Tramite il sito sono installati cookie di terze parti anche profilanti. Clicca su "OK" o nella pagina per accettare detti cookie. Per maggiori informazioni consulta l’Informativa Cookie. OK
L'anno del voto

AT A GLANCE

Data: 15/02/18
Location: MoMeC - Montecitorio Meeting Centre
Indirizzo: Via della Colonna Antonina, 52
Città: 00186 Roma (RM)
Contatto:
Anna Maria Formicola
tel: 06.84.54.12.96
Sponsorship Opportunities:
Sales Team
tel: 06.845411
acquista gli atti
    • Come abbiamo visto nell'ultimo biennio, leggere la contemporaneità solo con le lenti dell'economista conduce inevitabilmente a gravi errori. La Brexit non era spiegabile con i grafici della crescita del Regno Unito di Cameron e Trump non se lo aspettava nessuno. Il tracollo dei partiti socialisti in Europa forse poteva avere qualche possibilità in più di esser visto e pre-visto, ma non il crac del Partito socialista in Francia, l'Austria che balla il valzer tutto a destra e non la riduzione dei due Volkspartei in Germania, la Cdu di Angela Merkel e la Spd di Martin Schulz.

      In questo scenario l'Italia, nell'anno che è appena cominciato, va al voto. Un'elezione che all'estero viene seguita con grandissima attenzione, anche perché l'Italia è il terzo debito pubblico del mondo. L’elezione con il Rosatellum reintroduce i collegi, l’eletto non dipende più dal partito, ma dai desideri e dalle pulsioni degli elettori del suo collegio. Una quota di eletti del nuovo parlamento italiano sarà, perciò, “irresponsabile” e autonoma rispetto alla linea dei partiti e alla cornice della politica nazionale.

      Che cosa significa tutto questo per le politiche aziendali, per le infrastrutture, per gli investimenti sul territorio italiano? Mario Sechi intreccia con attenzione tutti questi fili delineando i possibili esiti di una tornata elettorale che per l’Italia è la più importante dal 1948 e dell’impatto su impresa, lavoro, merito, studio, ricerca e futuro. Nonostante i dati macro stiano migliorando, l’Italia, infatti, non è fuori dal tunnel, con alcuni indicatori economici chiave che sono ancora sotto i livelli del 2008 mettendo a rischio la sostenibilità di lungo periodo del Paese (e possibilmente dell’euro). Molte sfide del passato sono ancora sul tavolo e le soluzioni a questi problemi non sono dietro l’angolo. Ma post-elezioni quale partito potrebbe realizzare le tanto attese riforme strutturali? Siamo di fronte a un declino o ad un possibile nuovo inizio?

SPEAKERS INCLUDE