Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

Human Resources

Last News

Human Resources

Renzi: nella legge di stabilità ci sarà una nuova diminuzione delle tasse sul lavoro

«Penso e credo che nella legge di stabilità avremo un ulteriore diminuzione di tasse sul lavoro. Ci sono varie ipotesi sui modi, ma la finanzieremo con i tagli alla spesa». Lo ha detto Matteo Renzi, ospite della trasmissione di Rai Uno, Porta a Porta. Fra le ipotesi per la copertura « sia la soluzione Irap che la soluzione contributiva hanno pro e contro», ha spiegato Renzi, ma di sicuro «la finanziamo con la riduzione della spesa». Il che comporterà che «non subito verranno fuori dati positivi, perché quando tagli la spesa tagli dei denari che circolano, magari all'inizio si balbetta un po'». La manovra che il governo sta portando avanti continuerà con la legge di Stabilità «non l'ha mai fatta nessuno prima di noi - ha rivendicato Renzi -: stiamo riducendo il peso dello Stato e tagliando la pressione fiscale».

Da Draghi la mossa per la svolta della politica monetaria
Poi ha parlato del presidente della Bce, Mario Draghi, che ha dato una svolta alla politica monetaria. «Draghi ha messo a disposizione 200 miliardi di euro e non li dà a me, ma alle banche; ma alle banche dice che vanno dati agli imprenditori e non per prendere soldi a meno dell'1 per cento e poi fare lavoro sui titoli di Stato senza rischi. È un passaggio importante che potrebbe fare la svolta della politica monetaria europea», ha detto il premier Matteo Renzi. E ha parlato anche di euro, che se «scendesse rispetto al dollaro, se arrivasse più vicino all'1,20 che all'1,30 sarebbe positivo per le nostre aziende».

[…]

FONTE: www.ilsole24ore.it


 

...continua
Human Resources

La Cassazione, l'assenteismo tattico può comportare il licenziamento

È legittimo il licenziamento del lavoratore assenteista anche se il numero di assenze non supera il periodo di «comporto», cioè la somma dei giorni di malattia consentiti.
Lo ha stabilito la Cassazione respingendo il ricorso di un lavoratore che con le sue numerose assenze per malattia, a «macchia di leopardo» e agganciate ai giorni di riposo, aveva fornito «una prestazione lavorativa non sufficiente e proficuamente utilizzabile dall'azienda».

La Cassazione ha quindi confermato il licenziamento intimato all'uomo da un'azienda di materiale edile della provincia di Chieti. La corte d'appello de l'Aquila aveva, infatti, accertato, ascoltando come testimoni i colleghi, le assenze sistematiche, per «un numero esiguo di giorni», ma «reiterate», a «macchia di leopardo» e «costantemente agganciate» ai giorno di riposo. Per le modalità con cui si verificavano, concorda la sezione lavoro della Cassazione (sentenza n.18678), «davano luogo ad una prestazione lavorativa non sufficientemente e proficuamente utilizzabile» per l'azienda.

Nel ricorso il lavoratore contestava che le sue assenze non avessero superato il periodo di comporto, e che pertanto si trattasse di un licenziamento premeditato, senza giusta causa. Dal punto di vista giuridico la Corte ancora invece la decisione a precedenti pronunce su licenziamenti «per scarso rendimento». La Corte ribadisce sì che «il datore di lavoro non può recedere dal rapporto prima del superamento del limite di tollerabilità dell'assenza», tuttavia in questo caso le assenze per malattia assumono rilevo per la prestazione lavorativa «inadeguata sotto il profilo produttivo e pregiudizievole per l'organizzazione aziendale».

Infatti, spiega la Corte, le assenze «comunicate all'ultimo momento determinavano la difficoltà, proprio per i tempi particolarmente ristretti, di trovare un sostituto», considerando che le assenza si verificavano soprattutto in coincidenza «del fine settimane o del turno di notte».


FONTE: www.ilmessaggero.it


 

...continua
Human Resources

Poletti: “Con la legge delega mercato del lavoro più equo e inclusivo”

Il titolare del ministero del Lavoro commenta i dati Ocse sulla disoccupazione. "Nel nostro paese situazione drammatica". Le riforme all'esame del Senato, dice, favoriranno la ripresa

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti (Ansa)
• Lavoro. Ocse: in Italia un giovane su 2 è precario. Disoccupazione al 40%. Urge riforma
• Disoccupazione, a luglio sale al 12,6%. In calo quella giovanile
• Istat. Poletti: "Preoccupa la disoccupazione giovanile. Va sostenuta la strada della crescita"
 

La situazione dell’occupazione in Italia è drammatica, ma il governo sta lavorando alle riforme necessarie. Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, risponde così all'Ocse che pubblica i dati sulla disoccupazione. Titolare del dicastero di Via Vebeto che cerca di infondere fiducia nel futuro.

"In Italia situazione dell'occupazione drammatica"
“Conosco bene – dice Poletti - la drammatica situazione dell’occupazione nel nostro paese, figlia di una crisi che ci sta colpendo da oltre sette anni e che è aggravata dalle attuali tensioni del contesto europeo ed internazionale e da cattive politiche del passato, che non hanno saputo costruire un rapporto efficace tra scuola e lavoro ed un mercato del lavoro trasparente, efficiente e fondato sulle politiche attive. Hanno prevalso gli scontri ideologici a scapito di scelte pragmatiche in linea con gli altri paesi europei”.

"Mercato più efficiente con la legge delega"
La via d’uscita, secondo il ministro, passa per la legge delega attualmente all’esame del Senato, “per la cui rapida approvazione il governo sta assicurando un forte impegno”. Il provvedimento, spiega, “prevede non solo un’ampia riforma della regolamentazione del lavoro, ma anche il rafforzamento degli strumenti di politiche attive per il lavoro ed il riordino degli ammortizzatori sociali, oltre ad una semplificazione delle procedure e degli adempimenti a carico dei datori di lavoro”. Secondo Poletti, “è così che riusciremo a creare un mercato del lavoro più semplice ed efficiente, più equo ed inclusivo, migliorando la produttività generale del sistema Italia rendendolo, anche da questo punto di vista, più europeo”.

 

FONTE: http://www.rainews.it/
 

 

...continua
Human Resources

Poletti: c'è la legge delega, un controsenso fare un braccio di ferro sull'articolo 18.

Rimini - Basta "scazzottate" sull'articolo 18 che in passato non hanno portato a nulla, discuterne ora è un controsenso, c'è una legge delega per riordinare il mercato del lavoro e il Governo procede con quella. Il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, dal meeting di Rimini, sgombra anzitutto il campo da possibili "distanze" rispetto a Renzi ("marginalizzato? assolutamente no, l'ho sentito anche ieri) e conferma l'intenzione dell'esecutivo di procedere nel riordino del mercato del lavoro in modo organico, senza strappi sull'articolo 18. "Impiantare un braccio di ferro su questo senza definire il quadro di contesto è un controsenso. La discussione politica ci sta, ma per il Ministro conta la Legge Delega, che è del Governo non solo mia".
Cambiare il mercato e le regole è tuttavia fondamentale, a partire dai contratti, per cui Poletti spiega di essere a favore di una formula a tutele crescenti per il contratto a tempo indeterminato che sia meno onerosa rispetto alle formule di flessibilità oggi esistenti. "Altrimenti - spiega - nessuno ricorrerà a questo nuovo strumento". In arrivo anche un riordino globale degli ammortizzatori sociali, la cui filosofia di fondo sarà una corrispondenza di diritti e doveri. "Oggi le erogazioni sono senza alcuna condizione. La nostra idea è diversa: il disoccupato che riceve un contributo ha degli obblighi e deve fare delle cose"Ma le norme non bastano".

A cambiarle ci si mette 5 minuti, è più difficile cambiare la testa". Per il Ministro il nodo vero è più di carattere "filosofico" e riguarda il rapporto lavoro-impresa, visto in modo antagonistico, con quest'ultima considerata sempre con sospetto, come un oggetto da contenere e controllare. "Troppa gente - spiega - pensa che questo sia il luogo in cui si sfrutta il lavoro e questo è il grosso problema dell'Italia. Potremo dire di aver capito quando il primo maggio sarà la festa del lavoro e anche dell'impresa". E infine le pensioni. Il ministro nega l'ipotesi di qualsiasi intervento o contributo di solidarietà, anche se in via di principio ribadisce la validità del concetto, "in via di principio mi pare una cosa normale: in questa fase di crisi credo occorra anche un atto di solidarietà dentro al sistema previdenziale".


FONTE: www.ilsole24ore.it


...continua
Human Resources

Sperimentazione, Networking, taglio costi e Perfomance

Quattro parole chiave. Quattro. Si tratta delle dimensioni che ho personalmente colto da una giornata intensa e molto proficua e che ci riportano alla realtà complessiva della Formazione in Italia.

Sono parole che in effetti ci descrivono un Sistema Italia, che arranca ma che non abbassa la testa, punta in alto e cerca di conciliare l’esigenza di contrasto di una crisi che ci mostra una lontana luce in fondo al tunnel con quello che agli italiani è sempre venuto molto bene: fare buon viso a cattiva sorte, rimboccarsi le maniche e … lavorare!

Training Strategies for Leaders, l'evento organizzato da Business International - Fiera Milano Media ha presentato un panorama piuttosto vasto e completo di come la formazione contemporanea possa ancora fare alcune cose, quanto sia indispensabile fare queste cose e quali risultati queste cose possano portare.

Parliamo quindi delle quattro azioni fondamentali che la formazione italiana fa, può fare meglio e deve continuare a fare.

1. Sperimentare

Tutti i casi riportati e le esperienze del Convegno hanno in comune un elemento che contraddistingue il nostro approccio all’innovazione: la sperimentazione.
La formazione deve evolvere, spingersi oltre i normali e tradizionali confini a cui siamo abituati. E la sperimentazione diventa il fil rouge della maggior parte delle esperienze condivise con diverse decine di persone.
Sperimentazione che riguarda gli strumenti, la metodologia, gli approcci, l’uso della tecnologia (anche se su questo aspetto sarei un po’ critico come sto scrivendo nel mio post su WebinarPRO.it “Tecnologia vs. Formazione: 1-0” e che deve sempre di più coincidere con una sperimentazione mentale, un’esplorazione concreta di nuovi paradigmi e nuovi approcci.
Gli esempi che abbiamo avuto vanno in questa direzione, facciamo in modo che sia un atteggiamento sempre più condiviso e la luce in fondo al tunnel si allargherà sempre di più, fino a tornare a rivedere le stelle.

2. Creare sistema e fare networking

La formazione non è un’isola a sé. Non è nemmeno un arcipelago. La formazione è uno strumento, una parte del tutto, una fase di un processo dinamico, vitale, in eterna evoluzione. E le aziende incontrate in questa giornata ne sono un bell’esempio. La formazione deve integrarsi con l’intero sistema aziendale in modo sempre più stretto e vitale, sempre più sinergico e non solo.
Una delle parole chiave emerse all’inizio è proprio networking e spesso il termine è la risposta per offrire una via di fuga proprio alla fuga: se la formazione diventa un ponte con sistemi esterni più ampi, allora le risorse si trovano e diventano ottimali

3. Valorizzare e ottimizzare

Performance, performance, performance. Se la riduzione dei costi sembra aver sostituito altre istanze ben più nobili, è anche vero che l’ingegno sta rispondendo in modo concreto: le aziende (le migliori, almeno!) sempre più mirano al massimo risultato, nonostante le risorse contenute.
Si potrebbe dire, dagli interventi del convegno, che la performance rimanga un secondo fio conduttore, un’esigenza che non abbandoniamo seppur i fondi e le risorse economiche possano ridursi sempre più.
A tal scopo, risulta sempre più efficace l’uso della tecnologia, come abbiamo più spesso indicato anche su WebinarPRo, che sta rispondendo egregiamente all’esigenza di formare a distanza centinaia di persone, far comunicare venditori e agenti sparsi sul territorio nazionale e internazionale e tagliare nettamente, se non azzerare del tutto i costi di trasferta e spostamento. La soluzione? Videoconferenze, Riunioni online, WebTraining di qualità, con un occhio attento alla qualità dell’interazione, e non solo alla piattaforma webinar!

4. Puntare all’eccellenza

Insomma, la formazione può puntare all’eccellenza, può ancora valorizzare il patrimonio umano (piuttosto che il concetto di risorse umane, vecchio e obsoleto).
Possiamo tenere alta la testa e considerare le best practice sperimentate in Italia e non solo (considerata l’importante esperienza di realtà che hanno un braccio d’azione ben più ampio presenti al convegno) come modelli da seguire, visioni di un insieme che tutto sommato può ancora rubarci un lieve sorriso di orgoglio con i colori verde, bianco e rosso.

fonte: www.b2corporate.com

...continua
Human Resources

La formazione come leva dell’apprendimento organizzativo

Nuova pagina 3

Le persone producono sempre meno beni materiali e sempre di più generano, comunicano, integrano conoscenza, capace di assicurare la continuità dei valori aziendali e di sostenere il cambiamento necessario a garantire la competitività alle aziende.

Le scelte e le politiche di formazione delle Risorse Umane diventano uno strumento fondamentale per presidiare i processi di trasmissione del sapere, di riqualificazione, di crescita professionale e di sviluppo della cultura manageriale.

E questo è tanto più vero quanto i contesti in cui le aziende si trovano ad operano vivono momenti di difficoltà.

La ricerca, l’educazione, la formazione e lo sviluppo sono, pertanto, investimenti immateriali essenziali e rappresentano oggi la vera sfida per l’impresa competitiva.

- Ma quali sono le metodologie maggiormente efficaci per la formazione delle Risorse Umane?
- Quali sono le tendenze per il prossimo futuro?
- Vi sono aziende che hanno sperimentato modalità di formazione particolarmente efficaci, dato il periodo storico che viviamo?

Se ne parlerà nel corso del Convegno organizzato da Business International: Training strategies for Hr Leader, a Milano il prossimo 18 giugno.
 

Iscriviti all'evento   Diventa Partner dell'evento

Quota di partecipazione
€. 690+iva
scarica la scheda di adesione
oppure iscriviti online

 

Per maggiori informazioni
Anna Paola Mocci
a.mocci@businessinternational.it
Tel. 06.84541.278

...continua
1 ... 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22


Video

HR Business Summit - Alessandro Ossola

Atleta Paralimpico

HR Business Summit - Maurizio Decastri

Professore ordinario di Organizzazione Aziendale, Università di Tor Vergata e Presidente Eos Management Consulting

HR Business Summit - Roberto Colarossi

Senior Sales Director, Indeed
1 | 2 | 3