Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni o disattivazione consulta l’informativa cookie. OK

EVENTS, TRAINING & DIGITAL CONTENT
for Executive

Business International nasce nel 1987 come spin-off di The Economist con cui organizza in Italia eventi come Business Roundtable e Tavola Rotonda con il Governo Italiano e produce conferenze, corsi di formazione e gruppi di lavoro di benchmarking per senior executive manager di aziende italiane e multinazionali.

Oggi Business International è parte del Gruppo Fiera Milano - il più grande operatore fieristico e congressuale italiano e uno dei maggiori al mondo - ed è attiva su Milano e su Roma nella organizzazione di annual conferences, nella produzione di corsi di formazione e nella  generazione di  opportunità di networking per manager e aziende.
 

EVENTS TRAINING DIGITAL CONTENT

Scroll down

CALENDARIO EVENTI

TOP SPEAKER

Walter Veltroni
Scrittore e saggista

Nunzia Ciardi
Vice Direttore Generale
Autorità per la Cybersicurezza Nazionale, ACN

Paolo Crepet
Psichiatra, Sociologo e Scrittore

Maura Latini
Amministratrice Delegata
Coop

Federico Ghizzoni
Presidente
Rothschild & Co Italia

Carmen Carulli
CPO
L’Oreal

*

SPONSORSHIP OPPORTUnitIES

Gli eventi di Business International riuniscono i decision maker delle principali business community e costituiscono occasioni uniche per entrare in contatto diretto con rappresentanti qualificati del mondo aziendale, istituzionale ed accademico.

Oltre 200 Aziende scelgono le nostre opportunità di event sponsorship per fidelizzare clienti, generare lead, entrare in mercati emergenti, individuare nuove opportunità di business.

Sponsorship Speaking  Eventi Ad Hoc

NEWS & MEDIA

SMXL Milan 2023 - Charles Farina
Google Analytics 4 and Adobe Analytics Lead, Asdwerve,
VAI
AIXA Summit 2023 - Prof. David J. Gunkel
Professore del Dipartimento della Comunicazione e autore, Northern Illinois University
VAI
RE-Inventing Finance 2023 - Paolo Casalino
Direttore Generale, UDM PNRR, Ministero delle Imprese e del Made in Italy
VAI
Finance & Administration
IN AZIENDA, SEMPRE PIÙ DONNE DIVENTANO CFO

Secondo una recente fotografia degli ultimi 12 mesi realizzata da parte di Crist | Kolder Associates, relativamente ai CFO presenti nella maggior parte delle più grandi aziende quotate in borsa, è stata evidenziata una crescita nelle nuove nomine in rosa nella posizione di CFO, con un tasso maggiore di direttori finanziari assunti per la prima volta dal 2020, e un aumento dei CFO che sono diventati CEO. Tra l’altro, sempre secondo gli analisti internazionali, il ruolo del direttore dell’area AFC oggi a livello globale strizza sempre di più l’occhio non solo a una diversity di genere, ma anche all’attenzione verso una variegata diversità etnica e razziale.

 

Una tema, questo, che abbiamo voluto comprendere meglio, attraverso l’analisi commentata della survey, che vi proponiamo di seguito, anche in vista della prossima edizione del CFO Summit, l’evento dedicato al mondo dei direttori finanziari d’azienda previsto il prossimo 11 e 12 giugno 2024 presso gli spazi dell’Allianz MiCo di Milano, all’interno del Business Leaders Summit, e organizzato da Business International, la knowledge unit di Fiera Milano.

 

LE DONNE DEL FINANCE

Il numero di donne CFO sta continuando la sua graduale scalata per rompere il cosiddetto “soffitto di cristallo”, come dicono gli americani, e nel 2023 il 18.5% (124) dei CFO di aziende quotate a livello globale erano donne, in salita dal 10% riscontrato nel 2013. Nel settore consumer si è notata una progressione continua nell’aprire la pista a questo cambiamento, con 30 donne CFO presenti nelle principali aziende dell’industry, mentre nel mondo healthcare c’è ancora del lavoro da fare con solo otto donne CFO. I numeri legati alla diversity etnica e razziale, invece, stanno crescendo più lentamente, con solo 86 professionisti che ricoprono il ruolo di CFO negli ultimi 12 mesi e che hanno questo tipo di background sociale differente, dai 59 attivi nel 2019.

 

LA D&I: UN VALORE IN CRESCITA

Secondo i dati di Crist|Kolder Associates, inoltre, nell’ultimo anno sono aumentate anche le aziende che al loro interno, nella posizione di CFO, vorrebbero vedere un range più variegato di professionisti, sotto un profilo etnico o razziale. Un’altra buona notizia per tutti quei direttori finanziari che sperano di diventare CEO un giono, è il fatto che nel 2023 l’8.4% dei top manager assunti come CEO precedentemente ricopriva il ruolo di CFO — la più alta percentuale di sempre all’interno delle statistiche prodotte da Crist|Kolder, che dal 2013 analizza questo particolare segmento di mercato.

 

IL TURNOVER NON E' PIU' TABU' NEMMENO TRA I CFO

Mentre fino a qualche anno fa il turnover dei CFO in azienda era una vera e propria notizia, nel 2023 questa movimentazione è diventata la nuova normalità con il 17% di nuovi direttori finanziari nel solo 2023 all’interno delle aziende quotate a livello globale. Chiaramente, però, il fenomeno varia in base al settore di appartenenza dell’organizzazione — con l’healthcare, per esempio, che vede il minor numero di CFO cambiati nell’ultimo anno (8%), mentre le aziende nell’ambito dei servizi hanno il più alto tasso di nuovi professionisti in questa posizione all’interno delle imprese (18.8%). La media della permanenza di un CFO all’interno della stessa azienda, ormai, è scesa a 4.7 anni. Il settore dell’energy, in questo senso, ha la media più bassa, 4 anni, seguita dalle aziende del mondo consumer, 4.3 anni. La crescita nelle nuove assunzioni di CFO provenienti da altre aziende — circa il 43% di nuovi CFO sono stati selezionati da altre realtà — mostra come molti direttori dell’area AFC siano sempre più alla ricerca di nuove opportunità al di fuori della propria organizzazione e come anche ci sia sempre più richiesta, da parte delle aziende per questo tipo di profili. Nonostante questo, però, i candidati interni all’azienda che possono accedere a queste posizioni sono in crescita, con il 57% dei CFO in uscita dalle imprese l’anno scorso che sono stati sostituiti da candidati interni alle società. In questo senso, tra l’altro, un’ulteriore evidenza delle dinamiche di movimentazione dei direttori finanziari è stato il fatto che, come avveniva nel 2022, anche in questo 2023 le persone che sono state promosse al ruolo di CFO siano state in maggioranza profili che ricoprivano precedentemente il ruolo di Vice President, Senior Vice President, o Executive Vice President del dipartimento finance delle aziende, o alcuni tipi di posizioni di leadership nei segmenti FP&A. Al secondo posto di questa particolare classifica nella scalata alla posizione del CFO si possono trovare i controller e i chief accounting officer, seguiti dao presidenti di divisione, responsabili della tesoreria, e responsabili dell’investment banking di gruppi societari di grandi dimensioni, o responsabili di sviluppo, pianificazione o strategia industriale.

CONTINUA
Risk Management & Cyber Security
ALLIANZ RISK BAROMETER: IN ITALIA PREOCCUPA LA BUSINESS CONTINUITY, MA A LIVELLO GLOBALE IL RISCHIO MAGGIORE DEL 2024 RIMANE LA CYBERSECURITY

Secondo l'Allianz Risk Barometer, i rischi informatici, come gli attacchi ransomware, le violazioni dei dati e le interruzioni dei sistemi informatici sono la principale preoccupazione per le aziende a livello globale nel 2024. Al secondo posto si colloca un pericolo strettamente collegato: l'interruzione dell'attività. Le catastrofi naturali (che salgono dal 6° al 3° posto rispetto all'anno precedente), gli incendi, le esplosioni (dal9° al 6° posto) e i rischi politici e violenza (dal10° all'8° posto) registrano i maggiori aumenti nell'ultima classifica dei principali rischi aziendali a livello globale, basata sulle opinioni di oltre 3.000 professionisti della gestione del rischio.

 

Una fotografia, questa, che abbiamo voluto approfondire meglio in questo articolo - anche in vista della prossima edizione del Global Risk Forum, previsto il prossimo 11 e 12 giugno 2024 presso l'Allianz MiCo di Milano, all'interno del Business Leaders Summit - e che, in Italia, invece, vede business continuity cybersecurity a pari merito sul primo gradino del podio e il cambiamento climatico, con i rischi fisici, operativi e finanziari derivanti dal riscaldamento globale, al terzo posto.

 

"I rischi più importanti e quelli con la maggiore crescita nell'Allianz Risk Barometer di quest'anno - ha commentato Petros Papanikolaou, CEO di Allianz Commercial - riflettono le grandi problematiche che le aziende di tutto il mondo devono affrontare in questo momento storico: la digitalizzazione, il cambiamento climatico e l'incertezza dello scenario geopolitico. Molti di questi rischi già producono notevoli conseguenze: nel 2024 le condizioni meteorologiche estreme, gli attacchi ransomware e i conflitti regionali metteranno ulteriormente alla prova la resilienza delle supply chain e dei modelli aziendali. I broker e i clienti delle compagnie assicurative dovrebbero essere consapevoli di ciò e adeguare di conseguenza le loro coperture assicurative".

 

LE PREOCCUPAZIONI DELLE IMPRESE

Le grandi aziende, le medie e le piccole imprese sono accomunate dalle stesse inquietudini in materia di rischi: preoccupazioni per i sistemi informatici, le interruzioni dell'attività e le catastrofi naturali. Tuttavia, si amplia il divario di resilienza tra le grandi e le piccole imprese, in quanto la consapevolezza del rischio tra le organizzazioni più grandi è cresciuta dopo la pandemia, con un notevole impulso a migliorare la resilienza, come attesta il report. Al contrario, le aziende più piccole spesso non hanno il tempo e le risorse per identificare e prepararsi efficacemente a una gamma più ampia di scenari di rischio e, di conseguenza, impiegano più tempo per far ripartire l'attività dopo un incidente imprevisto. 

 

LA TOP 10 DEI RISCHI IN ITALIA

In Italia, come anticipato, i tre rischi principali sono: l'interruzione dell'attività (che passa dal 2° al 1° posto rispetto all'anno precedente) a pari merito con i rischi informatici (che mantengono il 1° posto) e i cambiamenti climatici che balzano dal 5° al 3° posto raccogliendo circa un terzo delle risposte. Al 4° posto troviamo, poi, le catastrofi naturali (in aumento dal 7° nel 2023), seguiti dai rischi politici e violenza (dall'8° al 5° posto) e dai cambiamenti nello scenario macroeconomico (dal 4° al 6° posto). A seguire nel ranking Top 10 in Italia, troviamo a pari merito al 7° posto tre categorie: la perdita di reputazione o del valore del brand, i cambiamenti nei mercati (dall'8° posto) e il rischio richiamo del prodotto dal mercato per problemi di gestione della qualità o difetti di serie. Chiude la graduatoria, al 10° posto, la crisi energetica in calo di 7 posizioni (dal 3° posto). "Gli eventi naturali che hanno colpito il Paese nel 2023 - ha sottolineato Marco Vincenzi, Regional Managing Director Southern Europe di Allianz Commercial - hanno sicuramente trovato riscontro nelle risposte degli intervistati. In continuità con le precedenti edizioni hanno mantenuto le prime due posizioni interruzione dell'attività e rischi informatici, ma scalano la classifica cambiamento climatico e catastrofi naturali. Dobbiamo essere pronti e supportare le preoccupazioni dei nostri clienti ed intermediari in questo ambito".

 

COSA INFLUENZERA' IL CYBER RISK NEL 2024?

I rischi informatici (36% delle risposte complessive) sono il rischio più importante a livello globale per il terzo-anno consecutivo e per la prima volta con un netto margine (5 punti percentuali rispetto alla seconda posizione). Rappresentano il pericolo principale in 17 paesi, tra cui Australia, Francia, Germania, India, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. La violazione dei dati è considerata la minaccia informatica più allarmante per gli intervistati dell'Allianz Risk Barometer (59%), seguita dagli attacchi alle infrastrutture critiche e ai beni fisici (53%). Il recente aumento degli attacchi ransomwc;ire (il 2023 ha visto una preoccupante recrudescenza dell'attività, con un aumento delle richieste di risarcimento assicurativo di oltre il 50% rispetto al 2022) li colloca al terzo posto (53%). "I criminali informatici - ha spiegato Scott Sayce, Global Head of Cyber di Allianz Commercial - stanno esplorando modi per utilizzare nuove tecnologie come l'intelligenza artificiale generativa (IA) per automatizzare e accelerare gli attacchi, creando malware e phishing più efficaci. Si prevede anche che il crescente numero di incidenti causati da un inadeguato sistema di sicurezza informatica, in particolare nei dispositivi mobili, la mancanza di milioni di professionisti della sicurezza informatica e la minaccia che incombe sulle aziende più piccole a causa della loro dipendenza dall'esternalizzazione dell'IT saranno i fattori che guideranno le attività informatiche nel 2024".

 

INTERRUZIONE DELLE ATTIVITA' E CATASTROFI NATURALI

Nonostante il ridimensionamento delle interruzioni alle catene di approwigionamento post­ pandemia nel 2023, nell'Allianz Risk Barometer 2024 l'interruzione dell'attività (31%) mantiene la sua posizione al 2° posto nel ranking globale. Questo risultato riflette il livello di interconnessione in un contesto economico globale sempre più volatile, nonché la forte dipendenza dalle supply chain per prodotti o servizi critici. Il miglioramento della gestione della continuità operativa, l'identificazione dei colli di bottiglia nella catena di approwigionamento e la ricerca di fornitori alternativi continuano a essere priorità fondamentali nella gestione dei rischi per le aziende nel 2024. Le catastrofi naturali (26%) registrano uno dei maggiori incrementi, con un aumento di tre posizioni che le colloca al terzo posto. Il 2023 è stato un anno record su diversi fronti. Si è trattato dell'anno più caldo dall'inizio delle rilevazioni, mentre le perdite assicurate hanno superato i 100 miliardi di dollari per il quarto anno consecutivo a causa dei danni più elevati mai registrati, pari a 60 miliardi di dollari, causati da violenti temporali. A livello mondiale, le catastrofi naturali sono il rischio numero uno in Croazia, Grecia, Hong Kong, Ungheria, Malesia, Messico, Marocco, Slovenia e Thailandia, e molti di questi paesi hanno subito alcuni degli eventi più rilevanti-del 2023. In Grecia, nel mese di agosto, si è verificato un incendio vicino alla città di Alexandroupolis che è stato il più esteso mai registrato nell'UE. Al contempo, alcune forti inondazioni in Slovenia hanno provocato uno degli eventi più gravi nella supply chain, causando ritardi nella produzione e carenze di componenti per le case automobilistiche europee.

 

DIFFERENZE REGIONALI: IL RISCHIO VISTO DA DIVERSI PUNTI DI VISTA

A livello globale, il cambiamento climatico (18%) non assume una rilevanza maggiore rispetto all'anno precedente, collocandosi al 7° posto, ma è tra i primi tre rischi aziendali in Italia - colpita dall'alluvione in Emilia-Romagna e dalle grandinate record nelle regioni del Nord - in Grecia, Turchia, Brasile e Messico. I danni fisici ai beni aziendali causati da eventi meteorologici estremi più frequenti e gravi sono una minaccia fondamentale. I settori dei servizi di pubblica utilità, dell'energia e dell'industria sono tra i più esposti. Inoltre, si prevede che i rischi di transizione a un'economia a zero emissioni e i rischi di responsabilità civile aumenteranno in futuro, poiché, per trasformare i loro modelli di business, le aziende investono in nuove tecnologie a basse emissioni di carbonio, in gran parte non collaudate. Alla luce dei conflitti in corso in Medio Oriente, in Ucraina e delle tensioni tra Cina e Stati Uniti, non sorprende che rischi politici e violenza (14%) siano saliti dalla 10° all'8° posizione. Il 2024 sarà un anno caratterizzato da elezioni molto importanti: ben il 50% della popolazione mondiale sarà chiamato alle urne in paesi come l'India, la Russia, gli Stati Uniti e il Regno Unito. L'insoddisfazione per i potenziali risultati, unita all'incertezza economica generale, all'alto costo della vita e alla crescente disinformazione alimentata dai social media, fa sì che la polarizzazione della società sia destinata ad aumentare, scatenando ulteriori conflitti sociali in molti paesi. Tuttavia,.tra gli intervistati dell'Allianz Risk Barometer emerge la speranza che nel 2024 si possa assistere a un progressivo assestamento della forte instabilità economica verificatasi dallo shock della pandemia, con il risultato che gli Sviluppi macroeconomici (19%) sono scesi dal 3° al 5° posto. Tuttavia, secondo Allianz Research, le prospettive di crescita economica nel 2024 rimangono deboli: poco più del 2% a livello globale. "Questa crescita poco brillante - ha confermato Ludovic Subran, Chief Economist di Allianz - deve considerarsi un male necessario: gli alti tassi di inflazione saranno finalmente un ricordo del passato e ciò darà alle banche centrali un certo margine di manovra; è probabile che i tassi di interesse scendano nella seconda metà dell'anno e non più tardi, perché non ci si può aspettare uno stimolo dalle politiche di bilancio. Occorrerà seguire con attenzione il numero considerevole di elezioni nel 2024, i cui risultati potrebbero generare ulteriori sconvolgimenti". In un contesto globale, la carenza di forza lavoro qualificata (12%) è vista come un rischio minore rispetto al 2023 scendendo dall'8° alla 10° posizione. Tuttavia, le imprese dell'Europa Centrale e Orientale; del Regno Unito e dell'Australia la ritengono uno dei cinque principali rischi aziendali. Dato che in molti Paesi del mondo la disoccupazione è ancora ai minimi storici, le aziende ricercano più posizioni lavorative di quante siano le persone disponibili sul mercato del lavoro. I profili più difficili da trovare sono gli esperti di informatica o di dati, un problema particolarmente rilevante nella lotta contro la criminalità informatica.

CONTINUA
Supply Chain & Procurement
SACCHI (BEARINGPOINT ITALIA): PIANIFICAZIONE DIGITALE INTEGRATA? LA CHIAVE DI VOLTA DELLE FILIERE CONTRO LA CRISI

"Forse oggi, dopo i difficili anni del Covid, la recessione non è più così vicina, ma i margini aziendali continuano a essere sotto pressione. La crisi energetica scaturita dalla guerra in Ucraina ha fatto schizzare i costi di produzione costringendo le imprese a scaricarli sul consumatore finale; nel contempo la BCE, per contenere la crescente inflazione, ha progressivamente incrementato i tassi di interesse, con un conseguente aumento esponenziale del costo del denaro. In questo difficile contesto, il commercio non è stato particolarmente avvantaggiato e il 2024 si prospetta un anno complesso per le imprese italiane”. Inizia così, l’analisi prodotta da Gianluca Sacchi, Head of Consumer Goods & Retail di BearingPoint Italia, che in un recente whitepaper ha spiegato perché la pianificazione possa essere una delle vere chiavi di volta a disposizione non solo delle singole aziende, ma proprio delle intere filiere, per poter rimanere flessibili, resilienti e sempre operative anche in un contesto così complesso e difficile da gestire. Un documento che abbiamo voluto analizzare più approfonditamente per capirne gli spunti e il valore, anche in vista della prossima edizione del CPO Summit – l’evento dedicato al mondo dei Chief Procurement Officer che si terrà il prossimo 11 e 12 giugno 2024 presso l’Allianz MiCo di Milano, all’interno del Business Leaders Summit, organizzato Business Internaitonal, la business unit di Fiera Milano.

 

PIANIFICARE PER OTTIMIZZARE I COSTI

Complesso, sì, ma non impossibile – prosegue il manager –. Le imprese hanno, infatti, dalla loro parte un’arma che ancora oggi è spesso sottovalutata: puntare sull’ottimizzazione dei costi, che nel contesto attuale diventa un imperativo categorico per cercare di tenere in equilibrio i conti”. Le aziende che avevano strategicamente adottato una pianificazione tesa a questo genere di razionalizzazione, e che hanno investito sui sistemi di fornitura digitalizzati ed integrati, infatti, oggi sono ben posizionate per affrontare questa lunga crisi. “Disporre di un sistema digitale che connetta tutti gli anelli della supply chain – sottolinea Sacchi – permette, infatti, di prevedere le possibili evoluzioni della domanda, e di essere, dunque, più flessibili e agili nell’anticipare colli di bottiglia (bottlenecks) e adottare soluzioni efficaci in caso di imprevisti”. Le imprese che sono ancora indietro sulla strada della digitalizzazione non devono comunque disperare. “Perché hanno la grande opportunità di mettersi al passo sfruttando i fondi del Pnrr – spiega l’esperto –. A disposizione delle realtà che vogliono puntare su questa strategia, infatti, oggi ci sono: 23,89 miliardi di euro per la digitalizzazione e 0,63 miliardi per la logistica integrata. Spesso però il tema del ritardo è imputabile più alla resistenza culturale delle imprese che non a mancanze di risorse. Resistenza dettata dal fatto che spesso questi strumenti sono sconosciuti o di difficile comprensione”.

 

LA PIANIFICAZIONE DIGITALE INTEGRATA

Facciamo quindi un po’ di chiarezza: cosa intendiamo per strumenti digitali a supporto della pianificazione aziendale integrata? “Facciamo un passo indietro – continua Sacchi – e proviamo a descrivere in maniera più tecnica il sistema di pianificazione a cui abbiamo accennato in precedenza: la "pianificazione aziendale integrata" o "integrated business planning" (IBP). In estrema sintesi è la fusione in un unico piano di: Pianificazione Operativa: che si occupa della gestione quotidiana delle attività aziendali e della definizione degli obiettivi di breve termine; Pianificazione Strategica: che si concentra sulla definizione degli obiettivi di lungo termine; Pianificazione Finanziaria: che si focalizza sulla gestione delle risorse finanziarie – in termini di liquidità nel breve termine e di investimenti e finanziamenti nel lungo termine. Inoltre, la digitalizzazione del processo di pianificazione integrata rappresenta un importante facilitatore, un abilitatore del modello operativo della società, che deve però essere già strutturato nel dettaglio da un punto di vista organizzativo e di processo”. Quali sono però a questo punto i vantaggi della pianificazione integrata e gli ostacoli alla sua attuazione? La risposta del manager è la seguente: “I vantaggi sono evidenti: la pianificazione integrata consente di individuare eventuali rischi di fornitura e subfornitura e di sapere in anticipo quanti volumi sarà necessario produrre in previsione dell’andamento della domanda (con annessi i relativi picchi imprevisti), facendo scattare i “campanelli d’allarme" rispetto all’eventuale situazione di scarcity. A questa proiezione operativa si potranno poi collegare i piani finanziari e garantire il rispetto e la riconciliazione dei margini”. A ben vedere, ineffetti, i benefici dell’integrated business planning sono misurabili e, secondo le stime a disposizione dell’esperto, sono stati anche misurati. “Nei primi due anni dall’implementazione della strategia di pianificazione integrata – continua Sacchi – si evidenzia un aumento del 17% nella profittabilità, del 10% nel margine lordo e del 7,5% in termini di return on net assets (RONA)”. Tuttavia, sebbene le aziende discutano di pianificazione integrata da decenni, la maggior parte non è stata in grado di perseguirla. “Questo perché, per arrivare ad avere una buona pianificazione – sostiene il manager –, bisogna in primo luogo ottimizzare tutti i passaggi delle informazioni lungo la supply chain. Ad oggi, quindi, la pianificazione, anche nelle aziende che dichiarano di attuarla, è lenta, i processi sottostanti sono spesso mal strutturati e le informazioni e i flussi di lavoro vengono ripetutamente interrotti”. Questo avviene perché molto spesso la cultura e i processi aziendali seguono una logica “a silos” (ovvero ogni reparto fa il suo lavoro comunicando poco o per nulla con gli altri), mentre una buona riuscita dell’IBP richiede una cooperazione continua tra le funzioni aziendali. “Per fare un esempio pratico e virtuoso – aggiunge l’esperto –: la funzione Finance in collaborazione con la funzione Sales, dovrebbero interfacciarsi più volte all’anno con la funzione Operations per allineare e riconciliare gli obiettivi di vendita di medio/breve termine in quantità di prodotti/servizi da realizzare. La funzione Operations, considerando le risorse a disposizione e le tempistiche necessarie, dovrebbe poi tradurre questi obiettivi per la funzione Produzione. Questo processo integrato, se attuato con un certo dinamismo e allineato all’evoluzione di mercato, consente di abbattere gli sprechi – perché ottimizza le scorte a magazzino, in modo che siano sufficienti a far fronte alla domanda just in time – e agisce sui capex (le spese in conto capitale) che possono essere ottimizzati in base a questi flussi”. Dall’altra parte, invece, secondo Sacchi, di solito i maggiori ostacoli all’attuazione dell’IBP sono riconducibili a sei casi: “dalle vendite ai ricavi: quando la funzione Sales non riesce a trasformare i piani della domanda in un piano di ricavi, chi si occupa di costi non può pianificare un utilizzo delle risorse orientato alla domanda; dalle vendite alla produzione: quando si verificano deviazioni involontarie dei volumi di domanda presunti rispetto alla pianificazione della produzione e delle vendite, aumenta il costo della capacità inattiva (volume di produzione > volume della domanda) o si genera una perdita di quote di mercato (volume di produzione < volume della domanda); dalla produzione alle risorse: il disallineamento dei piani produttivi avviene quando le funzioni relative alle risorse (HR o procurement) hanno difficoltà a trovare professionalità o materiali in base ai volumi di produzione; l’allocazione dei costi del prodotto ai centri di costo: se non effettuata precisamente, spreca risorse e crea inefficienze nella produzione; investimenti in ambito finanziario: le spese in conto capitale (capex) nell'ambito della pianificazione degli investimenti devono essere armonizzate ed allineate all’evoluzioni del mercato in cui opera l’azienda e alle risorse disponibili; allineamento inter-organizzativo: i dati trasmessi all’interno del gruppo devono essere aggiornati e accessibili alle funzioni di riferimento, altrimenti il consolidamento del piano sarà più difficile”.

 

DIGITALIZZARE LE FILIERE: IL VALORE DELLE PMI

 Guardando però all’ossatura economica del nostro Paese, la domanda sorge spontanea: qual è in questo meccanismo evolutivo il ruolo delle piccole e medie imprese che rappresentano la maggioranza dei fornitori che supportano le aziende nello sviluppo delle proprie attività e strategie? La risposta di Sacchi, però, è pronta e veloce: “È un tema cruciale: sono proprio le pmi la chiave di volta per rendere l’intero ecosistema efficiente sul fronte della pianificazione integrata”. D’altronde, come si diceva, le pmi sono una colonna portante della nostra economia. Secondo uno studio del Politecnico di Milano, su 4,4 milioni di imprese attive in Italia, le microimprese con meno di 10 addetti sono quelle numericamente più importanti, rappresentando il 95,13% del totale, contro un 0,09% di grandi imprese. Le pmi sono invece circa 211mila, vale a dire il restante 4,78% del tessuto imprenditoriale italiano, e sono responsabili, da sole, del 41% dell’intero fatturato generato in Italia, del 33% dell’insieme degli occupati del settore privato e del 38% del valore aggiunto del Paese. Quanto al tema digitalizzazione, l’Italia ha fatto importanti passi in avanti negli ultimi 5 anni passando da fanalino di coda a 18esima sui 27 Paesi analizzati dall’indice Desi della Commissione Europea, ma ancora non basta. “I maggiori progressi – evidenzia l’esperto – sono stati in particolare nella connettività e integrazione delle tecnologie digitali, mentre siamo sotto la media, nel capitale umano e nei servizi pubblici digitali: in particolare, le pmi soffrono la mancanza di professionisti da assumere per gestire le tecnologie digitali di cui pure si sono dotate”. In questo contesto, il tema della resistenza culturale a cui abbiamo accennato è probabilmente l’ostacolo maggiore, legato alla mancanza di strumenti per comprendere l’importanza dell’implementazione di alcuni cambiamenti nella propria azienda. “Nelle imprese – spiega il manager –, solitamente il budget si riferisce all’anno successivo in cui viene elaborato, e la sua predisposizione avviene generalmente nei mesi tra settembre e dicembre. Ma spesso nelle aziende più piccole questo passaggio non c’è, in quanto non si ritiene possibile o necessario “prevedere costi e ricavi”. Il budget non è, infatti, una previsione, bensì una simulazione basata su ipotesi. “Tuttavia – chiosa Sacchi –, senza quella simulazione non si può avere una previsione e di conseguenza è più difficile procedere in modo razionale. Dalla nostra esperienza come consulenti in BearingPoint possiamo vedere che anche qui qualcosa si sta muovendo e specialmente gli imprenditori e le imprenditrici più giovani stanno cercando di dotarsi di quegli strumenti che possano aiutarli a pianificare in modo efficace e a mettersi al riparo dagli imprevisti. La strada è ancora lunga, i tempi sempre più difficili, ma la direzione è quella giusta”.

CONTINUA

SOCIAL NETWORK

Seguici sui canali Social di Business International. Resta aggiornato sulle nostre attività e potrai richiedere supporto ed informazioni, condividere contenuti multimediali, interagire con il nostro team di esperti e speaker, restare in contatto con la tua business community.