Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Marketing & Innovation

Last News

Marketing & Innovation

Europa, arriva il regolamento per le telecomunicazioni

Attenzione a roaming e neutralità della Rete. Il commissario dell'Unione europea Kroes ha ingranato la quarta e l'Internet a cui siamo abituati potrebbe cambiare

La data da appuntarsi sul calendario è mercoledì 11 settembre, occasione in cui il commissario europeo all'Agenda digitale Neelie Kroes porterà in Commissione il regolamento per il Mercato unico delle telecomunicazioni. Il testo che sta circolando da qualche giorno ( eccolo sul sito del Corriere delle Comunicazioni) è una seconda bozza, di 66 pagine, di una norma che per entrare definitivamente in vigore avrà bisogno del pollice alto di Parlamento e Consiglio europeo. Si sta parlando quindi della dichiarazione d'intenti che precederà il percorso che porterà all'eventuale approvazione di aprile. E la strada difficilmente sarà in discesa.

Nel contestualizzare l'intervento, Kroes ha fatto riferimento a una "leadership nel settore digitale" che sta sfuggendo di mano al Vecchio Continente da quando la concorrenza è diventata globale, più veloce e serrata. " L'Europa è in ritardo", ha dichiarato senza mezzi termini citando la crisi economica e la sostanziale sparizione del colosso Nokia, sbranato da Microsoft, che non le è ancora andata giù (vedi il tweet velenoso sull'argomento). "Abbiamo bisogno di uno spettro meglio coordinato, accesso standardizzato, Internet aperta, riduzione dei costi di roaming e protezione dei consumatori": così Kroes ha elencato è elencato le priorità.

La questione dei costi degli scambi telefonici fra i paesi dell'Unione è quella che cattura la maggior parte dei riflettori, andando a incidere direttamente sul portafoglio degli utenti. La Kroes vorrebbe razionalizzare il panorama degli operatori, sono più di 100 quelli attivi in 28 stati. L'ipotesi di un azzeramento totale del roaming ha fatto insorgere i grandi del settore tra cui Vodafone, Orange e Telefonica, che hanno fatto riferimento a perdite pari a 7 miliardi di euro. L'intento del commissario è quello di eliminare i costi da uno stato all'altro per le chiamate in entrata nel 2014. Sul piatto anche la possibilità di rivolgersi a un altro operatore mentre ci si trova all'estero se il proprio impone costi eccessivi.

L'altro aspetto sul quale concentrarsi per evitare bruttissime sorprese è quello della neutralità della Rete. Kroes non ha mai fatto mistero di essere convinta che trasparenza e corretta informazione delle differenti offerte sono sufficienti a garantire i diritti degli internauti. A inizio anno ha fatto direttamente riferimento alla vendita di diversi servizi a differenti cartellini da parte degli operatori. Adesso la nascita di due Internet separate si fa - all'interno della bozza - per la prima volta concreta. E l'associazione per la tutela della libertà in della Rete è già sul piede di guerra. Con il nuovo regolamento, l'Unione europea metterebbe gli operatori di telecomunicazioni in condizione di negoziare accordi commerciali con i fornitori di contenuti come Google o Apple per valutare l' erogazione prioritaria del materiale. A tutela del diritto degli utenti il divieto di rallentare o bloccare il traffico, l'introduzione di standard minimi di qualità e la lente di ingrandimento della autorità nazionali.

Durante il dibattito che seguirà la presentazione della bozza bisognerà tenere conto dei diritti degli utilizzatori, ma anche di quelli degli operatori minori e dei nuovi attori del mercato. D'altra parte, la possibilità di mettersi al tavolo con Google, Facebook e company potrebbe e dovrebbe essere occasione per i vari Vodafone e Telefonica di fare cassa andando a bussare alla porta di chi sulle loro reti campa da anni.

Fonte: http://daily.wired.it

...continua
Marketing & Innovation

Ecco come Twitter è diventato cuore pulsante delle news

Dai primi 24 caratteri si è trasformato in strumento per aggiornarsi. Fino alla quotazione in Borsa

Tutto è cominciato con un messaggio di 24 caratteri in un tranquillo martedì sera a San Francisco. Twitter è stato avviato così semplicemente nel 2006, fino alla sua trasformazione nel social network più veloce al centro dei maggior eventi del mondo. Dalla nascita delle rivoluzioni in Medio Oriente fino ai tweet di Justin Bieber, il social network dei 140 caratteri è diventato il principale mezzo di comunicazione per 200 milioni di persone nel mondo.

Il suo cofondatore, Jack Dorsey, non avrebbe mai immaginato di rivoltare come un calzino il mondo dei giornali e lo showbusiness quando ha mandato il suo primo tweet di sempre quel 21 marzo del 2006. «Just setting up my twttr», scrisse in un angolo segreto del cyberspace. Da quel singolo tweet, oggi ne vengono digitati 1 milione ogni 48 ore da un mix di persone fatto di star di Hollywood, leader politici e persone comuni.

Era il 2009 quando divenne popolare. Stephen Fry usò Twitter per raccontare al mondo che era rimasto bloccato in un ascensore - aveva 113mila follower allora, oggi ne ha 6,1 milioni. Seguì una successione di eventi drammatici spiegati in un modo che fece del social network il cuore pulsante delle notizie da tutto il mondo.

In pochi minuti la caduta del volo 1549 nell’Hudson river di New York nel febbraio di quell’anno, venne raccontata con i tweet e le immagini postate sul social network da chi era presente all’evento, denominato “il miracolo dell’Hudson”. Un anno più tardi, a Twitter venne chiesto di ritardare i lavori di manutenzione per permettere ai manifestanti in Iran di usare il servizio.

Il social network è entrato anche nello showbusiness, con Lady Gaga in competizione contro Britney Spears e Ashton Kutcher in una frenetica gara per diventare la persona più popolare su Twitter - una battaglia che ha visto gli utenti di Twitter salire come un razzo da 5 milioni a 71,3 milioni solo nel 2009.

Il ruolo di Twitter nella primavera araba sarà studiato dagli storici nei decenni a venire, ma gli esperti sono certi che il l’influenza crescente di Twitter avrà un ruolo cruciale nelle breaking news e nei messaggi da parte delle star. «È diventato incredibilmente integrato nella nostra cultura in un modo in cui solo poche società di Internet lo sono», ha detto Nick Thomas, analista di digital media di Informa Telecoms & Media.

Fonte: http://www.linkiesta.it

...continua
Marketing & Innovation

Vimeo si lancia nella produzione di cinema indipendente

10mila dollari per dare in eslcusiva il proprio film alla piattaforma per un mese. Bruscolini, ma che possono aiutare nella promozione

La piattaforma video Vimeo ha lanciato un proprio progetto di finanziamento del cinema indipendente al Toronto Film Festival. Kerry Trainor (Ceo di Vimeo) ha spiegato come funziona: ai registi (selezionatissimi) che decideranno di dare a Vimeo On Demand un'esclusiva per 30 giorni sul loro prodotto verranno dati 10mila dollari. L'idea non è tanto quella di finanziare la produzione (10mila dollari sono bruscolini) ma quella di rivolgersi a chi un film lo ha già girato e lo sta presentando nel circuito dei festival. I soldi dell'esclusiva Vimeo On Demand possono essere utili, per esempio, per fare un po' di promozione extra. Al regista si garantisce il 90% dei ricavi e, se restituirà prima di 30 giorni i suoi 10mila dollari, potrà liberarsi dell'esclusiva e vendere il proprio film a Netflix o iTunes. Quella di Kerry è una proposta agile che cerca di far entrare di forza Vimeo tra i grandi giocatori dello streaming on demand.

Fonte: http://daily.wired.it

...continua
Marketing & Innovation

Google+ come Twitter e Facebook: arriva l'embed dei post

Twitter insegna, gli altri si adeguato e copiano. Almeno quando si tratta di feature che promettono di migliorare l’interazione pubblica e attirare nuovi utenti. E’ il caso dell’embed dei post, da tempo disponibile sul social network dei 140 caratteri e introdotto da Facebook poco meno di un mese fa.

Ora è la volta di Google+, l’esperimento sociale di Mountain View, che poche ore fa ha annunciato di aver introdotto la possibilità di incorporare all’interno di siti e blog un post fatto su Google+, proprio come accade già con la concorrenza.

Come funziona?

Incorporare un post è più facile a farsi che a dirsi. A partire da oggi, tutti i post pubblici potranno essere incorporati all’estero di Google+. Tutto quello che dovete fare è scegliere il post e selezionare Incorpora Post dalle opzioni di quel post, copiare il codice generato e incollarlo nel vostro sito o nella vostra pagina web per farlo magicamente apparire. Il post originale, va da sé, dovrà essere visibile a tutti.

Oltre a dare visibilità a quella pagina o a quell’utente al di fuori di Google+, il post incorporato permetterà agli utenti di visitare quella pagina o di seguirla su Google+, condividere il post sulla propria bacheca, dargli un +1 o interagire con gli hashtag eventualmente contenuti, commentare e interagire con gli utenti che hanno commentato quel post.

Il rollout è già iniziato e dovrebbe concludersi nel giro di poche ore. Qui sopra trovate un esempio del risultato del post incorporato, ora non vi resta che sbizzarrirvi e, se siete tra i sostenitori e utilizzatori di Google+, contribuire alla sua diffusione anche in questo modo.

Fonte: www.downloadblog.it

...continua
Marketing & Innovation

Vuoi leggere correndo? Ecco Run-N-Read!

Può essere difficile provare a leggere mentre si usa un tapis-roulant, rimbalzi su e giù è il testo rimane fermo. Un prototipo chiamato Run-N-Read punta a risolvere questo problema con un sensore indossabile che fa muovere il testo su e giù in sincronia con te. Questo nuovo dispositivo, che consiste in un piccolo fermaglio con al suo interno alcuni sensori che rilevano gli spostamenti, può essere fissato sul colletto della maglietta o sulla fascia per la testa, collegata poi con un app dedicata per ebook-reader che muove la pagina su e giù per metterla in sincronia con i tuoi occhi in funzione del tuo movimento.

Questa sincronizzazione dovrebbe ridurre l’affaticamento oculare mentre si corre, ma potrebbe essere d’aiuto anche in auto o in treno dove a volte abbiamo di stessi problemi per colpa della strada sconnessa. Run-N-Read può essere utilizzato anche come un semplice contapassi e ha un’autonomia di 20 ore. L’applicazione per Android a cui si collega viene fornita gratuitamente con il dispositivo e probabilmente sarà compatibile con libri senza formato DRM.

Run-N-Read sta cercando fondi attraverso Dragon innovation, che usa una politica diversa rispetto a Indiegogo i Kickstarter. I consulenti di Dragon infatti sono attivamente coinvolti collaborando con il team allo sviluppo e alla produzione del dispositivi. Dragon Innovation, non è nuova in questo mondo, aveva precedentemente lavorato con compagnie come Pebble e MakerBot. Run-N-read sarà disponibile sul mercato alla cifra di 55 dollari a partire da gennaio 2014..

Fonte: www.techgenius.it

...continua
Marketing & Innovation

Matteo Zago: un ebook per approfondire il Twitter Marketing

Ho iniziato a lavorare con i social quando in Italia è iniziata la loro popolarità pervasiva, ossia attorno al 2008. Attualmente mi occupo di potenziare la visibilità social di diverse importanti aziende, organizzando e gestendo campagne volte ad aumentare la Brand awareness.

Hai appena pubblicato un e-book dedicato a Twitter: Guida al Twitter marketing. Quali sono i tuoi obiettivi con questa pubblicazione?

Ho intenzione di far conoscere a un’utenza il più ampia possibile tutte quelle informazioni utili a iniziare una strategia performante in Twitter. Sui social c’è in generale poca conoscenza approfondita del mezzo è per questo dunque che ho deciso di realizzare questa guida.

Che argomenti tratti nel tuo libro?

Guida al Twitter Marketing vuole essere uno strumento di informazione dedicato a tutti quelli che vogliono approfondire l’argomento Twitter, e acquisire quella knowledge che può essere utile sia a gestire una piccola realtà aziendale, sia a mettere in piedi una strategia di marketing più ampia. Viene trattato Twitter a 360° come i trucchi e segreti che si celano dietro questo social, come funziona nello specifico il meccanismo dei Trend Topic, come far decollare un business con Twitter, Case History di successo ecc..

Quale è il valore aggiunto di Twitter per un’azienda?

In un contesto di overload informativo è fondamentale operare in maniera sintetica e incisiva, e Twitter svolge un ruolo importantissimo in questo contesto, oltre che nel campo legato agli eventi, grazie alla possibilità di pubblicare aggiornamenti in tempo reale, regalando pillole chiare e incisive al pubblico interessato.

Fonte: www.techgenius.it

...continua
1 ... 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 ... 39


Video

SMXL Milan 2023 - Charles Farina

Google Analytics 4 and Adobe Analytics Lead, Asdwerve,

AIXA Summit 2023 - Prof. David J. Gunkel

Professore del Dipartimento della Comunicazione e autore, Northern Illinois University

SMXL Milan 2022 - Fiona Bradley

Founder & Director, FB Comms
1 | 2 | 3 | 4