYBERCRIME

Nella classifica dei settori più colpiti, il Finance si conferma quello privilegiato dai cyber-attaccanti, con un aumento del 14% (326 casi) rispetto ai primi tre mesi del 2022, rappresentando il 43% del totale degli attacchi, pari a 763. A notevole distanza, segue il settore Software/Hardware, in particolare società ICT, di servizi digitali, piattaforme di e-commerce, dispositivi e sistemi operativi, che principalmente subiscono il furto di dati, come credenziali di accesso o informazioni sensibili, con un +40% dei casi (130) rispetto al trimestre precedente, e il 17% degli attacchi totali. Sale al terzo posto il settore Industria, con 68 casi, mentre la Pubblica Amministrazione con 47 fenomeni segna un decremento del 57%, presumibilmente anche grazie a campagne di informazione in ambito cybersecurity da parte degli enti governativi che sembrano aver sensibilizzato a una migliore organizzazione nell’attuazione delle misure e dei controlli di sicurezza opportuni.
...continua
1 | 2 | 3 | 4 | 5 ... 19


Video

Il CFO del futuro

Una figura di supporto alla strategia sostenibile dell'impresa

Muro (ServiceNow Italia)

Digitalizzazione significa portare efficienza nei processi

Cannizzo

La vera sfida dei CFO del futuro sarà l’armonizzazione dei dati
1