Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Marketing & Innovation

Last News

Marketing & Innovation

Polliotto: la narrazione "a fuoco lento" è il segreto del digital food marketing

C’è una tradizione culturale profondamente iconica del nostro Paese che giorno dopo giorno evolve e si trasforma per integrarsi completamente in un ambiente liquido e innovativo. Si tratta di quella cucina italiana che il mondo ci invidia e che sempre di più si sta fondendo con l’online per dare vita a quel Digital Food Marketing che rappresenta il vero punto di arrivo della creatività dell’impresa tricolore. Ultimo esempio lampante di questo matrimonio 4.0 è la scelta che Uber Eats ha annunciato proprio in questi giorni nel presentare la nuova partnership sviluppata con il Mercato di Testaccio a Roma. Una location commerciale storica per la capitale della penisola che ora avrà la possibilità di essere scelta dall’app di una delle piattaforme di delivery più famose del mondo per permettere agli utenti di ricevere a casa i migliori prodotti della tradizione romanesca con un solo tap. Una rivoluzione del mercato rionale che è simbolo dell’immensa potenzialità innovatrice proposta dal digitale al business enogastronomico del Belpaese e che abbiamo voluto comprendere meglio insieme a Nicoletta Polliotto, digital project manager e owner di Muse comunicazione, che ci ha spiegato i segreti di una narrazione strategica improntata alla crescita, in vista anche del suo intervento al corso di formazione, “Digital Food Marketing”, organizzato da Business International (divisione Fiera Milano MediaGruppo Fiera Milano) e previsto mercoledì 10 aprile presso Spazio Cairoli, via San Giovanni sul Muro 5, a Milano.
...continua
Marketing & Innovation

Aranzulla: l’arma segreta della mia impresa digitale? La semplicità

C’è una nuova generazione di leader alle porte dell'industria italiana. Sono migliaia di giovani volenterosi con un’idea in mano e tanta determinazione. Esempi virtuosi e innovativi di un mondo del business, in completa trasformazione nel nostro Paese, che anche quest’anno, per la seconda volta, Forbes Italia ha voluto selezionare all'interno della sua speciale classifica "Top 100 Italia Under 30". Un elenco di eccellenze tricolore raccolte in 20 differenti categorie per valorizzare ogni storia in un modo diverso. Dal mondo digitale a quello della moda e dalla cultura all’ingegneria aerospaziale, infatti, se fare impresa non ha limiti, ogni giovane realtà lotta quotidianamente per emergere e risolvere problemi, riuscendo a soddisfare esigenze e superando ostacoli apparentemente insormontabili. Un piccolo grande esercito di condottieri che solo per questo andrebbe premiato, ma se si aggiunge anche che il 47% di loro, tra l’altro, secondo i dati della versione italiana del magazine più famoso del mondo, fa tutto partendo completamente da zero e in totale autonomia, è facile capire come risulti sempre più importante ormai riconoscerne il coraggio e il talento dimostrati. Come nel caso di Salvatore Aranzulla, 29enne siciliano e pioniere di un informazione digitale che nel Belpaese ha impiegato anni per decollare e che oggi vede il suo portale, Aranzulla.it, essere uno dei 30 siti più visitati in Italia, con un fatturato annuo di circa 3 milioni di euro.
...continua
Marketing & Innovation

Head of Sales: in Italia più di 1 manager su 2 dice "Si" all'uso dei dati, ma pochi li sanno gestire davvero

I dati, oggi, sono considerati la miniera d’oro delle aziende. Ogni tipologia di business, infatti, ha le sue caratteristiche e anche i suoi modelli, ma tutti trattano dati, in fondo. A tal punto che, secondo gli esperti del settore, a livello globale, il volume di dati gestiti dalle imprese ha riscontrato un aumento generale del 622%. Un valore notevole che definisce, in maniera abbastanza netta, la crescente importanza che l’organizzazione consapevole di queste informazioni può comportare per una società, indipendentemente dal settore in cui opera. Se da un lato, però, questi elementi sono sempre più essenziali, dall’altro si nota anche come la loro dispersione nell’universo digitale delle enterprise, così come delle Pmi, risulti un vero e proprio problema anche in termini economici, sia sotto il profilo della security, sia sotto quello del data management e del reperimento delle giuste informazioni che possono fare la differenza nel raggiungimento dei risultati.
Sotto quest’ultimo profilo, in modo particolare, stando ai dati di un instant survey realizzata da Bureau van Dijk Italia nel corso di Head of Sales, l’evento organizzato oggi a Milano da Business International (divisione di Fiera Milano MediaGruppo Fiera Milano) in collaborazione anche con Edenred Italia, nel nostro Paese il reperimento di informazioni coerenti e puntuali nel mondo del business per chi opera nel comparto commerciale sembra essere ancora un’operazione estremamente complessa. Il 55% dei partecipanti all’iniziativa dedicata ad analizzare le più moderne strategie in ambito sales, infatti, ha ammesso di perdere ancora moltissimo tempo nel ricercare informazioni utili all’individuazione di un target che possa essere idoneo alla propria attività. «L’identificazione del target attraverso l’analisi dei dati, invece – ha commentato Luisa Quarta, Marketing Director di Bureau van Dijk Italiaè sempre più importante, sia internamente, sia esternamente a una società, e diventa fondamentale nel momento in cui i confini del business valicano quelli nazionali e si espandono a livello internazionale». Una tendenza, quest’ultima, che vede coinvolte sempre più realtà anche sul nostro territorio, grazie all’avvento di sistemi innovativi per la vendita online.
...continua
Marketing & Innovation

Head of Sales: dall'Italia alla Cina, il futuro del business internazionale è la negoziazione

Xi Jinping, il presidente della Cina, arriva in Italia per firmare il memorandum che renderà il Belpaese la prima nazione a offrire sostegno al governo asiatico per il progetto della Belt and Road Initiative. Una strategia politica, per aprire nuove vie commerciali per l’industria cinese, che è stata aspramente criticata da più fronti e che di fatto spacca l’Unione Europea su quella Via della Seta che negli ultimi 700 anni, da Marco Polo a Giuseppe Conte, ha prodotto grandi opportunità per le imprese italiane. Nella politica internazionale degli ultimi 12 mesi, però, le relazioni tra la nostra penisola e la Cina rappresentano solo l’ultimo tassello di un periodo vissuto decisamente sotto il segno della negoziazione. Dai difficili rapporti tra Usa e Cina, a quelli tra Francia e Italia, per non parlare della situazione derivata dalla Brexit tra Regno Unito e Unione Europea, infatti, lo scenario sembra estremamente complesso sotto differenti punti di vista. Una panoramica, questa, che evidenzia in modo particolare, purtroppo, una peculiarità dei tempi moderni: i politici non sanno più negoziare. Ognuno, oggi, sembra avere una sua visione e opinione di ogni trattato e le discussioni non vengono più fatte tra due parti distinte, ma si compongono di micro-sfaccettature che rendono improponibile prevedere l’esito di un qualsiasi confronto. Quella della negoziazione, dunque, diventa una prassi doverosa che però va utilizzata nel giusto modo. Essa, infatti, è un’arte complessa e delicata che appartiene al mondo delle vendite e che spesso viene sottovalutata. Un aspetto che il presidente americano, Donald Trump, da vecchio lupo dell’impresa, conosce bene. A tal punto da renderlo l’epicentro della sua strategia di governo, prima con la Corea e poi con la Cina stessa, senza parlare delle trattative interne con le aziende operanti sul suo territorio. Un modus operandi che pare abbia convinto anche il nostro premier, nonostante molti dubitino del pieno controllo delle operazioni in questo caso, portando l’opinione pubblica a domandarsi quali siano effettivamente le buone regole di una valida negoziazione. Una domanda che abbiamo voluto indagare con Simon Horton, autore del libro best-seller "The Leader’s Guide to Negotiation", che il prossimo 26 marzo interverrà a Head of Sales, l’evento organizzato da Business International (divisione Fiera Milano MediaGruppo Fiera Milano).
...continua
Marketing & Innovation

Head of Sales: nell'era digitale il contatto umano è fondamentale

Alla Serpentine Gallery di Londra, una delle più grandi performer del mondo, Marina Abramovic, ha posto una grande domanda al suo pubblico: può il contatto umano incontrare davvero il digital touch? Un’esperienza unica e sconvolgentemente meditativa che apre scenari surreali per l’immortalità dell’artista e che allo stesso tempo offre un ottimo spunto di riflessione anche al visitatore che non può fare altro che chiedersi quanto sia concreto ciò che vive nel corso della performance. In realtà, tutto sembra essere fisico e tangibile, ma allo stesso tempo non lo è. La Magic Leap, startup americana che ha dato vita al progetto, tecnologicamente parlando, ha sfruttato infatti la sua applicazione di realtà aumentata per realizzare l’installazione che si basa su una registrazione di un minuto della Abramovic, renderizzata poi in 10 ore di lavoro, per un risultato tridimensionale a 360 gradi, multisensoriale e totalmente immersivo. Un esperimento sul quale la famosa performer 72enne ha scommesso a suo modo, ponendo come sempre il suo corpo, e quindi la persona, al centro. Un’operazione di comunicazione intuitiva nella quale il contatto digitale è profondamente umano e ha saputo raggiungere probabilmente il miglior esempio di promozione e vendita della augmented reality alle persone comuni. Una testimonianza vivida, questa, del fatto che il tocco umano ancora conta soprattutto quando si vuole proporre qualcosa alle persone. Un argomento che abbiamo voluto approfondire insieme a Luan De Burgh, fondatore della De Burgh Training, che il prossimo 26 marzo interverrà come keynote speaker a Head of Sales, l’evento organizzato a Milano da Business International (divisione di Fiera Milano MediaGruppo Fiera Milano) per discutere dei principali trend e delle più aggiornate tecniche di vendita utilizzate oggi dai Sales manager 4.0.
...continua
Marketing & Innovation

Head of Sales: il 2019 sarà l’anno “rosa” delle vendite, grazie a intelligenza emotiva e psicologia positiva

A pochi giorni dall’International Women’s Day e nel pieno della settimana digitale milanese, facendo qualche ricerca online è stato possibile scoprire come alcune analisi realizzate da differenti enti e player del mondo del business, in realtà, giungano alla stessa conclusione: la professionalità femminile potrebbe trovare il suo giusto riconoscimento nel prossimo futuro all’interno del mondo delle vendite sia online, sia offline, basta che siano etiche e collaborative.
...continua
1 ... 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 ... 33


Video

SMXL Milan 2022 - Fiona Bradley

Founder & Director, FB Comms

AIXA Summit 2022 - Barbara Cominelli

CEO, JLL Italia

SMXL Milan 2022 - Francesco Tassi

CEO, VOIS
1 | 2 | 3 | 4